SSD Adrenaline, la soluzione di caching targata Crucial

SSD Adrenaline, la soluzione di caching targata Crucial

Anche Crucial presenta un SSD pensato per affiancarsi ai normali dischi rigidi all'interno di un sistema, al fine di velocizzare le operazioni più comuni senza rinunciare alla capienza

di pubblicata il , alle 08:00 nel canale Storage
 

Da qualche tempo stiamo assistendo alla presentazione, da parte di alcune aziende, di soluzioni Solid State Drive molto particolari. I prodotti a cui facciamo riferimento, come OCZ Synapse, nascono con l'intenzione di affiancarsi ai dischi tradizionali presenti in un sistema, accollandosi il compito di ospitare solo i file utilizzati più di frequente. Non si tratta quindi di dischi "di sistema", ma di unità che vanno a formare, con il disco tradizionale, un sottosistema storage molto particolare.

Lo scopo di questa ibridazione è semplice: garantire prestazioni da SSD nelle operazioni ordinarie e di boot, spendendo al contempo una cifra contenuta (viste le capienze mai elevate) e senza rinunciare ai GB offerti dal normale disco presente sistema.

Crucial

In questi giorni anche Crucial, azienda di cui è in commercio l'apprezzato modello M4, presenta la sua versione di SSD caching, che prende il nome di Adrenaline. Come riportato da Techpowerup, l'unità è di fatto un M4 da 50GB (controller Marvell 6Gbps), fornita in bundle con la staffa per il montaggio in bay da 3,5 pollici e soprattutto il software NVELO Dataplex. A questo applicativo spetta un compito complesso e fondamentale, ovvero monitorare quali siano i file più utilizzati dal sistema e copiarli via via nell'SSD, in modo tale che il sistema vi possa in seguito accedere con tutti i vantaggi prestazionali del caso.

Il prezzo indicato dalla fonte per Crucial Adrenaline è di $117.99 in valuta USA, una cifra tutto sommato contenuta se si considerano i potenziali vantaggi. Sono in corso, presso i nostri laboratori, alcuni test con la soluzione concorrente citata all'inizio, cui presto si affiancherà anche il Crucial Adrenaline.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor09 Marzo 2012, 08:25 #1
ma questi dispositivi possono essere usati anche come "normali" dischi (quindi senza utilizzare il software di caching) o sono proprio diversi dagli SSD convenzionali?

Notturnia09 Marzo 2012, 08:30 #2
stessa curiosità.. ho visto quelli della ... mi sfugeg.. è l'altra notizia di HW.. 60GB a 99$ .. quasi quasi ne prendo due e li metto in raid 0 per avere un disco di swap ultraveloce..

ma anche io mi stavo domandando se sono differenti in qualcosa..
Mparlav09 Marzo 2012, 08:42 #3
Originariamente inviato da: Paganetor
ma questi dispositivi possono essere usati anche come "normali" dischi (quindi senza utilizzare il software di caching) o sono proprio diversi dagli SSD convenzionali?


Originariamente inviato da: Notturnia
stessa curiosità.. ho visto quelli della ... mi sfugeg.. è l'altra notizia di HW.. 60GB a 99$ .. quasi quasi ne prendo due e li metto in raid 0 per avere un disco di swap ultraveloce..

ma anche io mi stavo domandando se sono differenti in qualcosa..


Dalla news di ieri del Corsair:
http://www.hwupgrade.it/forum/showp...mp;postcount=11
Dan7e09 Marzo 2012, 09:14 #4
perchè dovrei comprarlo a 117$ quando sulla chiave trovo l'm4 da 128gb a 139€ ? Per me il prezzo è completamente fuori mercato
Paganetor09 Marzo 2012, 09:20 #5
potrebbe essere una soluzione per chi non ha tempo/voglia/capacità di rifarsi da zero un disco di sistema...
calabar09 Marzo 2012, 12:52 #6
Queste soluzioni acquistano senso tenendo conto di due fattori:

- Durata delle celle e massimizzazione degli IOPS.
Dovendo lavorare come cache questi dichi dovrebbero usare celle di lunga durata (i primi che avevo visto, per lo meno, lo facevano, usando persino SLC, il che ovviamente influiva sul costo) e controller settati per massimizzare gli iops a discapito del trasferimento sequenziale.
Se si tratta di normali SSD di piccola taglia con prezzo più elevato, allora sono da lasciar perdere.

- Eliminazione di alcuni sprechi.
Se installo tutto il sistema su un SSD, ci saranno tutta una serie di file che non faranno altro che sprecare spazio. Per esempio le enormi cartelle con DLL obsolete tenute per compatibilità, o le copie di sicurezza degli eseguibili, o i backup degli aggiornamenti.
Queste cartelle di sistema occupano molto spazio e sono usate estremamente di rado... se non mai!
Una soluzione cache come questa permette di portare sull'SSD solo quelle parti del sistema effettivamente utilizzate.
Mparlav09 Marzo 2012, 13:11 #7
Per chi ha 8/16GB di ram, io proverei ad utilizzare Fancycache, è in beta gratuito per altri 6 mesi, e sugli hdd dovrebbe aiutare parecchio.
Probabilmente è più facile da configurare di questi sw di caching.

Qui c'è una recensione:
http://thessdreview.com/our-reviews...0-seconds-flat/

Resto dell'idea che il singolo ssd è la soluzione migliore e più facile (ho impiegato 15 min per copiare la partizione di 50GB circa da hdd ad ssd, con sw freeware, scegliendo giusto 2 opzioni e dando l'ok
Forse è più difficile scegliere le opzioni "giuste" per masterizzare un dvd, ci sono più passaggi da fare
psychok909 Marzo 2012, 18:17 #8
Originariamente inviato da: Mparlav
Per chi ha 8/16GB di ram, io proverei ad utilizzare Fancycache, è in beta gratuito per altri 6 mesi, e sugli hdd dovrebbe aiutare parecchio.
Probabilmente è più facile da configurare di questi sw di caching.

Qui c'è una recensione:
http://thessdreview.com/our-reviews...0-seconds-flat/


Windows 7 non fa già lo stesso lavoro?
La differenza con l'SSD è che il lavoro te lo ritrovi anche quando spegni il pc...
FRANKY-7612 Marzo 2012, 23:02 #9
Resto dell'idea che il singolo ssd è la soluzione migliore e più facile (ho impiegato 15 min per copiare la partizione di 50GB circa da hdd ad ssd, con sw freeware, scegliendo giusto 2 opzioni e dando l'ok
Forse è più difficile scegliere le opzioni "giuste" per masterizzare un dvd, ci sono più passaggi da fare

E' SCONSIGLIATO A MIO MODESTO PARERE,EFFETTUARE COPIE DI BACKUP DI PARTIZIONI PROVENIENTI DA HDD TRADIZIONALI PER POI TRASFERIRLE SUGLI SSD POICHE QUESTI ULTIMI NECESSITANO DI INSTALLAZIONI A PARTIRE DA ZERO,POSSIBILMENTE USANDO IL DVD DI WINDOWS,ANCORA MEGLIO SE DOVESSE TRATTARSI DI WINDOWS 7,POICHE' QUEST'ULTIMO HA GLI STRUMENTI NECESSARI PER ALLINEARE IL DISPOSITIVO SSD,E MANTENERE ALTE LE PRESTAZIONI TRAMITE IL COMANDO TRIM,QUESTO ERA SOLO IL MIO MODESTO PARERE,DA POSSESSORE DI UN SSD CORSAIR FORCE GT DA 120,CON IL QUALE MI TROVO BENISSIMO.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^