Samsung e Microsoft, in arrivo il disco rigido ibrido?

Samsung e Microsoft, in arrivo il disco rigido ibrido?

Samsung e Microsoft presenteranno a breve un prototipo in fase avanzata di disco rigido integrante un quantitativo non definito di memoria flash, con lo scopo di aumentare le prestazioni generali

di pubblicata il , alle 14:54 nel canale Storage
SamsungMicrosoft
 

Nel corso della prossima edizione della Windows HEC (Hardware Engineering Conference), prevista per fine mese, Microsoft e Samsung sarebbero in procinto di presentare una versione quasi definitiva di hard disk ibrido, dotato cioè di un quantitativo di memoria flash affiancato ai tradizionali piatti. Non si tratta di certo della prima volta che si sente parlare di un disco simile (Hitachi Global Storage Technologies ha infatti da tempo in sviluppo un disco simile), ma è sicuramente la prima volta che si intravedono utilizzi rapidi per tali dischi.

Pur non essendo noto il quantitativo di memoria flash integrato nel disco, è verosimile che basti a contenere buona parte del futuro sistema operativo Windows Vista, che vanta infatti da tempo la funzionalità poco nota di ReadyDrive. Se tale disco verrà realizzato infatti è logico attendersi tempi di caricamento ed operazioni ordinarie molto meno esose in termini di tempo rispetto a quanto siamo abituati. Avere buona parte dei dati occorrenti al sistema operativo subito a disposizione porta sicuramente a benefici in termini prestazionali, saltando a piedi pari il problema della ricerca delle varie informazioni disposte qua e là sui piatti del disco.

Se il progetto prenderà piede è logico attendersi la risposta delle altre aziende attive nel settore dischi rigidi, sicuramente già al corrente da tempo dei progetti di Microsoft. Assume inoltre particolare importanza sapere se tale tecnologia sarà adottata anche nel settore dei PC portatili. E' attesa infatti per l'inizio dell'anno prossimo la presentazione da parte di Intel della piattaforma Santa Rosa per PC portatili, che incorporerà il modulo Robson, anche in questo caso un quantitativo di memoria flash dalle medesime finalità.

Sarà quindi interessante sapere se Windows Vista sfrutterà i dischi rigidi ibridi in assenza di piattaforma Santa Rosa, o se è previsto addirittura lo sfruttamento di entrambi i moduli flash. Nel frattempo non possiamo che attendere essendo, quello di Samnsung e Microsoft, un progetto su cui ancora non si ha la certezza di poter contare.

Fonte: CRN

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
midian09 Maggio 2006, 15:11 #1
ma quindi sarebbe come un HD solido a cui però viene aggiunto anche l' HD con piatti?
una specie di doppia cache?
non ho ben capito
Pistolpete09 Maggio 2006, 15:14 #2
Un hard disk con i piatti ma anche uno spazio al suo interno dedicato ad una memoria solida, di quantitativo probabilmente pari a 1 o 2 GB.
Direi una soluzione di passaggio verso dischi fissi completamente privi di piatti o componenti mobili.
liviux09 Maggio 2006, 15:17 #3
Sarebbe una specie di grossa cache precaricata che non perderebbe i dati al riavvio della macchina. Molto promettente, e probabilmente abbastanza semplice da implementare anche su altri sistemi operativi. L'unico problema che vedo è in caso di dual-boot: un SO non dovrebbe permettersi di sovrascrivere quel che un altro SO ha messo nella "cache", quindi il beneficio sarebbe per uno solo.
pacaldi09 Maggio 2006, 15:18 #4
Oggi i tempi sono cambiati, abbiamo la possibilità di integrare più HD nei nostri PC (personalmente ne ho 4...) quindi la possibilità di installare il S.O. su dispositivi dedicati, come in questo caso memorie flash e lontano da altri dati o installazioni varie, in modo da incrementare le prestazioni, penso che sia una cosa valida.
MiKeLezZ09 Maggio 2006, 15:24 #5
Tutti commenti corretti che condivido a pieno.
L'unico mio dubbio è sul fatto che un giorno passeremo a memorie statiche.. più passa il tempo più mi convinco che la lobby degli HD elettro-meccanici sia difficilmente scardinabile.
Ora con il perpendicular possono premere sul piede dell'acceleratore, e se servisse, potrebbero tagliare tranquillamente i prezzi del 50%.
Sarà uno scontro Qualità vs $/GB.
OverCLord09 Maggio 2006, 15:33 #6
Bisogna vedere se e' qualcosa di piu' di quello che si puo' ottenere con un banale adattatore CF to IDE, o se ci sono sinergie fra HD e memoria flash.
Certo se fosse pensato specificamente per Vista sarebbe una gran C@zz@ta

magilvia09 Maggio 2006, 15:39 #7
L'unico mio dubbio è sul fatto che un giorno passeremo a memorie statiche.. più passa il tempo più mi convinco che la lobby degli HD elettro-meccanici sia difficilmente scardinabile.
Ora con il perpendicular possono premere sul piede dell'acceleratore, e se servisse, potrebbero tagliare tranquillamente i prezzi del 50%.
Sarà uno scontro Qualità vs $/GB.

Sono d'accordo, purtroppo la vedo grigia per noi utenti, anche perchè oltre che sul prezzo i dischi magnetici possono arrivare in fretta a capacità di alcuni tera mentre le memorie solide non ci arriveranno tanto facilmente nè velocemente...
ezio7909 Maggio 2006, 16:12 #8
l'idea mi piace molto: in fondo se l'OS e i sw beneficiano di una memoria più reattiva non vedo la stessa necessità per i dati che ha l'opposta esigenza dello spazio (che non basta mai) e possono stare tranquillamente su hd.

E' un pò la logica di chi oggi ha uno o 2 hd da 10k per l'os e poi i dischi per i dati.
DevilsAdvocate09 Maggio 2006, 16:30 #9
Preferirei hard disk da 1,2 o4 Gb completamente a stato solido, da affiancare a
quelli tradizionali per inserirci o farci inserire dal S.O. il codice piu' caricato....
(anche applicativi di uso molto frequente)
Ben venga questa soluzione nel frattempo.
zanardi8409 Maggio 2006, 16:32 #10
Non sarebbe affatto male come idea!
Resta solo da capire se effettivamente il sistema operativo sarà abbastanza intelligente da installarsi nelle flash e non sui piatti.
Con un decente abbassamento dei prezzi credo che l'idea avrà seguito, in considerazione del fatto che sarà possibile disporre di più dischi, per la gioia degli utilizzatori linux.
Un primo passo verso l'abbandono dei dischi meccanici, spesso così fragili ed inaffidabili (Maxtor) e in ogni caso ingombranti e fonte di dannosissimo calore.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^