Prezzi degli hard disk in crescita del 5-10% a causa del terremoto in Giappone

Prezzi degli hard disk in crescita del 5-10% a causa del terremoto in Giappone

Cala la disponibilità di alcune componenti fondamentali nella produzione di hard disk, a causa del recente terremoto giapponese

di pubblicata il , alle 09:19 nel canale Storage
 

In base a quanto riportato da Digitimes, il prezzo degli hard disk dovrebbe alzarsi mediamente del 5-10%, in conseguenza a una scarsa disponibilità di componentistica, sicuramente inferiore alla domanda che rimane sempre molto elevata per questo mercato.

Il componente incriminato è un semplice chip, fondamentale però per l'operatività dei dischi a piatti rotanti. Stiamo parlando del controller che governa il rotore presente in tutti dischi di questa tipologia, una componente molto particolare che viene prodotta principalmente da due sole aziende, STMicroelectronics e Texas Instruments.

Tre fabbriche di Texas Instruments, localizzate in Giappone, sono state danneggiate dal recente terremoto e non si prevede una ripresa delle attività a pieno regime fino a settembre. Proprio in questi centri produttivi vengono realizzati i controller dei rotori, con la conseguenza diretta che sul mercato ve ne saranno meno rispetto alla domanda.

Le previsioni parlano quindi di una contrazione del mercato e non certo per il minor interesse degli acquirenti, ma proprio per problemi di disponibilità della componentistica. Confrontando i volumi di vendita del primo trimestre 2011, 160 milioni di pezzi, si parla di una forte contrazione, tanto da stimare "solo" 100 milioni di unità. Una conseguenza diretta sarà appunto quella della crescita dei prezzi, che durerà fino a quando il ciclo produttivo non tornerà alla normalità.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor01 Aprile 2011, 09:27 #1
è il rischio della concentrazione della produzione: si ottengono economie di scala in grado di ridurre i costi di realizzazione, ma in caso di problemi ci si trova praticamente "a piedi"...

MesserWolf01 Aprile 2011, 09:38 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
è il rischio della concentrazione della produzione: si ottengono economie di scala in grado di ridurre i costi di realizzazione, ma in caso di problemi ci si trova praticamente "a piedi"...

Beh c'è volto uno dei terremoti più forti della storia umana per farci rimanere a piedi. Direi che è un rischio tollerabile.

Per il resto è economia 101 se l'offerta è inferiore alla domanda i prezzi salgono.
sirisiri01 Aprile 2011, 09:46 #3
Posso dire la mia? Speculatori finanziari di cacca.
ulk01 Aprile 2011, 09:50 #4
Balle, nel caso sono pieni di fondi di magazzino.
Paganetor01 Aprile 2011, 10:13 #5
oddio, vendendo 160 milioni di pezzi a trimestre non so quanto magazzino possano avere... qualche milione di pezzi? ok, hai soddisfatto la richiesta di una settimana di un costruttore di dischi...
Utonto_n°101 Aprile 2011, 10:14 #6
Magari essendoci poca disponibilità di dischi a piatti rotanti, si venderanno più dischi SSD!
MesserWolf01 Aprile 2011, 10:20 #7
Originariamente inviato da: sirisiri
Posso dire la mia? Speculatori finanziari di cacca.


non c'entrano nulla gli speculatori
Paganetor01 Aprile 2011, 10:24 #8
Originariamente inviato da: Utonto_n°
Magari essendoci poca disponibilità di dischi a piatti rotanti, si venderanno più dischi SSD!


i cui chip magari vengono prodotti nei medesimi stabilimenti fermi!

e comunque il target è molto diverso: mentre oggi gli ssd vanno via in tagli da 128-256 giga, i dishci tradizionali si trovano a fatica in dimensioni da 320 giga, più facilmente da 500, a salire... un po' come voler comprare una utilitaria, ma siccome la linea produttiva pè ferma passo a un furgone
AtaruGolan01 Aprile 2011, 11:33 #9
e parte la speculazione con la scusa ....
Wonder01 Aprile 2011, 12:36 #10
Spero non siano speculazioni, anzi spero ceh il sovrapprezzo aiuti il giappone.

Se volete la speculazione ricordatevi che ogni litro di benzina o di diesel che fate pagate l'accisa nella quale è compresa una quota per il terremote dell'irpinia (1980). E sono 31 anni che la paghiamo!!!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^