Transcend presenta le unità SSD720

Transcend presenta le unità SSD720

Novità nel mondo degli SSD con la presentazione, da parte di Transcend, delle unità Solid State Drive SSD 720, compatibili con l'interfaccia SATA III e spessore di 7mm

di pubblicata il , alle 09:29 nel canale Storage
 

Transcend ha presentato una nuova famiglia di Solid State Drive, che va sotto il nome di SSD720. Allineandosi con la concorrenza, l'azienda sceglie di puntare in alto con la realizzazione di unità compatibili con l'interfaccia Serial ATA 6Gbps, al fine di ottenere prestazioni senza compromessi.

Per fare ciò, la ricetta è quella fra le più diffuse del momento: il controller utilizzato è il noto SandForce SF-2281, che permette di raggiungere velocità di lettura sequenziale nell'ordine dei 550MB al secondo, mentre per quanto riguarda la scrittura si parla di circa 500MB/s.

Transcend

Queste unità nascono con la finalità precisa di essere utilizzate in notebook, Ultrabook e in generale in dispositivi particolarmente sottili, come testimonia lo spessore stesso delle unità SSD720, limitato a soli 7mm e di conseguenza adattabile in chassis dove lo spazio è veramente poco.

I tagli disponibili sono di 64GB, 128GB e 256GB, mentre viene garantita la compatibilità con i comandi TRIM per gli ambienti Microsoft Windows 7. La garanzia offerta su questi prodotti è di tre anni, mentre la fonte, PCLaunches, non fa cenno al prezzo di commercializzazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala07 Febbraio 2012, 11:34 #1
Sbaglio se dico che tutti gli SSD SF sono fatti nella stessa fabbrica e poi arriva l'azienda di turno, ci appiccica sopra il suo adesivo colorato e poi lo rivende?
Eraser|8507 Febbraio 2012, 11:40 #2
Originariamente inviato da: Portocala
Sbaglio se dico che tutti gli SSD SF sono fatti nella stessa fabbrica e poi arriva l'azienda di turno, ci appiccica sopra il suo adesivo colorato e poi lo rivende?


più o meno... Intel in questo caso è l'unica a lavorare diversamente: http://www.anandtech.com/show/5508/...ty-to-sandforce

Pare sia l'unica ad aver apportato un fix definitivo ai problemi di BSOD sui SF-2281
serassone07 Febbraio 2012, 13:59 #3
Originariamente inviato da: Portocala
Sbaglio se dico che tutti gli SSD SF sono fatti nella stessa fabbrica e poi arriva l'azienda di turno, ci appiccica sopra il suo adesivo colorato e poi lo rivende?

Sbagli, prove comparative hanno evidenziato come le principali case costruttrici utilizzino pcb costruiti con specifiche proprie. Tanto per fare un esempio, un OCZ è ben diverso da un Corsair, ed entrambi sono diversi rispetto a un Kingston o a un Patriot. Poi che le prestazioni siano molto simili, ok, questo è dovuto al controller, ma ogni casa progetta i propri SSD in maniera diversa dagli altri.
Mparlav07 Febbraio 2012, 15:59 #4
Curioso di scopire se lo spazio disponbile all'utente è 223GB (esempio sul modello mostrato in foto) come tutti gli altri ssd Sandforce SF-2281 oppure 238Gb, come lascerebbe pensare il valore dichiarato di 256GB, quando tutti dichiarano 240GB
La prima ipotesi è la più probabile.

Le nand montate quasi sicuramente sono Micron/Intel 25nm sincrone, quindi in linea con i vari ForceGT/Vertex3/Intel 520.

Ma in Germania sono i vendita a questi prezzi:
64GB - 95 euro
128GB - 150 euro
256GB - 306 euro

e lì dichiarano Toggle Nand 32nm, quindi Toshiba, ed a quei prezzi sarebbe davvero ottimi per chi volesse un ssd Sandforce.
Mparlav07 Febbraio 2012, 16:13 #5
Originariamente inviato da: Eraser|85
più o meno... Intel in questo caso è l'unica a lavorare diversamente: http://www.anandtech.com/show/5508/...ty-to-sandforce

Pare sia l'unica ad aver apportato un fix definitivo ai problemi di BSOD sui SF-2281


Diciamo che Intel ha fatto sì che in tutti le recensioni venisse posto particolare risalto al loro lavoro compiuto sul firmware.
Ciò che dovrebbe essere scontato (vedi stabilità del firmware) è diventato un fatto quasi "straordinario"

Il punto è un'altro: controller e nand uguali alla concorrenza, giustificano un prezzo dal 15 al 40% superiore ai concorrenti?

