Seagate, strategie generali nel mondo dei dischi rigidi

Seagate, strategie generali nel mondo dei dischi rigidi

Bill Watkins, CEO di Seagate, mostra le linee guida del mondo dello storage su disco rigido, coinvolgendo ovviamente anche il discorso legato alle memorie statiche

di pubblicata il , alle 13:15 nel canale Storage
Seagate
 

Clubic ha pubblicato un interessante articolo nel quale Bill Watkins, CEO di Seagate, mostra quella che sarà la strategia della propria azienda nel complesso settore dei dischi rigidi, alla vigilia dell'introduzione di soluzioni ibride e di un mondo del mobile sempre più vicino a soluzioni di memorizzazione statica.

Per i meno informati Seagate è da tempo leader incontrastata nelle vendite di dischi rigidi a livello mondiale, quindi appare chiaro come le parole di quello che è il direttore dell'azienda possano essere considerate autorevoli o quantomeno importanti. Mr. Watkins ha subito precisato che i dischi a momoria statica non rimpiazzeranno i dischi rigidi a piatti rotanti (per almeno una decina di anni), in quanto la capienza risulta ancora un punto fondamentale ricorrente fra le esigenze dell'utenza media.

Con questo non si vuole certo chiudere la porta alle soluzioni basate su memoria statica sia chiaro; quello messo in mostra da Bill Watkins è più che altro uno scenario di diversi filoni e dove l'utilizzo di memoria statica deve essere visto come integrazione a quanto già esiste e non come ad un concorrente. Seagate dunque continuerà a produrre ancora per moltissimo tempo dischi esclusivamente equipaggiati da dischi rotanti, ma aprendo altri filoni "ibridi" per fornire una rosa di prodotti sempre più ampia.

E' opinione di Seagate infatti che il ricorso alla memoria statica debba essere visto come complemento, come per esempio nel disco ibrido annunciato da Samsung in tempi recenti. Per chi si fosse perso la notizia, tale disco sarà equipaggiato con un quantitativo variabile di memoria statica (nell'ordine dei 64-512MB), da aggiungersi alla capienza del disco rigido stesso. Diversi prototipi sono stati realizzati su base di dischi da 2,5 pollici, utilizzati in prevalenza nei PC portatili; l'utilizzo di memoria per archiviare i dati di maggiore accesso permetterebbero un minore sfruttamento del rotore del disco, così come una maggiore velocità di caricamento.

Benefici prestazionali e in termini di capienza e autonomia di esercizio, dunque, che Seagate non si perderà presentando un modello concorrente di analoghe caratteristiche. Il supporto di tale tecnologia da parte di Microsoft infatti non può essere ignorato dal più grande produttore di dischi a livello mondiale.

Grande interesse ha suscitato l'annuncio della produzione di un nuovo formato da 1,3 pollici, che andrebbe a collocarsi a metà strada fra i cosiddetti micro-drive da 1 pollice e quelli da 1,8 pollici utilizzati per esempio nei PC portatili ultra-mobile e negli iPod. Meno ingombrante degli 1,8 pollici e decisamente più economico dei microdrive da 1", tale formato verrebbe incontro alle esigenze classiche del mondo dell'elettronica, ovvero miniaturizzazione e miglioramenti prestazionali, indotti ovviamente dal progresso della tecnologia in questo ambito.

E' infatti opinione di Seagate che, seppur in grande cresicta, il mercato della memoria statica non potrà offrire ancora per molto tempo lo stesso rapporto capienza/prezzo delle soluzioni tradizionali. Se infatti fra due o tre anni sarà possibile avere dischi rigidi a memoria statica da 100 GB, quelli a piatti rotanti saranno a quota 500 GB, e costeranno con ogni probabilità meno. Esperienze passate hanno dimostrato come capienze che sembrano eccessive al momento dell'annuncio si siano poi dimostrate adeguate al momento dell'introduzione sul mercato. Troppo facile dunque pensare che fra 3 anni 100 GB basteranno e avanzeranno: ecco quindi che la soluzione più intelligente potrebbe essere quella di optare per un disco molto capiente, salvo esigenze particolari.

Seagate però chiude in bellezza, annunciando di avere allo studio soluzioni di archiviazione alternative alle attuali NAND Flash, come per esempio quelle MRAM di Freescale (maggiorni informazioni qui) o basate sulle nanotecnologie (soluzioni allo studio da parte di Nantero), che permetteranno di oltrepassare i limiti fisici degli attuali sistemi di archiviazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bist12 Ottobre 2006, 13:28 #1
10 anni...
Wilfrick12 Ottobre 2006, 13:37 #2
ok, 10 anni, ma se fra 3 avremo 100 GB, come C non sarebbe male con SO che si carica in un lampo (?), sempre che si trovi una soluzione per quei dati che WIN scrive miliardi di volte sul C.
mauriziofa12 Ottobre 2006, 13:40 #3
Certo 10 anni che si abbassino i prezzi delle ram per dischi e che rientrino dei costi dello sviluppo dei dischi a piatti rotanti. Poi li manderanno in pensione.
Già però con quelli ibridi dovremo poter avere un discreto boost prestazionale
S3pHiroTh12 Ottobre 2006, 13:40 #4
Io spero vivamente che facciano un disco di MRAM da una ventina di gb, così si ke ci sarebbe una vera rivoluzione nel settore diski, altro ke nand flash...
Cobra7812 Ottobre 2006, 13:41 #5
Beh basta usare il disco nand come disco di sistema, e quello a piatti rotanti come storage, tanto ormai non credo sia tantissima la gente che ha un solo disco sul pc :P
GianoM12 Ottobre 2006, 13:46 #6
Azz, 3 anni per 100 GB, pensavo e speravo ci mettessero meno tempo.
dadadavid12 Ottobre 2006, 13:52 #7
E se provassero ad integrare una "porta" con lettore di schede di memoria flash (tipo SD per capirci) su cui caricare il solo sistema operativo, lasciando l'uso del disco rotante per il solo immagazinamento di dati? I prezzi delle schede ormai permettono discrete capacità di storage a prezzi accettabili.
Uzi[WNCT]12 Ottobre 2006, 14:06 #8
Mi ha messo una tristezza assoluta sta news: altri 10 anni coi PALEOLITICI dischi rotanti????????? (che detta così pare un arma di Mazinga Z).

No dai, ditemi che è uno scherzo ^^
eta_beta12 Ottobre 2006, 14:08 #9
integrano 64-512 mega ma se la memoria principale e di 1-2 GB
almeno dovranno integrare 4Giga
Dox12 Ottobre 2006, 14:11 #10
Guardate che i test sui dischi a memoria statica pura , come del resto le memorie flash , non hanno una banda molto importante, anzi per ora i dischi da 10000RPM sono più veloci , l'unico dato importante è il consumo estremamente ridotto che certo non farà schifo ai produttori di player e cellulari

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^