Toshiba StorE Steel, hard disk esterni di classe

Toshiba StorE Steel, hard disk esterni di classe

Design raffinato per un pubblico esigente. Questo devono aver pensato i designer Toshiba quando hanno creato la serie StoreE Steel, famiglia di hard disk esterni con chassis in metallo a finitura lucida.

di pubblicata il , alle 08:23 nel canale Storage
Toshiba
 

Oggi è possibile trovare in commercio un gran numero di hard disk esterni, differenziati soprattutto dalle dimensioni esterne e dalla capienza in GB, quest'ultima allineata con la produzione di dischi rigidi di differente dimensione, siano essi 1,8", 2,5" o 3,5" pollici. Onestà impone di segnalare che gran parte della produzione è bene o male caratterizzata da modelli molto simili fra loro, motivo per il quale si tende ad acquistare un modello a discapito di un altro solo per questioni di prezzo, magari perché in promozione presso una catena della grande distribuzione.

Esistono però anche modelli di hard disk pensati per soddisfare anche esigenze puramente estetiche, dando per scontate le consuete potenzialità in fatto di storage e backup. Una delle serie che sicuramente appartengono a questa categoria è marchiata Toshiba, e prende il nome di StorE Steel.

Come il nome lascia intendere questa linea di prodotti si affida al metallo, più precisamente l'acciaio, per conferire alle unità della famiglia un look decisamente esclusivo, con finitura lucida e colorazioni differenti, scelti ovviamente fra le finiture metalliche titanio, oro e argento. Per quanto riguarda i tagli disponibili Toshiba dichiara capienze fino a 160GB per i modelli da 1,8 pollici, mentre si sale a 500GB per quelli equipaggiati con hard disk da 2,5 pollici.

Ad accomunare tutti i dischi della famiglia un connettore USB mini per dialogare col PC, interfaccia utilizzata anche per alimentare l'unità stessa. Toshiba fornisce in dotazione, per ogni evenienza, un cavo USB che prevede ad una estremità il connettore USB mini, dall'altra due connettori USB standard. In alcuni portatili infatti si riscontra un problema di insufficiente alimentazione fornita da una singola porta, specie se si collegano unità più esigenti in termini energetici delle comuni chiavette. Con il cavo fornito in dotazione si intende ovviare a questa eventualità, potendo contare su due fonti di alimentazione USB.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SuperSandro09 Ottobre 2009, 08:57 #1

Doppio cavo

"In alcuni portatili infatti si riscontra un problema di insufficiente alimentazione fornita da una singola porta, specie se si collegano unità più esigenti in termini energetici delle comuni chiavette. Con il cavo fornito in dotazione si intende ovviare a questa eventualità, potendo contare su due fonti di alimentazione USB."

Infatti: poco tempo fa ho acquistato un iOmega da 250 GB e incautamente ho collegato un solo connettore. Dopo alcune prove - copia, incolla, cancellazione, eccetera - ho disconnesso / riconnesso il disco è la FAT risultava compromessa ("Formattare il disco").

Dopo alcune ricerche sul web ho scoperto che le due connessioni non sono consigliate, ma addirittura indispensabili.

Tornando alla notizia, sarebbe opportuno che i produttori si concentrassero sul rendere realmente auto-alimentati con un solo connettore i dischi esterni, almeno quelli di bassa capacità, piuttosto che imbellettare gli stessi e rischiare di farli rendere inservibili dal pubblico cui si riferiscono: utilizzatori orientati alla moda e poco esperti di alimentazioni elettriche.

PS: consiglio a chi possiede dispositivi con doppio connettore:
a) Prima collegare i due connettori alle porte USB del PC
b) Dopo collegare l'estremità mini usb al dispositivo
frankie09 Ottobre 2009, 08:59 #2
quelli da 1.8 mi hanno sempre incuriosito per le dimensioni, ma una volta visto il prezzo...
fra poco ci arriviamo con un pendrive siamo a 128 vs 160 quindi
Overdrive Pro09 Ottobre 2009, 09:41 #3
si ma i pendrive da 128Gb quanto son veloci rispetto a un hard disk meccanico?
Pikazul09 Ottobre 2009, 09:41 #4
Originariamente inviato da: SuperSandro
[I]
Tornando alla notizia, sarebbe opportuno che i produttori si concentrassero sul rendere realmente auto-alimentati con un solo connettore i dischi esterni, almeno quelli di bassa capacità, piuttosto che imbellettare gli stessi e rischiare di farli rendere inservibili dal pubblico cui si riferiscono: utilizzatori orientati alla moda e poco esperti di alimentazioni elettriche.

PS: consiglio a chi possiede dispositivi con doppio connettore:
a) Prima collegare i due connettori alle porte USB del PC
b) Dopo collegare l'estremità mini usb al dispositivo


A meno che il rivestimento non influisca sui consumi credo che il problema sia nell'incapacità del notebook di rispettare le specifiche dell'USB, più che nel disco.
Ares1709 Ottobre 2009, 09:54 #5
Originariamente inviato da: Pikazul
A meno che il rivestimento non influisca sui consumi credo che il problema sia nell'incapacità del notebook di rispettare le specifiche dell'USB, più che nel disco.


Ibm think pad t42 ed una miriade di hd esterni collegati: mai un problema di alimentazione a singolo cavo; un portatile hp di fascia bassa ad un lacie che mi funziona egregiamente su ibm mancato riconoscimento dellla periferica.
Sono belli questi hd, ma vorrei anche sapere se riescono a dissipare bene l'hd:
su wd elements con la cassa in pvc l'hd dopo un po diventa davvero caldo (sul lacie un po meno).
cionci09 Ottobre 2009, 10:07 #6
Dipende sia dal portatali che dall'hard disk che vi si collega
3NR1C009 Ottobre 2009, 10:08 #7
Originariamente inviato da: Overdrive Pro
si ma i pendrive da 128Gb quanto son veloci rispetto a un hard disk meccanico?


Molto più veloci di un 1.8" e cmq veloci tanto quanto un 2.5" visto che con il collegamento USB 2 non si possono ottenere performance stellari. Il problema attualmente è il prezzo.

http://www.corsair.com/products/voy...28/default.aspx
Ares1709 Ottobre 2009, 11:40 #8
Originariamente inviato da: 3NR1C0
Molto più veloci di un 1.8" e cmq veloci tanto quanto un 2.5" visto che con il collegamento USB 2 non si possono ottenere performance stellari. Il problema attualmente è il prezzo.

http://www.corsair.com/products/voy...28/default.aspx


sulle prestazioni avrei i miei dubbi, ma a quel prezzo compri un ssd da 2,5 e lo metti dentro ad un box che ti costa meno
3NR1C009 Ottobre 2009, 12:03 #9
Originariamente inviato da: Ares17
sulle prestazioni avrei i miei dubbi, ma a quel prezzo compri un ssd da 2,5 e lo metti dentro ad un box che ti costa meno


E ti andrebbe tanto quanto... si parla di Box USB 2 non USB 3, la banda reale la satura già la chiavetta corsair ed in ogni caso quella la terresti in tasca con una robustezza ben diversa. Questione di comodità oltretutto.
dimdar09 Ottobre 2009, 13:03 #10
Io ho 2 dischi WD Passaport, uno da 320 e un da 500GB. Li collego anche al netbook della samsung NC10 e non ho mai avuti un solo problema. Questi problemi di alimentazione sono imputabili ad una maggiore richiesta di corrente degli altri HD rispetto a quelli WD. Poi magari il modello da 1T ha bisogno di più corrente avendo 4 piatti e 4 testine e il problema potrebbe presentari anche con i WD.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^