Synology DS414j: il backup domestico con un NAS a 4 hard disk

Synology DS414j: il backup domestico con un NAS a 4 hard disk

Un NAS che punta su una construzione semplice ma che non per questo rinuncia ad un ricco pacchetto di funzionalità e allo spazio di archiviazione assicurato dai 4 slot per hard disk: questo è Synology DS 414j

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Storage
Synology
 

Dei vantaggi dati dall'utilizzo di un NAS in ambiente domestico abbiamo avuto modo di parlare in varie occasioni. Sono questi dispositivi che non solo permettono di centralizzare lo spazio di archiviazione dei propri contenuti digitali e file personali garantendo sicurezza contro eventuali malfunzionamenti degli hard disk, ma anche strumenti adatti alla fruizione dei contenuti sfruttando uno dei tanti dispositivi mobile o fissi presenti negli ambienti domestici.

Il compito fondamentale di un NAS in ambiente domestico rimane in ogni caso quello di assicurare uno spazio di archiviazione dei propri dati che sia facilmente accessibile dai dispositivi autorizzati da farlo, parsimonioso nei consumi oltre che silenzioso nel funzionamento e infine in grado di assicurare sicurezza nel tempo di quanto archiviato.

synology_ds414j_2.jpg (47410 bytes)

Nel caso di DS414j Synology vuole proporre un NAS di taglio economico, che rinuncia ad alcuni aspetti funzionali visti in modelli più costosi come un SoC più potente oppure la possibilità di accedere agli hard disk direttamente da cassettini posizionati nel pannello frontale non rinunciando agli elementi base e ottenendo in questo modo un prezzo complessivo contenuto.

Visto dall'esterno DS414j si differenzia in misura marcata dagli altri NAS della famiglia Synology per via della mancanza di cassettini per gli hard disk. Le unità di storage sono infatti inserire all'interno dello chassis, accessibile intervenendo sulle 4 viti posizionate posteriormente: l'operazione di prima installazione si rivela essere più lunga ma di certo non problematica anche per l'utente alle prime armi. Il pannello frontale ha un design pertanto molto semplice, con una serie di aperture che permettono alle ventole posteriori di aspirare l'aria dall'esterno così da farla spostare lungo gli hard disk; sono presenti led che riportano il funzionamento del NAS, la presenza di segnale di rete e lo stato dei 4 hard disk installati. Nella parte posteriore spiccano le griglie delle due ventole di raffreddamento, il connettore per l'alimentatore esterno, la porta ethernet Gigabit, un connettore USB 3.0 e un secondo connettore USB in standard 2.0.

synology_ds414j_1.jpg (60280 bytes)

Sotto la scocca trovano posto un processore MindSpeed Comcerto C2000, architettura SoC dual core con frequenza di clock di 1,2 GHz abbinata a 512 Mbytes di memoria DDR3. Le 4 unità installabili quale massimo possono essere tanto SSD come tradizionali hard disk meccanici, con dimensioni di 3,5 oppure 2,5 pollici. La capacità massima raw è pari a 24 Terabytes, ottenuta installando 4 hard disk da 6 Terabytes ciascuno e ovviamente senza utilizzare una delle configurazioni Raid accessibili.

E' ovviamente più che consigliato servirsi di una delle modalità Raid che forniscono una qualche forma di ridondanza dei dati. DS414j mette a disposizione le modalità Raid 0, 1, 5, 6 e 10 oltre a quelle JBOD a seconda del numero di dischi che si vogliono utilizzare. E' inoltre possibile da interfaccia utente eseguire delle migrazioni Raid da basic a Raid 1 oppure Raid 5, da Raid 1 a Raid 5 e da Raid 5 a Raid 6. Non manca inoltre la modalità Synology Hybrid Raid, una configurazione che sfrutta al meglio la presenza nel sistema di hard disk con capacità di archiviazione differenti tra di loro al contrario di quanto avviene con le tradizionali configurazioni Raid.

Cuore di DS414j è, come per gli altri NAS della famiglia, Synology DiskStation Manager (DSM); questo sistema operativo è accessibile da interfaccia browser e permette di gestire non solo l'accesso e la condivisione dei dati archiviati sul nostro NAS ma anche di installare applicazioni, sviluppate per dare una risposta a specifiche necessità d'uso e rese accessibili attraverso un App store integrato. Il servizio Synology QuickConnect permette inoltre di accedere facilmente ai servizi di DS414j bypassando la configurazione di router e porte d'accesso, rendendo accessibile l'accesso di file da qualsiasi computer, notebook o dispositivo mobile anche senza avere accesso ad un indirizzo IP pubblico.

