Samsung SSD 850 PRO ed SSD 850 EVO: annunciate le varianti da 2TB

Samsung SSD 850 PRO ed SSD 850 EVO: annunciate le varianti da 2TB

I coreani introducono sul mercato due nuove unità a stato solido da 2TB, le più capienti pensate per il mercato consumer

di Nino Grasso pubblicata il , alle 13:51 nel canale Storage
Samsung
 

Samsung ha annunciato due nuove soluzioni di storage a stato solido che potrebbero far paura all'egemonia del disco meccanico. I coreani sono riusciti a stipare ben 2 terabyte di spazio d'archiviazione all'interno di due modelli diversi per prestazioni, che andranno ad aggiungersi alle famiglie SSD 850 PRO ed SSD 850 EVO. In precedenza, il taglio massimo offerto da Samsung per il mercato consumer era di un solo terabyte.

Entrambi i nuovi modelli fanno uso della tecnologia V-NAND (Vertical NAND) proprietaria, ormai abusata dai coreani nella line-up di dischi a stato solido. Questa consente di organizzare le celle di memoria in maniera più efficace rispetto alle soluzioni planari, in cui le stesse celle sono disposte "bidimensionalmente" sulla superficie di un wafer in silicio. Nelle memorie "tridimensionali" di Samsung, invece, le celle possono essere impilate su un massimo di 32 "piani" differenti.

Samsung SSD 850

Questo consente di raggiungere una densità estremamente più elevata per i dati, garantendo al tempo stesso di ottimizzare i costi di produzione a fronte di un aumento considerevole dello spazio di archiviazione. Entrambi i modelli supportano la tecnologia proprietaria TurboWrite, che aiuta a velocizzare la velocità di scrittura durante i trasferimenti di dati creando un buffer specifico. Presente anche la modalità RAPID, che usa la RAM come cache di scrittura per migliorare le performance.

RAPID può essere attivata solo attraverso Magician, il software gestionale dei dischi a stato solido di Samsung, che ricordiamo è disponibile esclusivamente su ambiente Windows. I dischi funzionano naturalmente anche su Mac o su PC basati su Linux, ma non possono beneficiare della funzionalità specifica in questi ambienti.

I nuovi SSD 850 EVO e SSD 850 PRO da 2TB sono entrambi racchiusi nello stesso involucro in alluminio dei predecessori, spesso 7mm e installabile negli alloggiamenti tradizionali da 2,5 pollici. I dischi utilizzano 128 chipset V-NAND Samsung da 32-layer, ciascuno da 128Gb, abbinati ad un controller MHX aggiornato per supportare la nuova capacità di storage e a quattro chip DRAM LPDDR3 da 4Gb e 20nm.

Oltre alle prestazioni leggermente superiori, il modello PRO avrà ulteriori vantaggi sulla variante EVO. Samsung garantisce il top di gamma per una durata di 10 anni e 300 terabyte di dati scritti, a fronte dei 5 anni e dei 150 terabyte di dati del modello inferiore. Samsung SSD 850 PRO avrà naturalmente anche un prezzo di listino più elevato, pari a 1.000$, ma nemmeno l'EVO sarà un modello per tutti, con un listino di 800$ nel mercato americano.

Le nuove tecnologie ad alta capacità e densità saranno presto offerte anche nei form-factor mSATA ed M.2, quindi potremmo vedere ben presto tali capacità negli SSD integrati su desktop di piccole dimensioni e laptop.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marchigiano07 Luglio 2015, 14:17 #1
cavoli dischi classici da 7mm massimo ci sono da 1TB, questi sono arrivati a 2TB

il divario di prezzo non è più neanche così elevato come un tempo, manca solo una diffusione maggiore del formato m.2
rollo8207 Luglio 2015, 14:40 #2
Originariamente inviato da: marchigiano
cavoli dischi classici da 7mm massimo ci sono da 1TB, questi sono arrivati a 2TB

il divario di prezzo non è più neanche così elevato come un tempo, manca solo una diffusione maggiore del formato m.2


tu pensa cosa potrebbero fare su dei 3.5".... chiaro che il prezzo è ancora alto e l'utilità molto relativa, ma se dal lato dischi tradizionali non si svegliano la vedo dura per loro.

