Samsung e dischi NAND, qualche dato in più

Samsung e dischi NAND, qualche dato in più

Samsung rilascia qualche informazione aggiuntiva riguardante i dischi a memoria NAND utilizzati su un prototipo di PC portatile presentato al CeBIT di Hannover

di pubblicata il , alle 13:43 nel canale Storage
Samsung
 

Samsung

Samsung nel corso del recente CeBIT di Hannover ha mostrato un prototipo di PC portatile dotato di disco rigido basato interamente su memoria NAND, eliminando quindi dalla periferica ogni parte in movimento. Hardware Upgrade ha dato a suo tempo spazio alla notizia a questa pagina, pur mancando di fatto alcune informazioni importanti.

Alcune di queste informazioni di grande interesse sono state rilasciate in questi giorni da Samsung e rigurdano qualche dato in più circa le prestazioni ed il consumo energetico. Il trasfer rate massimo in lettura sequenziale dell'unità dovrebbe aggirarsi intorno ai 57 MB al secondo, contro i 15 MB al secondo rilevati mediamente su dischi da 1,8 pollici.

Sul fronte del consumo energetico le differenze si fanno ancora più marcate, come è lecito attendersi a causa dell'assoluta mancanza di parti in movimento nel prototipo Samsung. Le esigenze in termini energetici infatti sono nell'ordine del 5% rispetto ad una unità disco 1,8 pollici tradizionale, aumentando così in maniera sensibile l'autonomia del PC senza dimenticare che tale unità opera nel silenzio più assoluto.

Samsung

Rimane ora ancora qualche dubbio legato al prezzo, anche se è verosimile attendersi una cifra sicuramente superiore ai 1000 euro. La quotazione media per GB NAND è infatti di circa 30 dollari; essendo il prototipo Samsung un modello da 32 GB è facile giungere ad un totale di circa 960 dollari, cifra che ricordiamo essere riferita ai soli chip. Se a questo si aggiunge il prezzo dello chassis e dell'elettronica di gestione, unito a quello del tempo e delle risorse impiegate dal dipartimento Ricerca e Sviluppo Samsung, è facile ipotizzare cifre ancora fuori mercato.

Saranno i PC destinati all'ambito militare e industriale a beneficiare per primi di tali unità, essendo questi settori ben disposti a spendere anche cifre elevate pur di avere il massimo dell'affidabilità e della sicurezza per i propri dati. In ogni caso i prezzi di tali unità (che esistono da molto tempo) stanno subendo un abbassamento notevole, soprattutto se comparati a quelli di pochi anni fa (si arrivava a 1,5-2 dollari a MB, Megabyte, non GB!). Facile ipotizzare per il futuro una fascia di prezzo occupata da tali dischi in ogni caso per pochi, ma molto più abbordabile rispetto al passato.

Fonte: CDRInfo

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

41 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dodo8821 Marzo 2006, 13:50 #1
ki me lo regala?
lele98021 Marzo 2006, 13:50 #2
l hd dei miei sogni!

ovviamente con una taglio di almeno 250gb ed un transfer rate sequenziale di oltre 100mbs
Spyto21 Marzo 2006, 13:51 #3
Finalmente iniziano a venderli
bjt221 Marzo 2006, 13:59 #4
57MB/s sustained!!! Degni di un buon 7200 3,5" !!!
S3pHiroTh21 Marzo 2006, 14:01 #5
Io non ho capito una cosa, ma queste memorie sono come quelle usb? perkè avevo letto che scrivendoci sopra un migliaio di volte (è solo un esempio), la memoria cominciava a deteriorarsi fino a non scrivere più correttamente i dati o qualcosa di simile... succede anche a questi dischi?
s0r421 Marzo 2006, 14:04 #6
Ma una bella soluzione del genere disco da 8GB super veloce per sistema operativo e programmi principali affiancato da un 4200 mediamente capiente per metterci dati vari?
comunque da qua a 2 anni ci sarà una nuova fascia di dischi per chi vuole super prestazioni e bassi cnsumi
lowenz21 Marzo 2006, 14:05 #7
Tutti i dischi si deteriorano, chi per motivi elettronici (vedi questi basati sulle NAND), chi per motivi magnetici e meccanici (dischi fissi" classici".....bisognerebbe conoscere gli odierni (leggesi 2006) dati a riguardo delle EEPROM, io sono rimasti ad alcuni anni fa.
nudo_conlemani_inTasca21 Marzo 2006, 14:06 #8
Originariamente inviato da: S3pHiroTh
Io non ho capito una cosa, ma queste memorie sono come quelle usb? perkè avevo letto che scrivendoci sopra un migliaio di volte (è solo un esempio), la memoria cominciava a deteriorarsi fino a non scrivere più correttamente i dati o qualcosa di simile... succede anche a questi dischi?


Mah, secondo me alla Samsung si sono drogati.

Incominciano a fare elettronica "alla grande" a tutto spiano.
Sfornano Monitor LCD, Videocamere, cellullari.. e ora anche gli HD SSD
dove è la capostipite.. che dire?

E tutto di buona qualità & fattura.

E pensare che sono sempre stati criticati e bistrattati per gli HDD del vecchio tipo che erano veramente dei macinini.. che cambiamento!

(*anche LG ha 1 incremento di qualità sui prodotti, ma nn a livello di Samsung)
magilvia21 Marzo 2006, 14:08 #9
Il trasfer rate massimo in lettura sequenziale dell'unità dovrebbe aggirarsi intorno ai 57 MB

Le esigenze in termini energetici infatti sono nell'ordine del 5% rispetto ad una unità disco 1,8 pollici tradizionale

tale unità opera nel silenzio più assoluto.

Che cose meravigliose! Spero che presto arrivino alla nostra portata!
nudo_conlemani_inTasca21 Marzo 2006, 14:10 #10
Originariamente inviato da: s0r4
Ma una bella soluzione del genere disco da 8GB super veloce per sistema operativo e programmi principali affiancato da un 4200 mediamente capiente per metterci dati vari?
comunque da qua a 2 anni ci sarà una nuova fascia di dischi per chi vuole super prestazioni e bassi cnsumi



E perchè non fare della fanta-tecnologia?
Magari dei dispositivi di memorizzazione a 2 strati..
uno comprendente 1 HDD SSD e l'altro x "storage di massa" con Perpendicular Recording.. tutto inpacchettato in un unico contenitore..

Occupando lo spazio di uno ma rendendo disponibili entrambe le tecnologie,
in medesimo modo comtemporaneamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^