Nuovo controller SandForce SF-1000 per Solid State Drive

Nuovo controller SandForce SF-1000 per Solid State Drive

SandForce realizza un nuovo controller, SF-1000, destinato ai Solid State Drive ad elevate prestazioni

di pubblicata il , alle 09:20 nel canale Storage
 

SandForce, azienda specializzata nella produzione di controller per SSD e dispositivi basati su memoria NAND Flash in genere, ha annunciato la realizzazione di un nuovo controller per Solid State Drive, deniminato SF-1000. TechPowerUp! ne riporta il comunicato stampa che andremo a riassumere, insieme ad una valutazione sull'importanza di questo componente.

Il controller, in un Solid State Drive, è una componente molto importante, poiché da esso dipendono sia le prestazioni che la durata teorica del disco. E' il controller a farsi carico della gestione dei singoli chip decidendo quante linee "sommare" per ottenere determinate prestazioni, così come la scelta dei chip stessi in fase di scrittura, al fine di allungare la vita al dispositivo evitando di scrivere sempre negli stessi indirizzi di memoria.

Un problema spesso sottovalutato, quello della bontà del controller, che ha portato molti tester, fra cui noi, a scontrarsi con problemi a livello di prestazioni in diversi Solid State Drive. Il modelli Intel, attualmente ai vertici prestazionali in ambito Solid State Drive da 2,5 pollici, devono la loro velocità ad un controller particolarmente raffinato e non tanto ai chip memoria, praticamente identici a molti altri dispositivi.

Il nuovo controller SandForce nasce in un momento di consapevolezza da parte dei produttori dell'importanza del controller. Il nuovo SF-1000 ha grandi ambizioni, stando ai dati dichiarati. Oltre a garantire la gestione massima di 30K IOPS (random 4K read/write transfers), il nuovo controller potrà garantire velocità di trasferimento fino a 250MB/s sia in lettura che in scrittura.

Presente anche un nuovo algoritmo di Wear Leveling, ovvero quello che si prefigge di allungare la vita ai SSD in virtù di una intelligente distribuzione dei dati in tutti i chip, che dovrebbe garantire SSD molto più longevi rispetto a quelli attuali.

Non resta che attendere dunque l'arrivo sul mercato di SSD equipaggiati con il nuovo chip, per capire se le promesse saranno mantenute, sperando al contempo che i produttori si decidano una buona volta a dichiarare non solo capienza e velocità dei propri prodotti, ma anche il tipo di controller utilizzato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fx14 Aprile 2009, 09:30 #1
nel mentre intel rilascia un firmware che dovrebbe compensare il problema del calo delle prestazioni successivo ad un uso intensivo del disco, riscontrato a suo tempo anche dai test di hwupgrade:

http://www.engadget.com/2009/04/13/...and-x25-m-ssds/
vincino14 Aprile 2009, 09:45 #2
Ormai si è capito che dal controller dipendono in larga parte le prestazioni di questi dispositivi. Infatti mi ero sempre chiesto come mai nn utilizzassero chip di memoria più economici lasciando al controller il compito di sommare le prestazioni di questi (tipo raid 0 interno) in maniera tale da ottenere unità poco costose ma comunque performanti. A quanto pare è proprio quello che stanno facendo!
s12a14 Aprile 2009, 10:45 #3
Chissa` come mai sugli hard disk il controller non sembra mai essere stato cosi` determinante per le prestazioni, o meglio, ha sempre permesso di raggiungere gli scopi prefissati, almeno dal punto di vista dell'utente.
+Benito+14 Aprile 2009, 11:56 #4
perchè un hard disk è un dispositivo sequenziale e monolitico (una sola coordinata angolare per la posizoine di tutte le testine ed un'altra per la posizione durante la rotazione del piattello), mentre un SSD è un dispositivo ad accesso casuale e parallelo, per cui le strategie di gestione sono molteplici.
OutOfBounds14 Aprile 2009, 13:06 #5
ad ogni modo di strada ne devono fare ancora prima di avere un prodotto ben progettato e ottimizzato.. comunque il potenziale c'è

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^