Secondo me no.
SoulKeeper07 Febbraio 2012, 19:30 #6
A quando un SSD SandForce con controller SandForce?
Così, giusto per abbattere i costi...
Random8107 Febbraio 2012, 21:26 #7
Originariamente inviato da: SoulKeeper
A quando un SSD SandForce con controller SandForce?
Così, giusto per abbattere i costi...


Politica giusta, non a caso gli ultimi modelli di Samsung, gli 830, stanno diventando gli ssd consigliati, anche al posto dei Crucial M4. Controller Samsung, chip di memoria Samsung, prodotti, venduti e marchiati da Samsung stessa. Si fanno tutto in casa loro, è buono anche per la questione degli aggiornamenti, in questo modo, essendo tutto nelle loro mani, sono rapidi e tempestivi
EMAXTREME08 Febbraio 2012, 02:07 #8

@random81

esatto random, stessa identica cosa che dico da tempo ormai, samsung fin dalla sua prima serie di ssd ha sempre e solo utilizzato chip di memoria e controller prodotti in casa propria, con beneficio assoluto in termini di affidabilità, durabilità ed efficienza.

fà solo piacere vedere che finalmente qualcuno si sia accorto della cosa
maumau13808 Febbraio 2012, 21:29 #9
Originariamente inviato da: Random81
Politica giusta, non a caso gli ultimi modelli di Samsung, gli 830, stanno diventando gli ssd consigliati, anche al posto dei Crucial M4. Controller Samsung, chip di memoria Samsung, prodotti, venduti e marchiati da Samsung stessa. Si fanno tutto in casa loro, è buono anche per la questione degli aggiornamenti, in questo modo, essendo tutto nelle loro mani, sono rapidi e tempestivi


Già, poi magari non riescono a stare dietro con gli ordini, e ti rimarchiano un SSD con JMF602 (qualcuno ha detto AMOLED?)
Il fatto che facciano tutto in casa loro non cambia una cippa rispetto all'uscita degli aggiornamenti e alla produzione, al massimo permettono a loro di massimizzare i guadagni, ma si può fare benissimo anche comprando tutto all'esterno e preoccupandosi solo dell'ingegnerizzazione e del firmware, ed Intel ne è un'esempio.
Tra l'altro se un'azienda è seria appena viene a conoscenza di un bug del firmware si mette sotto, ci lavora e rilascia un aggiornamento, come è successo per varie case. Se il problema è hardware non cambia niente tra fare tutto in casa e ingegnerizzare componenti esterne, sempre devi sostituire il prodotto, e qui dipende tutto ancora una volta dalla serietà di un'azienda.
EMAXTREME12 Febbraio 2012, 01:05 #10
Originariamente inviato da: maumau138
Già, poi magari non riescono a stare dietro con gli ordini, e ti rimarchiano un SSD con JMF602 (qualcuno ha detto AMOLED?)


guarda, mi permetto di dirti che secondo me il tuo ragionamento è sbagliato, sin dalle fondamenta :

il paragone che tu fai tra un display e un controller di memoria non ha minimamente senso ! nel caso dei display anche se è un'azienda di terze parti a produrli per conto di un'altra, devono semplicemente rispettare dei parametri di luminanza e crominanza scelti dall'azienda che ha commissionato il lavoro.
nel caso di un controller di memoria invece non vi è alcun parametro da rispettare se non il funzionamento dello stesso ad una determinata frequenza ( mhz ghz etc etc ), il chip o funziona o è da buttare e se funziona funzionerà tale e quale ( come performance si intende ) alla sua controparte prodotta internamente da samsung, non si possono paragonare display e microchip.

non stà ne in cielo nè in terra poi che un'azienda come samsung, dopo aver dichiarato che in una lineup di prodotti verrà implementato tale controller, faccia l'uscita di testa di implementarne uno completamente diverso a random, in 10 si e nei successivi 10 no. oltre che non avere senso rischierebbe pure grosso, per legge questa è pari alla truffa e alla pubblicità ingannevole

fai finta di andare da un concessionario e di esser stato ammaliato dalla scritta "turbo diesel 200cv" per poi ritrovarti dopo averla comprata con un diesel senza turbo ma da 200cv ? un controller di memoria è come un motore, lo puoi far produrre a chi ti pare ma deve essere identico all'originale, non basta che abbia semplicemente "prestazioni simili o uguali"

