Seagate presenta la nuova famiglia di dischi per server Cheetah 15K.7

Seagate presenta la nuova famiglia di dischi per server Cheetah 15K.7

Nuovi hard disk in arrivo da Seagate e destinati al mondo dei server ad elevate prestazioni. I nuovi Cheetah infatti operano ad un regime di rotazione di 15.000 giri, vantano capacità fino a 600GB ed un MTBF di 1,6 milioni di ore

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:43 nel canale Storage
Seagate
 

Seagate

Seagate ha recentemente presentato una nuova famiglia di dischi rigidi da 3,5 pollici destinati al mondo dei server ad elevate prestazioni. Mantenendo fede alla tradizione, la nomenclatura scelta rimane Cheetah per quanto riguarda la famiglia e 15K.7 ad indicare la settima generazione di unità da 15.000 giri di rotazione.

Il form factor scelto è quello da 3,5 pollici, fatto per nulla scontato in quanto da tempo si è fatto strada nel mondo server anche il più ridotto 2,5". A contraddistinguere le nuove unità troviamo innanzitutto due tipi di interfaccia "pro", ovvero 6Gb/s SAS o 4Gb/s FC, portando inoltre la capienza fino alla soglia dei 600GB, che bastano a spiegare l'utilizzo del form factor più ingombrante.

Le nuove unità risultano in linea con la sensibilità "green", adottando il sistema proprietario Seagate PowerTrim pensato per ridurre in maniera sensibile il consumo energetico quando non è richiesta la piena operatività del disco. Il transfer rate dichiarato va da un minimo dei 122MB al secondo fino ai 204MB al secondo, mentre per tutti i modelli la cache ammonta a 16MB. Disponibili nei tagli di 300GB, 450GB ed i già anticipati 600GB, le nuove unità Seagate saranno in commercio a breve ad un prezzo non ancora dichiarato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Xile14 Luglio 2009, 10:53 #1
Accidenti, quanto costano simili dischi?!
El Cid14 Luglio 2009, 10:57 #2
però che dischi!
ma 1.6 milioni di ore sono ben 182 anni, ma sono garantiti per durare così tanto o è solo un'aspettativa?
GByTe8714 Luglio 2009, 11:00 #3
Garantiti proprio no

Belle bestiole comunque
axse14 Luglio 2009, 11:02 #4
se fosse vero ogni 182 anni se ne rompono il 50%.
ma la distribuzione delle probabilità parte da zero, quella è solo la mediana.
la possibilità che si rompa dopo 3 minuti non è zero. (nè lo potrebbe essere)
diciamo che sono parecchio affidabili, ma chi li usa generalmente li monta in raid e si tiene dischi di riserva.
SuperSandro14 Luglio 2009, 11:03 #5
Originariamente inviato da: El Cid
però che dischi!
ma 1.6 milioni di ore sono ben 182 anni, ma sono garantiti per durare così tanto o è solo un'aspettativa?

La garanzia è solo per la sostituzione del disco: nessuna azienda sana di mente garantirebbe altro!

Comunque, parliamo di server: budget alto, quindi RAID 1 (come minimo).
Se - nonostante tutto - succede qualcosa, si va tutti a Lourdes.
lucasantu14 Luglio 2009, 11:17 #6
gran dischi , i miei 150gb funzionano egregiamente ...
!fazz14 Luglio 2009, 11:18 #7
Anche i miei 15k.1 frullano che è un piacere sono ottimi dischi
atomo3714 Luglio 2009, 11:27 #8
belle bestioline, anche i tagli sono molto interessanti, non pensavo che fossero cresciuti così i 15k giri
dbtunder14 Luglio 2009, 12:08 #9

beh

ma la serie 7200.10 che offre già 1,5 TB, costa meno, scalda meno, funziona benissimo e ha un trasfer rate di poco inferiore fa così schifo?
io ho un "semplice" 500GB che mi fa 105 MB/sec e non credo di poter chiedere di più (come velocità intendo..)
Wonder14 Luglio 2009, 12:12 #10
dbtunder c'è una bella differenza fidati
magari il tuo fa 105 mega con il 10% di CPU utilizzata
quello ne da 200 con il 1,5% di CPU utilizzata

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^