USB 3.0, standard o ognuno per conto proprio?

USB 3.0, standard o ognuno per conto proprio?

Diverse le voci in rete riguardanti le specifiche USB 3.0, riguardanti un possibile sviluppo di percorsi differenti per diversi produttori

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 16:51 nel canale Storage
 

Si rincorrono in rete diverse notizie (ad esempio CNET) riguardanti le specifiche USB 3.0, attualmente allo studio ed in grado di offrire prestazioni dieci volte superiori a quanto offerto da USB 2.0. Tutto bene, se non fosse che Intel viene tacciata di reticenza nell'offrire dettagli sulle specifiche e sulle tecnologie correlate agli studi. Due aziende rivali produttrici di chipset, AMD e NVIDIA, rimproverano ad Intel di voler "giocare sporco", lasciandole all'oscuro di quello che sarà uno standard che verrà implementato in miliardi di apparecchi nei prossimi anni.

La posta in palio è molto alta, in quanto secondo AMD ed NVIDIA questa reticenza permetterebbe ad Intel di uscire sul mercato con prodotti maturi con un vantaggio di 6-8 mesi sulla concorrenza, che promette battaglia sotto forma di sviluppo in parallelo di specifiche USB 3.0, la cui compatibilità con quelle in mano ad Intel è tutta da verificare.

Facciamo un passo indietro: lo sviluppo e le specifiche USB 3.0 sono formalmente in mano all'USB 3.0 Promoters Group, di fatto un consorzio di diverse aziende che collaborano per la stesura degli standard e la definizione delle compatibilità. Ne fanno parte pezzi da novanta del calibro di Microsoft, Hewlett-Packard, Texas Instruments, NEC, NXP Semiconductors,e, ovviamente, Intel, nelle vesti di Working Fellow. 

Intel è di fatto il partner che più sta investendo nella ricerca e sviluppo di USB 3.0, la cui licenza di utilizzo, gratuita, verrà fornita anche a tutti i produttori di chipset che ne faranno richiesta. Vi sono diverse chiavi di interpretazione del problema, dunque. La prima vede il desiderio di Intel, legittimo, di avere una quasi esclusiva o vantaggio temporale dopo aver investito denaro e personale in un progetto sicuramente complesso e costoso. Un vantaggio temporale che, inutile negarlo, porterebbe ad una sorta di monopolio a tempo a danno della concorrenza.

Da qui le ire di AMD ed NVIDIA, sempre più convinte a spingere per lo sviluppo di specifiche che in teoria dovrebbero rendere compatibili le due nuove interfacce, ma di fatto è impossibile saperlo fino alla fase finale dello sviluppo. Si profilano dunque diversi scenari. Il primo prevede Intel in vantaggio sui concorrenti, con la possibilità di proporre sul mercato, nei proprio chipset, versioni USB 3.0 in via praticamente esclusiva. Il secondo vede invece Intel affiancata fin da subito da AMD e NVIDIA con proprie versioni di chipset integranti USB 3.0, le cui specifiche nella migliore delle ipotesi saranno identiche a quelle di Intel, nella peggiore con problemi di varia natura.

Ci sarebbe una terza via, con Intel aperta e ben disposta verso la concorrenza fin da subito. Difficile però credere che Intel si presti a tale mossa, fornendo sul piatto d'argento le specifiche allo studio (con gran dispendio di denaro e risorse umane), per giunta gratis. Non resta che attendere, ben sapendo che gli interessi in gioco sono enormi e che per questo motivo vi saranno sicuramente aggiornamenti a breve.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
monsterman09 Giugno 2008, 16:59 #1
ci voleva pure lo scontro su uno standard come l'usb

qualcuno se ne approfitta? E' lecito pensarlo d'altronde è in posizione predominante nel mercato quindi può tenerselo per sè per guadagnare qualche mese di vendite in più magari parcheggiare insieme una nuova piattaforma che poi diventerebbe il riferimento un po' come se divenisse il nuovo centrino.
doctormarx09 Giugno 2008, 16:59 #2

lavoro gratis

eh si, come se intel i lavoratori non li pagasse o sviluppare questa tecnologia gli costasse zero, io capisco gli standard, ma se nessuno ci guadagnerà più finiranno anche di investire prima o poi e allora niente più innovazione
za8709 Giugno 2008, 17:05 #3
la guerra sull'innovazione è logica, e mi sembra giusto che chi abbia buttato risorse ne tragga per primo i benefici
Mercuri009 Giugno 2008, 17:06 #4
Originariamente inviato da: doctormarx
eh si, come se intel i lavoratori non li pagasse o sviluppare questa tecnologia gli costasse zero, io capisco gli standard, ma se nessuno ci guadagnerà più finiranno anche di investire prima o poi e allora niente più innovazione

