Promise UltraTrak RM15000 RAID

Promise UltraTrak RM15000 RAID

Promise presenta una nuova soluzione storage dalla capacità massima di 3,75Tb

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale Storage
 
Digit-life ci informa che Promise, da sempre attiva nel settore storage con soluzioni speso legate alla tecnologia RAID, ha presentato un nuovo prodotto.

Il Promise UltraTrak RM15000 RAID, dal prezzo indicativo di circa 5000 euro, è una soluzione che può arrivare a memorizzare fino a 3,75Tb, il tutto supportando il RAID 0, 1, 0+1, 3, 5, 30, 50, ospitando fino a 15 dischi ATA 133/100 con funzionalità "hot swap".

Questa soluzione dispone delle funzionalità CLI (command line interface) e Promise Array Management (WebPAM) e sarà disponibile da aprile.

Promise


Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder02 Aprile 2003, 09:49 #1
OMG

OMG

Veramente economico rispetto ai 3,75 Tera (che ovviamente sarà il prezzo base) e al RAID 50 ceh puo supportare. Poi esteticamente, da tenere con lo sportellino aperto, sembra veramente kattivo, anche se personalmente preferissco quelli in formati tower.
Guerriero Nero02 Aprile 2003, 09:52 #2
cazzarola sono rimasto indietro! cosa è il raid 30 e 50??????
Tera02 Aprile 2003, 10:02 #3

x Guerriero Nero

Questo sistema implementa due diversi livelli di RAID: RAID 5 e RAID 0. Un sistema di questo tipo necessita di un minimo di sei dischi, due gruppi di tre dischi configurati in RAID 5 e l’insieme di questi raggruppati in RAID 0. Affiancando i due sistemi avremo un sistema sicuro e prestante. Queste soluzioni a parte il costo sono il massimo
Wonder02 Aprile 2003, 11:01 #4
Ma dalla foto mi sembra che gli HDD siano montati in verticale, su un fianco e non nel modo corretto con i piatti in orrizzontale. Questo sicuramente farebbe ripercuotere la GRAVITA' sul movimento a salire delle testine che alla lunga provoca un'usura anomala, suppongo, che in un apparecchio del genere non dovrebbe accadere. Qualcuno ha qualche dettaglio?
Io nelle specifiche tecniche degli HDD continuo a leggere che vanno montati orizzontalmente...caso mai questo è l'uovo di colombo.
Manwë02 Aprile 2003, 11:28 #5
giri il case in verticale e risolvi il problema
pg08x02 Aprile 2003, 11:34 #6

Non mi piace !

I dischi IDE vanno benissimo per sistemi casalinghi in RAID 0 (ne ho uno anche io) ma per sistemi professionali di quel livello ci vogliono dei dischi SCSI.

E' come avere una ferrari con le ruote della 500 !!!
cdx02 Aprile 2003, 11:44 #7

Per Wonder

Il 90% delle soluzioni storage rack19 montano i dischi in questa posizione, senza problemi di affidabilità.
Di contro i sistemi nas di fascia bassa montano dischi in orizzontale ma per il minor numero di dischi stessi.
aventrax02 Aprile 2003, 11:56 #8
Quel case è per rack, non puoi montarlo in verticale....
Wonder02 Aprile 2003, 12:27 #9

x cdx

Bene meglio cosi, anche se i produttori lo sconsiglano e non credo che gli HDD dei rack siano diversi dai vari modelli EIDE o SCSI che si trova in commercio dai retailer. In poche parole mi stai dicendo che il 90% dei storage rack19 montano HDD contro specifica.

Noi in uff ne abbiamo uno della TEAC con HDD in orrizontale, dentro un tower. Ovviamente non è rack!

Mi ricordo che quando usci il lettore CD da parete della B&O con caricamento del CD in verticale e la testina ceh si muoveva esattamente su e giu in verticale, la B&O studio' un particolare sistema per non affaticare troppo il meccanismo.
Aryan02 Aprile 2003, 12:30 #10
Ma chi usa sta roba? Topolino?
Ha ragione pg08x!!! Un disco SCSI è grantito 24/7 mentre un IDE 8/5(ore al giono/gioni alla settimana).\
Mah, se l'hanno fatto qualche particolare utilizzo ci sarà!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^