Originariamente inviato da: maumau138
Il fatto che facciano tutto in casa loro non cambia una cippa rispetto all'uscita degli aggiornamenti e alla produzione, al massimo permettono a loro di massimizzare i guadagni, ma si può fare benissimo anche comprando tutto all'esterno e preoccupandosi solo dell'ingegnerizzazione e del firmware, ed Intel ne è un'esempio.


cambia eccome invece, il fatto che samsung fin'ora sia stata la produttrice di ssd con meno problemi legati a bug del controller o del firmware la dice lunga sull'importanza dello stesso, hai mai fatto una ricerca con [nome ssd]+[problema] su google ? ed hai mai visto qualcuno lamentarsi invece di problemi con gli ssd samsung ? al massimo troverai qualcuno che non riesce ad aggiornare il firmware o per incapacità o perchè il suo ssd è OEM

ma a parte questo, considerala dal punto di vista tecnico, fai finta che io sia un'azienda che produce microchip di vario tipo al quale chiedano di progettare un controller di memoria, potrei benissimo riuscirci ma avrei quasi sicuramente problemi legati alla mancanza di esperienza/conoscenza dei chip di memoeria stessi sui quali il controller dovrà interfacciars.
samsung infatti i chip di memoria oltre che progettarseli in casa li produce pure, ed è proprio grazie a conoscence relative in merito alla questione se è riuscita ad implementare nei suoi controller di memoria un tipo di scrittura dei dati paragonabile a quella usata nelle DDR, se qualcuno si ricordasse quando uscirono i primi modelli di ssd serie 470, si ricorderà bene avevano un rate in scrittura che era quasi uguale a quello in lettura, ma non solo, i controller sandforce, jmicron e altri ( ma potrei sbagliarmi ) utilizzano invece un sistema di "compressione" dei dati, che ne aumenta la velocità di scrittura, la quale però invece si ritrova in difficoltà con dati "incomprimibili" ( leggi hwupgrade ad esempio ).

hai mai messo affiancati l'uno all'altro due ssd uno samsung e uno con controller tipo jmicron o sandforce ? tralasciando i problemi di bug nell'architettura stessa di quei controller là, fai un test ( non un benchmark sia chiaro) di linearità in scrittura con dati misti, vedrai che quei controller che fanno uso di compressione hanno cali di performance molto evidenti, spesso e volentieri poi sono anche più lenti di altri ssd che dichiarano meno MB in scrittura ( e questa è solo la punta dell'iceberg )

poi comunque sia, nessuno qua ha mai parlato male degli ssd intel ( e ci mancherebbe ) poichè lei e samsung imho sono le migliori quando si parla di ssd, peccato solo che per questioni di risparmio abbia voluto creare una lineup di nuovi ssd con controller di terze parti in modo da risparmiare nella progettazione del controller e concentrarsi sulla fascia alta, di certo si ha una garanzia in più in fatto di "chiusura dei bug" del firmware, ma se è il progetto stesso del controller ad essere bacato non ci si può fare molto. ( salvo rari casi in cui l'azienda ti vende il progetto stesso del chip per fartelo produrre da altri come fà AMR tipo )

Originariamente inviato da: maumau138
Tra l'altro se un'azienda è seria appena viene a conoscenza di un bug del firmware si mette sotto, ci lavora e rilascia un aggiornamento, come è successo per varie case. Se il problema è hardware non cambia niente tra fare tutto in casa e ingegnerizzare componenti esterne, sempre devi sostituire il prodotto, e qui dipende tutto ancora una volta dalla serietà di un'azienda.


qui imho è esatto ma non tieni in considerazione il progetto stesso del controller che firmware o non firmware se è bacato non ci puoi far nulla.

e potrei andare avanti per ore citando gli innumerevoli problemi saltati furoi da controller bacati ma gestiti da aziende "serie" come ocz

il più bello che mi sia mai capitato di leggere era quello riguardante l'allineamento della partizione, dove se per qualche cluster la tua partizione risultava disallineata ti calavano le prestazioni... ( e non di poco )
per puro sfizio ho voluto fare una prova sul mio samsung, il risultato dopo l'operazione ( era disallineata di parecchio a detta del programma ) non era cambiato niente, neanche di una virgola, nessun parametro relativo alle prestazioni, nemmeno i 4k.
ennesima dimostrazione che azienda seria o meno, se un controller viene progettato come si deve non cè storia che tenga

( ma la gente poi si convince che sia tutta una questione di firmware e solo di firmware, come nel bios delle schede madri dove è presente il microcode che viene poi "iniettato" nei processori per chiudere alcuni bug, come quello della L3 dei phenom amd )

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^