Curioso, la DisplayPort sviluppata interamente da AMD è uno standard liberamente usabile anche per le connessioni interne.
http://en.wikipedia.org/wiki/DisplayPort

Comunque Intel fece così anche per l'USB 1.0

Difatti ti ricordi mai di aver visto una periferica USB 1.0 in vita tua? (si cominciò dall'USB1.1)

Insomma, noi utenti la prenderemo in quel posto tanto per cambiare con standard incompatibili e malfunzionanti, perché AMD, nVidia e VIA svilupperano la loro versione, fino alla USB 3.1. Ma è tutto a posto, niente di nuovo.

p.s. l'USB, in teoria, dovrebbe essere uno standard. lntel può farsi tutti i connettori proprietari che le aggradano.
Firestormgdi09 Giugno 2008, 17:12 #5
infatti...almeno un po' di margine di tempo Intel se lo merita...soprattutto per i soldi spesi in questa ricerca, non dico 6/8 mesi, ma almeno 3 si.

Cmq a rimetterci di piu' sara' AMD nel caso, dall'uscita dei Intel Core 2 Duo il 90% dei chipset delle schede madri sono Intel, anche perche' all'inizio nVidia ha dormito o diciamo che non ha tirato fuori chipset all'altezza gia' dal P35. Mentre AMD si ritroverebbe di nuovo in grossi pericoli dovuti al fatto che dovrebbe far uscire i propri processori con chipset che non supportano USB 3.0 e per cui tutti andrebbero a comprare chipset Intel e di conseguenza CPU Intel.
grifis8709 Giugno 2008, 17:33 #6
giusto ....se intel è la sola ad aver invstito in questo tipo di ricerche nn vedo perchè tutti debbano beneficiarne a sue spese. Ok lo standard, ma un margine di vantaggio per intel secondo meè l'ecto se nn d'obbligo
peppepz09 Giugno 2008, 17:36 #7
Speriamo che con tutti sti soldazzi spesi per la ricerca e l'innovazione abbiano pensato ad un connettore asimmetrico che si possa inserire da un solo lato :-D . Non vi dà fastidio dover guardare l'interno del connettore usb per capire da che lato si inserisce?
dariocescon09 Giugno 2008, 17:38 #8
Intel è libera di creare il proprio connettore USB 3.0.
Se al consorzio non andrà bene, allora l'USB di Intel non sarà standardizzato.

Se Intel commercializzasse prodotti con la propria USB 3.0 (vedi centrino), dovrebbe anche obbligare tutti i produttori di periferiche a progettare secondo le sue specifiche.

Ma ricordiamoci che dall'altra parte ci sono AMD, nVidia e VIA(assieme)...staranno a guardare?...non credo
Lanfi09 Giugno 2008, 17:42 #9
Basta...dopo lo scontro bluray hddvd non ce la faccio a sorbirmi anche lo scontro USB secondo intel e USB secondo nvidia&amd!
Aegon09 Giugno 2008, 17:43 #10
Intel potrà pure avvallare diritti su una "anteprima" per se dell'USB 3, ma il vantaggio non è poi così grande imho.

Appena sfornato, le mobo con USB 3 in dotazione costeranno molto di più delle altre. Inoltre per consentire ai produttori di hardware di realizzare periferiche USB 3 dovranno per forza rilasciarne gli schemi, altrimenti chi ne trae vantaggio? Intel, HP e? Nessuno.
Chi è il matto che cambia immediatamente scheda madre per avere una stampante laser con USB3?
Prima che tutti i produttori si saranno adeguati sarà passato abbastanza tempo perchè AMD e nVidia possano integrare la nuova tecnologia, magari anche più testata ed eventualmente corretta.

[OT]
Il 90% dei Chipset sono Intel?
SOLO le schede per processori Intel hanno il chipset dello stesso brand; teoricamente ~50% della produzione, perchè anche se Intel vende di più, i produttori di mobo devono produrre ugualmente per entrambe le piattaforme e nell'utenza casalinga non sono molti quelli che spendono 220-350€ per una scheda madre con chipset P** o X**.
[/OT]

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^