OCZ, nuovo controller per i propri SSD

OCZ, nuovo controller per i propri SSD

OCZ decide di affidarsi a nuovi controller SandForce per lo sviluppo delle proprie unità a stato solido, annunciando l'impiego del componente su tutta la famiglia di SSD

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 11:50 nel canale Storage
OCZ
 

OCZ Technology, una delle società più attive sul mercato delle unità SSD ha dichiarato nel corso della giornata di ieri che inizierà ad usufruire dei nuovi controller sviluppati da SandForce su tutti i nuovi prodotti che saranno introdotti prossimamente sul mercato. I controller SandForce saranno impiegati sia sulle soluzioni destinate al mondo consumer sia sugli SSD per il mercato enterprise.

Ryan Petersen, CEO di OCZ, si è così espresso in merito alla decisione: "Insieme a SandForce abbiamo deciso di concentrarci sullo sviluppo di soluzioni MLC per il mercato enterprise che siano in grado di garantire una elevata affidabilità e allo stesso tempo ottime performace, in grado di soddisfare i nostri clienti".

I nuovi prodotti OCZ basati sui nuovi controller SandForce SF-1200 e SF-1500 saranno disponibili con numerose interfacce, SATA 3Gb/s, SATA 6Gb/s e Serial Attached SCSI: le unità SSD saranno inoltre caratterizzate da tagli che varieranno dai 50 ai 400GB. Saranno inoltre impiegati chip di memoria MLC e SLC a seconda degli scenari di utilizzo.

SandForce è una startup non molto conosciuta che ha da tempo intrapreso la strada dello sviluppo di controller per unità SSD. Ha inoltre sviluppato la tecnologia definita DuraClass, una serie funzioni di gestione della memoria che consente di raggiungere un maggior livello qualitativo e prestazionale. Ecco un breve elenco delle caratteristiche implementate all'interno di DuraClass:

  • DuraWrite, which optimizes the number of program cycles to the flash effectively extending flash rated endurance by 80x or more when compared to standard controllers.
  • Powerful flash media error correction (ECC) and RAISE (Redundant Array of Independent Silicon Elements), which deliver an orders-of-magnitude improvement in drive reliability versus today’s SSDs and enterprise HDDs. The result is single-drive RAID-like protection and recovery from a potentially catastrophic single flash block or die failure – all while avoiding the inefficiencies of traditional RAID.
  • Wear Leveling and Monitoring, which provides monitoring of flash block operational metrics to optimize wear leveling algorithms, further extending flash endurance.
  • Advanced Read/Program Disturb Management, which safeguards against errant re-programming of cells during read and program cycles and unexpected power loss.
  • Recycler, which intelligently performs garbage collection with the least impact on flash endurance.

I primi prodotti sviluppati con i nuovi controller saranno annunciati nel corso delle prossime setimane e saranno mostrati al pubblico nel corso della prossima edizione del CES di Las Vegas, previsto per il mese di Gennaio del prossimo anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aled197411 Novembre 2009, 12:03 #1
scusate, da volutamente ignorante in materia sennò c'è il rischio che salga la scimmia sulla spalla...
DuraWrite, which optimizes the number of program cycles to the flash effectively extending flash rated endurance by 80x or more when compared to standard controllers.


intende cicli di scrittura/riscrittura? Ovvero rispetto ad un controller standard (cioè?) questi ssd si potranno riscrivere 80 volte tanto?

quant'è il numero di volte diciamo medio che gli ssd oggi sul mercato possono riscrivere le celle?

ciao ciao
supertigrotto11 Novembre 2009, 12:14 #2

sempre form factor 2,5?

nei bay dei case ci sono i 3,5,una misura in cui ci starebbero più chip di memoria e starebbero più frschi!
Lotharius11 Novembre 2009, 12:22 #3
Wow, direi che le premesse sono ottime, sono tutte funzionalità che nell'ambito SSD sono più che gradite: drive più efficienti, duraturi, sicuri e veloci. Se il prezzo finale di questi prodotti sarà umano, direi che Intel, Indilinx, Samsung e JMicron dovranno tirar fuori fior di conigli dal cilindro per essere competitivi...
GabrySP11 Novembre 2009, 12:28 #4
Quel 80 volte (stima ottimistica, 20-30 è più credibile) credo sia riferito al fatto che quei cessi di controller che montavano prima (indilix barefoot) non gestivano la write amplification (se dovevano scrive 4k ne scrivevano sempre e comunque 512k)

Quindi dice che camperanno 80 volte di più (20-30 volte, 80 è una balla grossolana)
In pratica si adegueranno (finalmente) a quello che fa già il controller intel da tempo
ste_jon11 Novembre 2009, 12:28 #5
Originariamente inviato da: supertigrotto
nei bay dei case ci sono i 3,5,una misura in cui ci starebbero più chip di memoria e starebbero più frschi!


più chip di memoria=prezzo maggiore. Ci sono già SSD di capienze generose ma il prezzo è proibitivo. Poi non vedo problemi di calore, gli SSD scaldano poco
frankie11 Novembre 2009, 12:29 #6
Oh un po' di controller nuovi non fanno mai male. Speriamo siano all'altezza di intel e indilinx.

Certo che OCZ si sta buttando di brutto negli SSD, è praticamente solo lei che contnua a innovare
StIwY11 Novembre 2009, 12:36 #7
I primi SSD avevano capacità ridicole, controller stralenti e prezzo da furto.....poi hanno fatto SSD con capacità accettabili e controller lenti e prezzi ancora da furto........poi SSD più o meno decenti ( vedi Intel X-25M o x25E)...... ora inventano la mania di aggiungere qualche feature qua e là nel controller (per marketing ovviamente ), un pò come le mille illustrazioni nella scatola di una scheda madre.......


In definitiva "giocano" col mercato consumer non sforzandosi per niente nel produrre SSD veramente degni di nota, si limitano ANCORA, dopo più di tre anni, a tastare il mercato per capire quanta gente è disposta a farsi rapinare con i modelli attuali.

E' vergognoso...spacciano per costoso e tecnoligicamente "nuovo" quello che esiste da decenni......ovvero le memorie NAND Flash

Ma che andassero tutti........
aled197411 Novembre 2009, 12:47 #8
Originariamente inviato da: GabrySP
Quel 80 volte (stima ottimistica, 20-30 è più credibile) credo sia riferito al fatto che quei cessi di controller che montavano prima (indilix barefoot) non gestivano la write amplification (se dovevano scrive 4k ne scrivevano sempre e comunque 512k)

Quindi dice che camperanno 80 volte di più (20-30 volte, 80 è una balla grossolana)
In pratica si adegueranno (finalmente) a quello che fa già il controller intel da tempo


uhm, sospettavo che quel confronto con i controller "standard" riguardasse l'aria fritta, un po' come la sparata del 80 volte tanto

insomma, o li rendono economicamente competitivi rispetto alla concorrenza oppure li venderanno solo a quelli che credono alle scritte sulle scatole come diceva StIwY

grazie

ciao ciao
ZetaGemini11 Novembre 2009, 12:49 #9
Originariamente inviato da: frankie
Oh un po' di controller nuovi non fanno mai male. Speriamo siano all'altezza di intel e indilinx.

Certo che OCZ si sta buttando di brutto negli SSD, è praticamente solo lei che contnua a innovare


LOL. solo OCZ? mai visto gli XPG di A-DATA?
frankie11 Novembre 2009, 13:16 #10
Quelli con JMF612?, per ora non ho visto nulla ho solo sentito dei rumors

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^