[HWUVIDEO="1653"]Synology DS414j[/HWUVIDEO]

DS414j è un NAS che sfrutta al meglio una costruzione semplice e priva di fronzoli, puntando sulla capacità di archiviazione data dai 4 slot per hard disk meccanici e dalla disponibilità di tutte le principali tecnologie di configurazione Raid. La risultante è un prodotto funzionale e pratico, che a poco più di 300,00€ IVA inclusa permette di avere a disposizione una soluzione di archiviazione e condivisione dei contenuti che protegge al meglio i nostri numerosi e importanti contenuti digitali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marcus Scaurus12 Novembre 2014, 12:43 #1
Ritengo queste soluzioni molto interessanti ed in effetti ho optato per un NAS Netgear da 4 hd piuttosto economico.

L'articolo mi ha fatto sorgere un dubbio: bene le modalità RAID (di cui usufruisco anche io sul Netgear), ma mi è venuta in mente una cosa... Se percaso dovesse rompersi il NAS, cosa ne sarebbe dei dischi in RAID? Io uso il RAID5 e finché si rompe un disco ok, ma se si rompesse proprio l'unità sarei al sicuro? O il sistema effettua di per se una gestione diciamo attiva delle unità per cui ricomprandolo non le riconosce?

Grazie a chi ne saprà di più sull'argomento che penso essere utile a tutti gli interessati al prodotto.
Satz12 Novembre 2014, 14:12 #2
Originariamente inviato da: Marcus Scaurus
Ritengo queste soluzioni molto interessanti ed in effetti ho optato per un NAS Netgear da 4 hd piuttosto economico.

L'articolo mi ha fatto sorgere un dubbio: bene le modalità RAID (di cui usufruisco anche io sul Netgear), ma mi è venuta in mente una cosa... Se percaso dovesse rompersi il NAS, cosa ne sarebbe dei dischi in RAID? Io uso il RAID5 e finché si rompe un disco ok, ma se si rompesse proprio l'unità sarei al sicuro? O il sistema effettua di per se una gestione diciamo attiva delle unità per cui ricomprandolo non le riconosce?

Grazie a chi ne saprà di più sull'argomento che penso essere utile a tutti gli interessati al prodotto.


E' un raid software gestito da linux.

Pertanto se si rompe il NAS hai tre possibilità:
- ricomprarne uno identico e ci metti i dischi e sei a posto (mai provato)
- coprarne uno simile e sperare che gli vada bene quello vecchio (i nas economici scrivono parti del sistema sul raid)
- attacchi tutti i dischi a una macchina con su linux e da li ti tiri fuori i dati che poi metterai sui nuovi dischi o su quelli attuali se sei abbastanza fortunato da non essere full
Marcus Scaurus12 Novembre 2014, 14:46 #3
Originariamente inviato da: Satz
E' un raid software gestito da linux.

Pertanto se si rompe il NAS hai tre possibilità:
- ricomprarne uno identico e ci metti i dischi e sei a posto (mai provato)
- coprarne uno simile e sperare che gli vada bene quello vecchio (i nas economici scrivono parti del sistema sul raid)
- attacchi tutti i dischi a una macchina con su linux e da li ti tiri fuori i dati che poi metterai sui nuovi dischi o su quelli attuali se sei abbastanza fortunato da non essere full




Grazie delle indicazioni!
In ogni caso non mi sembra una cosa positiva o immediata..............
Ramolaccio12 Novembre 2014, 15:58 #4
Per il Synology, sul sito trovi la procedura per rimediare ad eventuali malfunzionamenti del raid, mi pare utilizzando una distro live di Linux.
Ahime' quando capitano dei guai nulla e' immediato!

