PQI, il futuro in Solid State Disk

PQI, il futuro in Solid State Disk

Diverse le soluzioni basate su memoria statica proposte da PQI, fra cui alcuni Solid State Disk e diverse interpretazioni delle applicazioni NAND Flash in abbinamento alla tecnologia ReadyBoost

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:44 nel canale Storage
 

PQI è una di quelle aziende attive nel settore dei chip memoria che crede in un futuro sempre più dominato da questa tipologia di soluzione per l'archiviazione. DiskOnModule è il nome di una soluzione storage di cui abbiamo già parlato nei giorni scorsi sulle nostre pagine; PQI intende sfruttare i connettori a 10 pin presenti sulla motherboard (comunemente utilizzati per altro, come ad esempio per aggiungere staffe con porte USB o pannellini frontali) come interfaccia per la connessione di cartuccia contentente un quantitativo di memoria NAND Flash. Lo scopo è quello di mettere a disposizione della tecnologia Microsoft ReadyBoost un quantitativo di memoria per velocizzare le operazioni di avvio del sistema, oltre che per le ordinarie operazioni. Capienza massima dell'unità, ad oggi, fissata in 2 GB.

In ambito notebook invece PQI intende mettere a disposizione dell'utenza più attenta alle prestazioni un modulo con le medesime finalità del precedente, ma in grado di interfacciarsi attraverso lo slot ExpressCard. In termini di capienza di sale notevolmente, ovvero fino a 32GB. La soluzione appare molto interessante anche in virtù di una porta USB 2.0 integrata, che permette di interfacciare l'unità anche con altri sistemi, portatili e non, che non dispongono si slot ExpressCard.

PQI non poteva non completare l'offerta delle proprie soluzioni chiudendo il cerchio delle interfacce disponibili, sviluppando anche una versione per porte SerialATA interne con capienze fino a 4GB. Pur di dimensioni forse esagerate, tanto da coprire eventuali porte adiacenti, questi modelli SerialATA potranno comunque dire la loro in quei sistemi dove viene utilizzato un numero esiguo di connettori SerialATA, com nella maggior parte de PC.

Il pezzo forte presente allo stand PQI è comunque il disco Solid State, rappresentato da modelli sia SerialATA che EIDE con form factor di 1,8 e 2,5 pollici, quest'ultimi fino a 256GB. Una capienza davvero interessante e di certo non alla portata di tutti, ma che potrebbe risultare abbordabile in termini di prezzo in un futuro nemmeno troppo lontano. Ricordiamo che i vantaggi offerti da questi dischi rispetto ai tradizionali sono molteplici: maggiore resistenza in quanto non esistono parti in movimento, minor consumo energetico, maggiore velocità di seek time con conseguente impatto positivo sulle prestazioni.

In questa immagine riportiamo per curiosità l'intera gamma dei prodotti PQI, comprendenti ogni unità Solid State prodotta dall'azienda taiwanese.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Evangelion0107 Giugno 2007, 15:46 #1
Forza, avanti così : non vedo l' ora di affiancare un ssd da 64 gb per s.o. e programmi al mio 320gb a piattelli.. sarebbe perfetto..
W4rfoX07 Giugno 2007, 15:48 #2
Sarà... ma mi lasciano perplessi i transfer rate.. :|
angel11007 Giugno 2007, 15:48 #3
E soprattutto i disk solidi sono silenziosi.., non vedo l'ora che potrò permettermene uno.. diciamo nel 2010.. incrocio le dita
Okiya07 Giugno 2007, 15:49 #4
Originariamente inviato da: W4rfoX
Sarà... ma mi lasciano perplessi i transfer rate.. :|


Il transfer rate non è così importante, considerando i tempi di accesso e l'utilizzo che è previsto per queste unità
Micene.107 Giugno 2007, 15:51 #5
io se fossi il ceo della seagate inizierei a preoccuparmi
crack8607 Giugno 2007, 16:26 #6
Originariamente inviato da: Micene.1
io se fossi il ceo della seagate inizierei a preoccuparmi

Io direi solo di aspettare probabilmente seagate sta tirando fuori qualcosa di importante dal cappello... A-Data e Super Talent hanno già nel loro listino ssd da 128Gb da 3'5 pollici
W4rfoX07 Giugno 2007, 16:45 #7
Il trasfer rate inizia a diventarmi importante se ci metto su l'OS. Ho esperienza di uso di windows su CF da 2 e 4 Gb, e non è proprio il massimo della vita.. (CF a 140x neh..)
patroclo12307 Giugno 2007, 17:25 #8
io non sarei cosi preoccupato per il transfer rate.
miglioreranno progressivamente come aumenterà sempre più la capacità a fronte di una costante diminuzione di prezzi. sono solo i primi esemplari questi!!!
erupter07 Giugno 2007, 18:18 #9
La cosa carina è che, se non fosse per le richieste di solidità, tutta quella roba peserebbe meno di un hdd normale
Gerardo Emanuele Giorgio07 Giugno 2007, 21:40 #10
ma i dischi rotanti sono orientati o verso prestazioni velocistiche (scsi con RPM >= 10k) o verso grandi capienze ed in entrambi i casi non c'è applicazione di questi SSD... quindi seagate dorme sonni tranquilli. PER ORA.
Per il mercato desktop / server c'è ancora da attendere. E quando sarà il momento seagate e soci lanceranno ognuno la propria linea di dischi solid state...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^