OCZ ARC 100, nuova serie SSD per il mercato consumer value

OCZ ARC 100, nuova serie SSD per il mercato consumer value

Nuova gamma "value" per OCZ, che con i modelli siglati ARC 100 va alla ricerca dell'utenza con minore disponibilità economica e colmando al contempo una falla nei propri listini, fino ad oggi popolati solo da unità dalla fascia media in su

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:01 nel canale Storage
OCZ
 

Importante novità in casa OCZ, con la presentazione di una gamma tutta nuova di Solid State Drive che va sotto il nome di ARC 100. In seguito all'acquisizione da parte di Toshiba, in molti si sono trovati a riflettere su quale fosse il destino a cui andava incontro l'azienda; a distanza di qualche tempo si può affermare che l'accordo è stato vantaggioso per entrambe le parti, visto che il brand OCZ è vivo e vegeto e Toshiba può contare ora su una completa lineup di SSD che coprono praticamente tutti gli ambiti di utilizzo.

Questa affermazione trova riscontro proprio oggi con la presentazione della serie ARC 100 destinata al settore "value", quello dove grande importanza è data al costo per GB e nel quale OCZ non era presente. Restando nel settore consumer, infatti, il listino OCZ ha offerto fino ad oggi i modelli Vertex e Vector, quest'ultimi adatti anche al settore professionale. Mancava proprio una linea economica, ed è quella che viene presentata proprio oggi.

OCZ tiene a precisare che l'appartenere ad una linea economica non significa certo andare incontro a chissà quali rinuncia, essendo queste limitate a poche specifiche. La prima buona notizia è che ARC 100 segue le orme costruttive delle serie di maggior lignaggio: il controller è sempre quello realizzato in casa, il Barefoot 3 in versione M10 che abbiamo già avuto modo di apprezzare nei nostri test, così come non è stata abbassata la guardia sulla stabilità delle prestazioni nel tempo.

Perché allora costa meno? La risposta la si trova nell'adozione dei chip Toshiba A19nm toggle 2 MLC, dove la "A" sta per advanced, ovvero una versione migliorata anche sotto l'aspetto prestazionale rispetto ai "vecchi" chip 19nm semplici, ma evidentemente più economici da realizzare grazie ad una produzione in serie decisamente ottimizzata. Che i nuovi chip vadano forte pur costando meno lo si deduce dalle prestazioni dichiarate in scrittura del modello con taglio minore, 120GB: OCZ dichiara infatti 475MB/s in lettura e ben 395MB/s in scrittura, un valore decisamente superiore rispetto a quello di molte unità di pari capienza che non sfruttano appieno le potenzialità del controller.

Gli altri due tagli disponibili, 240GB e 480GB, sono accreditati rispettivamente di 480MB/s e 490MB/s in lettura - 430MB/s e 450MB/s in scrittura, valori inferiori a quelli dei modelli Vector e Vertex, ma difficilmente percepibili in un uso normale. L'interfaccia utilizzata è ovviamente la SATA 6Gbps, non manca la compatibilità con la cifratura AES 256bit, mentre il form factor è il classico 2,5 pollici con spessore di 7mm.

La garanzia offerta è di 3 anni, nei quali è possibile scrivere fino a 20GB al giorno esattamente come per le unità Vertex 460. Rispetto a queste ultime sparisce la dotazione fornita a corredo, ovvero il software per clonare i dischi e la staffa adattatrice per i bay da 3,5 pollici. A guadagnarci è il prezzo finale, disponibile per ora solo in dollari USA: 74,99 USD per il modello da 120GB (0,63$ / GB), 119,99 USD per il 240GB (0,50$ / GB) e 239,99 USD per il 480GB (0,5$ / GB).

OCZ afferma di avere un'altra importante freccia al proprio arco, ovvero la piena e continua disponibilità di chip NAND Flash, mentre altri produttori sono molto più soggetti alle fluttuazioni di mercato. Toshiba è uno dei pochi produttori che sforna milioni di chip NAND Flash anche per altri marchi, motivo per cui quanto affermato da OCZ ci pare credibile e anche logico: in caso di scarsa disponibilità di chip in generale, Toshiba avrà il proprio tornaconto nel metterli a disposizione ad OCZ rispetto ad altri.

In attesa di conoscere i prezzi di queste unità per il mercato italiano, non possiamo che apprezzare il fatto di poter contare su un'opzione aggiuntiva nel settore, anche in virtù della natura "value".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie13 Agosto 2014, 15:49 #2
Certo che parlare di Value con queste caratteristiche...
John_Mat8213 Agosto 2014, 16:39 #3
Ocz aveva eccome la serie value.. Nei Petrol e negli Octane. Guardacaso col subentro di Toshiba la garanzia su quelle serie orribili si è ben guardata dal confermarla, cancellandola.

Spero per loro che questi Arc non li ricordino in nulla
dado197914 Agosto 2014, 10:04 #4
Originariamente inviato da: pulsar68
Mmmmm... mi convince poco... velocità leggermente inferiori agli SSD con controller Marvell, 3 anni di garanzia (mentre altri ne forniscono 5), prezzo non basso per quello che offre.

Preferisco di gran lunga i Crucial (MX100 oppure M550)... prezzi onesti e condensatori per la protezione dei dati in caso di blackout.

Al momento l'acquisizione di OCZ da parte di Toshiba mi pare non stia dando dei gran SSD nell'ambito consumer.

A livello di prestazioni quasi qualsiasi ssd è indifferente... l'unica differenza lo fa il prezzo e mi pare che i Crucial MX100 siano imbattibili in questo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^