Comunque... per uso domestico, e ripeto... domestico, soprattutto con l'uscita degli hard disk WD red da 5 e 6 tera, le soluzioni a 4 hard disk, sempre per uso domestico,ripeto, mi sembrano un tantinino eccessive. Preferibili quelle a 2 hard disk ovviamente in raid 1.
Poi certo che ognuno ha le sue esigenze.
DjLode12 Novembre 2014, 16:24 #5
Originariamente inviato da: Satz
- coprarne uno simile e sperare che gli vada bene quello vecchio (i nas economici scrivono parti del sistema sul raid)


Non ricordo se Synology o Qnap tra le varie pagine dovrebbe avere quelle di compatibilità del raid di un modello con quello di altri modelli (così da non essere eventualmente obbligato a ricomprare lo stesso identico modello).
Wonder12 Novembre 2014, 16:45 #6
E' un raid software gestito da linux.

Pertanto se si rompe il NAS hai tre possibilità:
- ricomprarne uno identico e ci metti i dischi e sei a posto (mai provato)
- coprarne uno simile e sperare che gli vada bene quello vecchio (i nas economici scrivono parti del sistema sul raid)
- attacchi tutti i dischi a una macchina con su linux e da li ti tiri fuori i dati che poi metterai sui nuovi dischi o su quelli attuali se sei abbastanza fortunato da non essere full

NO e NO, non c'è bisogno di fortuna: la compatibilità è assicurata anche cambiando modello (basta che abbia almeno lo stesso numero di dischi), provato personalmente in ufficio
E inoltre puoi anceh collegare il raid nel PC e con linux leggi i file: le partizioni sono standard e i dati in EXT4
minatoreweb12 Novembre 2014, 17:08 #7
Ma serve tanta potenza e tante cose? Voglio dire se il nas domestico lo usate per interscambiare dati ok... (se ci lavoro sopra) ma se lo uso per sincronizzare dato già il fatto che mentre sto sincronizzando i dati non voglio di certo intasare la rete perchè nel metre sto facendo altro...
La mia soluzione attuale è cubieboard (perchè l'avevo li) con spin debian 2 Hdisk da 3TB in rete.
Il consumo credo proprio inferiore dal momento che non ho ventole e l'elettronica sta sotto i 10W di picco.
plunderstorm12 Novembre 2014, 17:10 #8
bha 300 euro mi tiro fuori un pc fascia bassa meglio dis to coso
F@biuz12 Novembre 2014, 17:41 #9
bè, se è vero che puoi fare le stesse cose con un pc di fascia bassa, ci perdi molto (ma molto) più tempo a settare tutte le configurazioni e con i consumi non c'è paragone. Senza contare che dei servizi multimediali (video, audio, foto) e gestione file ci sono le app per smartphone e tablet che uso spesso.
Ad es. con un synology in un'oretta la settimana scorsa ho configurato:
- server vpn
- ddns per raggiungerlo da remoto
- privilegi utenti
- sync online di alcune cartelle su servizi cloud diversi (drive e onedrive)
- sync con altro synology in altra sede per cartella lavoro
- server multimediale (itunes e dlna)
- fatti partire un paio di torrent
- pianificato backup settimanale su altro disco
- impostato photostation per accesso da remoto
- impostato dsfile per accesso da remoto
- impostato audiostation per accesso da remoto
Avessi dovuto farlo su un pc, windows o linux che sia, avrei dovuto sbattermi non poco per fare le stesse cose..

A proposito del raid, ultimamente con 2 dischi preferisco tenerli non in raid e fare un backup programmato, anche giornaliero, del primo disco sul secondo. Il vantaggio è che se salta un disco non viene compromesso il raid e ho i file nelle ultime 6 versioni di modifica. Contro: non ho la copia istantanea e quando fa il backup il nas lavora abbastanza. Voi come fate?
Personaggio12 Novembre 2014, 19:54 #10
Originariamente inviato da: Ramolaccio
Per il Synology, sul sito trovi la procedura per rimediare ad eventuali malfunzionamenti del raid, mi pare utilizzando una distro live di Linux.
Ahime' quando capitano dei guai nulla e' immediato!

Comunque... per uso domestico, e ripeto... domestico, soprattutto con l'uscita degli hard disk WD red da 5 e 6 tera, le soluzioni a 4 hard disk, sempre per uso domestico,ripeto, mi sembrano un tantinino eccessive. Preferibili quelle a 2 hard disk ovviamente in raid 1.
Poi certo che ognuno ha le sue esigenze.


Nel mio NAS che vedi in firma ho 7 TB caricati e aumentano al ritmo di 200GB al mese...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^