qualche anno fa si diffondevano i 60gb coi vari vertex agility & co... oggi i 250gb sono alla portata di tutti e i 500gb non sono messi male... certo costano molto di più ancora, ma i 500gb sono "solo" a 5 volte tanto (circa)...
Bestio07 Luglio 2015, 15:07 #3
Quando finalmente gli SSD da 500gb scenderanno sotto i 100€, gli HDD meccanici non avranno più ragione di esistere se non per storage massiccio.
Rubberick07 Luglio 2015, 15:19 #4
Io spero che dopo questo i prezzi ladro da 150 euro per i dischi da 4tb scendano un pochino...

Uno non può pensare di farsi un NAS :\
PCNP8707 Luglio 2015, 18:10 #5
eh già mi avanzavano 1000 euro da spendere...
Bestio07 Luglio 2015, 18:13 #6
Originariamente inviato da: Rubberick
Io spero che dopo questo i prezzi ladro da 150 euro per i dischi da 4tb scendano un pochino...

Uno non può pensare di farsi un NAS :\


Beh il nuovo Seagate da 8tb (ST8000AS0002) a 232€ è moolto interessante, ne ho già preso uno per il mio hardchivio.
Anche se per un NAS sarebbero meglio i WD RED....
s-y08 Luglio 2015, 08:05 #7
quando mi e' arrivato l'evo 850 da 128gb per una frazione di secondo sono 'trasalito'
e' praticamente vuoto
Mparlav08 Luglio 2015, 10:30 #8
In un certo senso hanno superato gli hdd, visto che i 2.5" da 7 mm non riescono a superare 1TB.
Il problema non è tanto "tecnologico" (chiaro che il controller deve essere adeguato a gestire tutte quei banchi nand), quanto economico: un 850 Evo da 2TB viene quasi 800 euro, ma ha praticamente lo stesso prezzo/GB di quello da 1TB, da 500GB e da 250GB (viaggiano tutti tra gli 0.35 e gli 0.40 euro/GB)

Non c'è alcuna evoluzione da questo punto di vista.
Evo108 Luglio 2015, 11:55 #9
Beh, a livello di tecnologia è un bel traguardo, ma a quel prezzo... Ma il discorso che sugli SSD, a copiare/installare e poi cancellare tante volte dei file e programmi, porta al rallentamento e all'usura dell'unità stessa, è ancora valido? Perchè in questo caso, se è ancora vero, lo vedo più utile con un taglio piccolo, per tenerci giusto il sistema operativo e i principali programmi, che una volta installati non vai più a cancellarli; al massimo solo aggiornarli.

Originariamente inviato da: Bestio
Beh il nuovo Seagate da 8tb (ST8000AS0002) a 232€ è moolto interessante, ne ho già preso uno per il mio hardchivio.
Anche se per un NAS sarebbero meglio i WD RED....


Ma l'hd da 8tb che hai menzionato, è di quelli di nuova generazione riempiti ad elio?
232€ comunque è un'ottima cifra per ben 8tb, dove lo hai preso? Io stavo guardando per dei wd red da 6tb ma, a meno di 250€ circa l'uno, non li trovo...
marchigiano08 Luglio 2015, 14:44 #10
Originariamente inviato da: Evo1
Beh, a livello di tecnologia è un bel traguardo, ma a quel prezzo... Ma il discorso che sugli SSD, a copiare/installare e poi cancellare tante volte dei file e programmi, porta al rallentamento e all'usura dell'unità stessa, è ancora valido?


per mia esperienza l'affidabilità è assoluta anche con le versioni che hanno dato problemi ad alcuni... tipo i vecchi vertex2, i miei ancora rullano di brutto

Originariamente inviato da: s-y
quando mi e' arrivato l'evo 850 da 128gb per una frazione di secondo sono 'trasalito'
e' praticamente vuoto


è vero oggi ci sono chip singoli da 128gb, negli ssd sata al massimo ne mettono 2 da 64gb per avere un minimo di velocità in più con 2 canali ma 2 chip e controller occupano 1/3 dello spazio di un ssd da 2.5"

se tra un annetto si passa al prossimo nodo produttivo e questo rende bene sarà la consacrazione definitiva del ssd

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^