Sandisk, ecco la strategia vincente per le SSD

Sandisk, ecco la strategia vincente per le SSD

Il noto produttore americano, in una conferenza a Tokyo, ha comunicato di voler immettere sul mercato SSD con celle NAND da 3 bit

di pubblicata il , alle 16:44 nel canale Storage
Sandisk
 

Sandisk è convinta che il futuro della memoria flash sia legato a doppio filo con gli SSD e lo ha confermato nel corso di una conferenza stampa a Tokyo, ieri. La società ha comunicato in modo ufficiale l'intenzione di voler portare sul mercato celle da 3 bit, in grado di risultare maggiormente economiche se paragonate a quelle a 2 bit.

A parlare nel corso della conferenza è stato Don Barneston, senior director del Marketing all'interno dell'unità di sviluppo delle SSD di Sandisk. Uno dei problemi principali, riporta il sito nikkei, è rappresentato dal matenere costanti e di buon livello le prestazioni, aumentando la capacità delle celle. Sandisk è al momento impegnata nello studio di tecnologie in grado di risolvere questo tipo di problemi, e, secondo quanto riportato, i primi prodotti arriveranno verso la fine del 2009, inizio del 2010.

foto roadmap sandisk

Uno dei vantaggi che il produttore vanta nei confronti dei rivali è il fatto di avere delle proprie fabbriche, con cui riesce a velocizzare lo studio e lo sviluppo di soluzioni alternative e tecnologicamente all'avanguardia. Le celle di tipo MLC (Multiple Level Cell) rappresentano il vero futuro della memoria flash, rappresentando il giusto compromesso tra prezzo/prestazioni. La roadmap mostrata da Sandisk nel corso della conferenza, che riportiamo sopra, mette in luce come la società sia già attiva circa la produzione di massa per prodotti caratterizzati da celle a 3/bit e sviluppati a 56nm, mentre le prime, sempre a 3 bit per cella a 43 nm seguiranno a ruota.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JJSTr27 Novembre 2008, 17:06 #1
ma un paio di giorni fa non dicevano che intel e xxx avevano gia iniziato la produzione a 32nm e che sarebbe diventata a regime nei primi mesi del 2009? no perchè se fosse cosi...sandisk è parecchio indietro
Pashark27 Novembre 2008, 17:12 #2
3bit, ma la logica di controllo non potrebbe indurre dei rallentamenti?
JJSTr27 Novembre 2008, 17:15 #3
a questo punto sorge allora una domanda...vantaggi in termini misurabili? se no sembra una gara a chi ce l'ha più lungo
Genesio27 Novembre 2008, 17:17 #4
immagino di sì, più bit in ogni cella, più lentezza ma anche più capienza. Però forse c'è un buon margine di crescita anche per la velocità.

Cmq sono un po' deluso:
speravo che le due righe 96G e 128G del grafico fossero piene nelle colonne 2009 e 2010....magari addirittura vedere già un 256G. Troppo ottimista?
Genesio27 Novembre 2008, 17:26 #5
Ieri per curiosità ho letto qui:
http://it.wikipedia.org/wiki/Memoria_flash

Lo sapevate che il funzionamento delle memorie flash non può essere spiegato dalla fisica classica "razionale" ma solo da quella quantistica? Mi direte...ecchissenefrega! io lo trovavo interessante..
cacchione27 Novembre 2008, 17:28 #6
Mi auguro che escano drive ssd con dimensioni fisiche ridotte in modo che possano essere inseriti net portatili insieme ad hard disk tradizionali. Basterebbero soluzioni da 16 giga per SO e programmi.
Genesio27 Novembre 2008, 17:37 #7
A quel punto, senza guardare troppo al futuro, i dischi "ibridi" sono perfetti: una partizione flash da 16-32 Gb e una partizione normale da 250-500 Gb
lowenz27 Novembre 2008, 18:23 #8
@Genesio:

certo che lo sappiamo, anche se non è proprio "fisica quantistica" l'effetto tunnel
BlackRider27 Novembre 2008, 18:46 #9
Originariamente inviato da: lowenz
@Genesio:

certo che lo sappiamo, anche se non è proprio "fisica quantistica" l'effetto tunnel


perchè come si spiega l'effetto tunnel senza la fisica quantistica e senza l'equazione di schroedinger
Nenco27 Novembre 2008, 18:47 #10
Originariamente inviato da: cacchione
Mi auguro che escano drive ssd con dimensioni fisiche ridotte in modo che possano essere inseriti net portatili insieme ad hard disk tradizionali. Basterebbero soluzioni da 16 giga per SO e programmi.


Si, peccato cha la sola cartella c:\windows pesi 19Gb nel mio pc (reinstallato 2 mesi fà

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^