Seagate presenta le soluzioni da 2TB per il segmento enterprise

Seagate presenta le soluzioni da 2TB per il segmento enterprise

Anche il produttore americano raggiunge la soglia dei 2TB su singola unità, ma, a differenza del concorrente decide di destinare tale tipo di prodotti solo al segmento enterprise e non a quello consumer

di pubblicata il , alle 11:36 nel canale Storage
Seagate
 

A distanza di nemmeno una settimana da quanto fatto da Western Digital, rimandiamo a questa notizia tutti gli interessati, anche Seagate comunica di aver raggiunto il traguardo dei 2TB di capienza su singola unità.

Diversamente da quanto fatto dal diretto concorrente di sempre, Seagate ha deciso di indirizzare la soluzione al mercato enterprise, posizionando così il nuovo disco nella famiglia Constellation ES. La nuova categoria, che non arriverà prima del terzo trimestre del 2009, sarà caratterizzata anche dalla presenza di soluzioni di tagli inferiori, rispettivamente di 500GB e 1TB, oltre alla sopracitata versione da 2TB. Tutti i modelli saranno da 3,5" e presentano una velocità di rotazione di 7200RPM: sarà inoltre possibile scegliere se utilizzare una connessione SATA da 300MB/s o SAS da 600MB/s. Solo verso la fine dell'anno saranno rilasciate le versioni da 2,5" della serie Constellation, caratterizzate dalle capacità di 160 e 500GB.

Sul fronte consumi, tutte le soluzioni Constellation presentano la funzione PowerChoice, in grado di ridurre eventuali dispersioni energetiche e al tempo stesso ottimizzare i consumi.

Seagate ha preferito utilizzare un approccio differente rispetto a quanto fatto dal concorrente: sviluppando il nuovo Constellation da 2TB ha decisamente pensato di progettare un hard disk in grado di rappresentare il massimo in temini di capienza e al tempo stesso mantenere un certo livello di performance. Le scelte fatte hanno così portato ad una automatica collocazione del prodotto sulla fascia enterprise. Western Digital, per contro, ha invece preferito, per mantenere un costo più competitivo, diminuire la velocità di rotazione a 5400RPM.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
papafoxtrot03 Febbraio 2009, 12:04 #1
SAS 600MB/s non sapevo neanche che esistesse!!? Quando è uscita??

Comunque questi dischi non li vedremo prima dell'estate mi sembra di capire...
WarSide03 Febbraio 2009, 12:15 #2
Qui per come si stan mettendo le cose, tra dischi meccanici sempre più densi e gli SSD che reggono throughput sempre più alti, i controller raid di fascia enterprise dovranno adeguarsi in caso contrario saranno loro il collo di bottiglia...
Defragg03 Febbraio 2009, 12:19 #3
Ma una velocità a metà tra i 5400 e i 7200 rpm? Non potrebbero produrre dischi a 6300 rpm per renderli leggermente più performanti? Parlo da profano eh!
Marco7103 Febbraio 2009, 12:19 #4

Ciao...

...i valori di "banda passante" andrebbero forniti invece come velocità di emissione di simboli (in Gb/s a causa della codifica 8B/10B usata).
L'annuncio fatto da parte della S.T.A in merito ai 6Gb/s è questo...
http://www.scsita.org/news_events/d...sita080929.html
In ambito S.A.S poi la "banda passante" è aggregabile su più canali e controllori.
Grazie.

Marco71.
Marco7103 Febbraio 2009, 12:29 #5

Allora...

...i controllori R.A.I.D di fascia "enterprise" (non le varie soluzioni "pseudo R.A.I.D" basate su uno dei molti "sapori" di Intel ICHxR quindi) sono già stati dimensionati.
Penso ad esempio ai controllori di ATTO tech. (disponibili anche con connessione fiber channel da 8Gb/s) oppure ai feature line di L.S.I Corp. con bus p.c.i express X8.
E sono già state apportate modifiche ai loro firmware di controllo interni per adeguarsi agli S.S.D (che hanno invero altri problemi...affidabilità sul lungo e lunghissimo termine).
La velocità di rotazione del motore spindle in un hard disk Winchester non può essere scelta a caso.
In funzione di essa va progettato tutto il sistema di aerodinamica che sostiene in volo gli sliders porta testine.
Oggi sono velocità standard quelle di 4200, 5400, 7200 e 15000 r.p.m ma in passato, ad esempio negli anni '80 quando erano presenti sul mercato moltissimi costruttori di hard disk, esistevano velocità di rotazione fuori degli standard a cui siamo abituati oggi (3873 r.p.m ad esempio in alcune serie Caviar).
E' anche vero che all'epoca erano usate ancora testine di lettura ad "induzione magnetica" e densità di registrazione per pollice quadrato molto ma molto più basse di oggi.
Grazie.

Marco71.
Marco7103 Febbraio 2009, 12:30 #6

Allora...

...i controllori R.A.I.D di fascia "enterprise" (non le varie soluzioni "pseudo R.A.I.D" basate su uno dei molti "sapori" di Intel ICHxR quindi) sono già stati dimensionati.
Penso ad esempio ai controllori di ATTO tech. (disponibili anche con connessione fiber channel da 8Gb/s) oppure ai feature line di L.S.I Corp. con bus p.c.i express X8.
E sono già state apportate modifiche ai loro firmware di controllo interni per adeguarsi agli S.S.D (che hanno invero altri problemi...affidabilità sul lungo e lunghissimo termine).
La velocità di rotazione del motore spindle in un hard disk Winchester non può essere scelta a caso.
In funzione di essa va progettato tutto il sistema di aerodinamica che sostiene in volo gli sliders porta testine.
Oggi sono velocità standard quelle di 4200, 5400, 7200 e 15000 r.p.m ma in passato, ad esempio negli anni '80 quando erano presenti sul mercato moltissimi costruttori di hard disk, esistevano velocità di rotazione fuori degli standard a cui siamo abituati oggi (3873 r.p.m ad esempio in alcune serie Caviar).
E' anche vero che all'epoca erano usate ancora testine di lettura ad "induzione magnetica" e densità di registrazione per pollice quadrato molto ma molto più basse di oggi.
Grazie.

Marco71.
Marco7103 Febbraio 2009, 12:32 #7

Mi scuso per il commento doppio...

...mi ero dimenticato di dire che nel 2012 S.A.S prevede una velocità di 12Gb/s.
Questo a patto che un famoso radicale cambiamento nella nostra società (che secondo me servirebbe), nel "nostro mondo" non avvenga proprio in quel periodo.
Grazie.

Marco71.
gi0v303 Febbraio 2009, 13:18 #8
mi riservo il giudizio a tra un paio di mesi.... giusto nel caso anche questi abbiano il firmware mangiadati
bLaCkMeTaL03 Febbraio 2009, 13:25 #9
si ma la garanzia? Ne offrono almeno una >= 5 anni/24h?
gabi.243703 Febbraio 2009, 13:51 #10
Ecco c'era da aspettarselo, sono soluzioni ancora a livello di Star Trek Insomma, mica ho l'Enterprise io

2TB è tantissimo... E io qua col mio hard disk da 260GB

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^