PQI, disco rigido solid state da 64 GB

PQI, disco rigido solid state da 64 GB

PQI, Power Quotient International, presenta nel corso del COmputex di Taipei un nuovo disco a memoria statica di ben 64 GB, in commercio a breve

di pubblicata il , alle 09:39 nel canale Storage
 

PQI

PQI, acronimo di Power Quotient International, è un'azienda taiwanese relativamente giovane (fondata nel 1997), ma che ha saputo imporsi nel mercato dei produttori di chip memoria. Nel corso del Computex 2006 di Taipei PQI ha mostrato un'interessante soluzione storage, ovviamente affiancata alla normale produzione, che va a rafforzare le ipotesi di una futura nicchia di mercato dedicata agli hard disk dotati di memoria statica.

Dopo Samsung e Trascend dunque ecco PQI presentare il proprio disco rigido NAND Flash, con una capienza però di ben 64 GB, interfaccia SerialATA e transfer rate di circa 25 MB al secondo, inferiore a quanto dichiarato da altri concorrenti ma in ogni caso molto buono.

I chip utilizzati saranno in ogni caso quelli di Samsung, che evidentemente dispone di linee produttive più efficenti; quello che stupisce è la disponibilità di tale unità già da agosto, anche se mancano indicazioni sul prezzo di acquisto. E' bene ricordare che dischi rigidi basati su chip memoria non utilizzano parti in movimento, aumentando drasticamente l'affidabilità e riducendo al tempo stesso i consumi di elettricità.

Interessante in ogni caso notare come i produttori di chip memoria si stiano pian piano avvicinando a questa "nicchia" di mercato, entrando nel settore dei dischi rigidi proponendo soluzioni sicuramente costosissime, ma in grado di aprire una strada. Se la strada si rivelasse quella giusta assisteremo inevitabilmente ad una concorrenza diretta fra le varie aziende, con probabili tagli dei prezzi.

Il mercato dunque vedrebbe sì il prevalere dei dischi rigidi tradizionali, affiancati però anche da dischi ibridi e full-NAND, alternative molto valide ed in grado di soddisfare esigenze ben precise.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pikkoz07 Giugno 2006, 09:46 #1
mancano indicazioni sul prezzo di acquisto
forse per non spaventare la gente? .
Ottima notizia, speriamo solo che si diffondano e che si abbassi il prezzo
May8107 Giugno 2006, 09:50 #2
25 MB/s mi sembrano un po pochini per un drive che avrà al suo interno almeno 32 chip di memoria flash...
Night7607 Giugno 2006, 09:52 #3
Speriamo che si diffondano presto questi nuovi hard disk, specialmente per quanto riguarda il segmento dei portatile. La batteria, l'autonomia di funzionamento e il calore dissipato migliorerebbero moltissimo rispetto agli attuali sistemi tradizionali. Il costo come tutte le cose scenderà con il numero di pezzi prodotti. Secondo me si sarebbe dovuto iniziare con tagli più piccini tipo 20 o 30 GB a prezzi più abbordabile.
giapel07 Giugno 2006, 09:56 #4
CHE BELLO!
Wow..........ora si che i pc stanno andando verso prestazioni equilibrate.............pian piano ci si avvicinera'....
Cmq,credo che il prezzo sara' abbastanza altino........anche qualcosa di piu' forse
Paganetor07 Giugno 2006, 09:58 #5
mi domando perchè insistano a farli a forma di "vecchi HD"... non ci sono forme più intelligenti, capaci di sfruttare meglio gli spazi all'interno dei portatili? un conto se ci fosse realmente un disco all'interno, ma lì sono tanti chip che si possono piazzare come si vuole

per il discorso prestazioni, non penso sia un problema: questi dischi non nascono per accrescere la velocità, ma per ridurre i consumi e aumentare l'affidabilità. Sono ideali in particolare in ambienti difficili, magari con polvere, vibrazioni e altri fattori che renderebbero dura la vita di un disco "convenzionale".
Le prestazioni arriveranno col tempo, ne sono certo. E trattandosi di informatica, il termine "tempo" in genere indica mesi, al massimo pochi anni

64 giga, poi, sono un quantitativo ottimo per la maggior parte delle applicazioni e anche per una funzione di storage
Sim89one07 Giugno 2006, 09:58 #6
nn è da mettere in dubbio che cunsomino meno e siano + affidabili ma la velocità di transfer rate di 25mb/s fa davvero ca**re a sto punto e sopratutto per il prezzo che sarà elevatissimo prendo un raptor e via che si vola
tatomalano07 Giugno 2006, 10:00 #7

quanti zeri?

10.000 euro??
magilvia07 Giugno 2006, 10:07 #8
64 gb? Bene! Vuol dire che non è poi così difficile salire in capacità e quindi andare a intaccare la tecnologia tradizionale.
Cloud7607 Giugno 2006, 10:09 #9
Sono contento che comincino a venir fuori questi prodotti ma...
io sto ancora aspettando le Secure Digital da 8Gb, spero non ci vorrà ancora molto, si sa niente?
magilvia07 Giugno 2006, 10:11 #10
ma la velocità di transfer rate di 25mb/s fa davvero ca**re

Ti sbagli perchè è un transfer rate che si riferisce a qualsiasi condizione mentre il transfer rate a cui siamo abituati è riferito alla sola lettura sequenziale e cala drasticamente altrimenti. Nell'uso normale risulterà quindi più performante questo con soli 25 MB/s

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^