Nuovo record per lo storage su nastro grazie a IBM

Nuovo record per lo storage su nastro grazie a IBM

Lo storage su nastro è ancora vivo e vitale, i ricercatori IBM riescono a raggiungere il record di 201 gigabit per pollice quadrato su nastro magnetico, ovvero 330 terabyte di dati nel palmo della mano

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Storage
IBM
 

Gli scienziati IBM fanno segnare un nuovo record con la conservazione di 330 terabyte di dati non compressi - grossomodo 330 milioni di libri - in una cartuccia che può stare nel palmo della mano. Il risultato, che in termini di densità di storage per superficie è di 201 gigabit per pollice quadrato, è stato ottenuto su nastro magnetico ed è di oltre 20 volte superiore la densità raggiunta dai drive a nastro in commercio oggi.

Per poter tagliare questo traguardo i ricercatori IBM hanno sovuto sviluppare varie tecnologie, collaborando inoltre con Sony che si è occupata della realizzazione del nastro magnetico così da poter consentire di approdare a nuovi livelli per la densità di storage. Il risultato di questa collaborazione ha portato a vari miglioramenti e innovazioni, come una tecnologia avanzata roll-to-roll per la produzione di lunghi nastri di tipo "sputtered" e un nuovo tipo di librificazione che stabilizza il funzionamento del nastro magnetico.

I nastri sono stati inventati oltre 60 fa ed sono stati tradizionalmente usati per l'archiviazione di documenti fiscali, cartelle cliniche, archivi video, backup per disaster recovery e via discorrendo. La prima unità a nastro di IBM usava bobine di mezzo pollice di larghezza, in grado di conservare solo 2 megabyte. Ultimamente i nastri vengono usati anche in ambito cloud per operazioni di cold storage. I nastri di tipi sputtered hanno un costo di produzione leggermente superiori agli attuali nastri in ferrite di bario, ma il loro costo per terabyte, a fronte delle potenzialità di elevata capienza, sarà particolarmente conveniente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
robbybby02 Agosto 2017, 21:59 #1

Il correttore ortografico, questo sconosciuto.

Il correttore ortografico, questo sconosciuto. L'articolo è pieno di orrori ortografici: per favore, correggeteli.
AlPaBo03 Agosto 2017, 07:27 #2
Originariamente inviato da: robbybby
Il correttore ortografico, questo sconosciuto. L'articolo è pieno di orrori ortografici: per favore, correggeteli.

Anche sulla matematica c'è qualche problema (ma temo derivi dall'articolo originale). 330 TByte nel palmo di una mano diviso 201 GByte per pollice quadrato fa un palmo di circa 1640 pollici quadrati, un po' più di un metro quadrato.
Che mani grandi che hai...

(Ovviamente quando si parla del palmo della mano si fa riferimento alla dimensione della cassetta, mentre la densità viene indicata relativamente alla superficie del nastro arrotolato all'interno, e ci sta che la superficie totale sia di un metro quadrato, ma messe insieme così vicine le due informazioni si capisce che l'unico scopo della notizia originale fosse accentuare l'effetto Wow)
GM Phobos03 Agosto 2017, 08:01 #3
Sulla matematica non credo ci sia alcun errore, semplicemente il nastro è avvolto in una cassetta che sta in un palmo della mano pertanto si tratta di un bel po di nastro ed è assolutamente plausibile che possa essere svariati metri di lunghezza. conoscendo i nastri LTO della IBM
amd-novello03 Agosto 2017, 08:39 #4
si questa volta non mi lamenterei del palmo lol
Alodesign03 Agosto 2017, 10:11 #5
AlPaBo si è dimenticato delle VHS
Benna8003 Agosto 2017, 11:01 #6
Originariamente inviato da: AlPaBo
A 330 TByte nel palmo di una mano diviso 201 GByte per pollice quadrato


A parte che nell'articolo c'è scritto 201 Gigabit e non Gigabyte come dici te, in ogni caso è chiaro che è l'intera cassetta a stare sul palmo di una mano dai, un attimo di elasticità mentale...
Sugli errori di scrittura, si, decisamente troppi per queste poche righe d'articolo
Cfranco03 Agosto 2017, 11:39 #7
Vedremo il prezzo
Ogni volta che trovo scritto che i dati vanno backuppati mi verrebbe da rispondere "dove lo faccio il backup" ?
I nastri odierni hanno capacità ridicole confronto ai dischi e prezzi astronomici
Praticamente l' unico backup sensato è comprare un altro HD
User11103 Agosto 2017, 12:17 #8
Originariamente inviato da: robbybby
Il correttore ortografico, questo sconosciuto. L'articolo è pieno di orrori ortografici: per favore, correggeteli.


da un pezzo che la qualità degli articoli è diminuita parecchio.
bilone03 Agosto 2017, 18:27 #9
Originariamente inviato da: Cfranco
Vedremo il prezzo
Ogni volta che trovo scritto che i dati vanno backuppati mi verrebbe da rispondere "dove lo faccio il backup" ?
I nastri odierni hanno capacità ridicole confronto ai dischi e prezzi astronomici
Praticamente l' unico backup sensato è comprare un altro HD


Dipende da che nastri usi.

Un LTO-7 tiene 6 TB non compressi e costa 125€ su Amazon. Mi sembra una capacità più che degna a un prezzo tutto sommato ragionevole, tenendo conto che un HD affidabile da 6TB costa ancora parecchio di più.

E' vero che il lettore costa un botto ma lo si usa in ambiti professionali e data center, non certo a casa.

D'altra parte se un gigante della ricerca come IBM investe ancora parecchio sui nastri ci sarà un perché!
GM Phobos04 Agosto 2017, 09:22 #10
@bilone
un disco da 6 tera non costa parecchio di più costa pressapoco quella cifra lì magari poco di più.
Poi devi tener presente che una registrazione su nastro è per definizione sequenziale visto che il nastro lo devi avvolgere... mentre su disco no, il dato lo puoi andare a prelevare in qualunque momento... i dischi risultano molto più utili in ambiti dove devi accedere relativamente di frequente a singoli dati all'interno del backup (invece che fare un restore unico) e sopratutto non è da sottovalutare il fatto che sui dischi puoi effettuare dei salvataggi deduplicati cosa che su nastro non è possibile visto che scrivi i dati in sequenza.

Il vero valore aggiunto delle cassette è che una volte messe da parte il dato resiste per parecchio tempo (i dischi quando non sono alimentati non durano così a lungo senza contare che contengono parti meccaniche mobili molto più delicate al loro interno) e pertanto se uno deve fare un salvataggio e poi metterlo da parte in quel caso la cassetta risulta ancora un ottima scelta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^