Nel 2013 il 50% dei dischi rigidi sarà a memoria statica

Nel 2013 il 50% dei dischi rigidi sarà a memoria statica

A riferirlo è uno studio condotto da In-Stat, che fa molto ben sperare per un futuro del mondo storage ricco di sorprese, nemmeno troppo lontane dalla realizzazione

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 17:55 nel canale Storage
 

Una recente ricerca condotta dalla società In-Stat, riportata da Xbitlabs e non solo, ci permette di tratteggiare quelli che saranno gli scenari futuri dei dischi rigidi per i prossimi 10 anni. Seppur basato su un campione statistico di soli 389 utilizzatori di PC portatili, lo studio tocca argomenti che permettono di discutere di tematiche interessanti.

Partiamo dalla fine: nel 2013 circa la metà dei dischi rigidi montati su PC portatili saranno del tipo a memoria statica (SSD, Solid State Disk), ovvero dischi interamente costituiti da chip memoria. Ciò significa che da qui a 7 anni, un futuro nemmeno troppo lontano, ci sono le premesse di assistere ad una vera e propria rivoluzione nel settore.

La situazione attuale prevede una tecnologia sempre più rivolta allo sviluppo di dischi di grande capienza, come testimonia l'utilizzo sempre più diffuso della tecnica Perpendicular Recording grazie alla quale si possono oggi avere dischi da 750 GB da 3,5 pollici e 160/200 GB per dischi da 2,5". La soluzione a dischi rotanti è di fatto quella che attualmente garantisce il miglior rapporto prezzo/capienza.

Sono attesi però per i primi mesi del 2007 i primi dischi ibridi, ovvero costituiti da dischi rotanti con un quantitativo di memoria Flash nell'ordine dei 128/256MB, da utilizzarsi per velocizzare i processi di boot e di caricamento dei file più utilizzati dal sistema operativo. Si potrebbero dunque aprire più filoni nel campo dei dischi rigidi: alcuni che metteranno a disposizione capienze molto elevate, altri che privilegeranno la velocità del sistema.

Dall'indagine infatti emerge che esistono sì utenti interessati alle alte capienze, ma anche una percentuale estremamente alta che già adesso non sanno che farsene di tutto quello spazio su disco. Facile immaginare dunque che invece di spendere molti soldi per un disco dalla capienza di gran lunga superiore alle esigenze, una certa utenza potrebbe preferire un disco molto meno capiente ma con memoria Flash integrata.

La naturale evoluzione di questo filone porterà a dischi SSD alla portata di tutti, quando i prezzi dei chip memoria avranno raggiunto livelli economicamente sostenibili. Tutti gli analisti del settore concordano nel dire che tale situazione ha una grossa probabilità di verificarsi, visto il trend generale dei prezzi ed il galoppare della tecnologia applicata ai chip memoria, nonché agli enormi volumi richiesti per i più svariati campi.

Spariranno dunque i dischi rigidi come oggi li conosciamo? Certo che no: è previsto che nonostante tutto il disco con piatti rotanti sarà la soluzione in ogni caso più economica almeno fino al 2015. E' in ogni caso molto incoraggiante sapere che molti esperti concordino nel ritenere molto probabile il fiorire di un filone prima di dischi ibridi, poi di dischi SSD, destinati a chi cerca prestazioni elevate. C'è da starne certi: questi utenti non sono di certo pochi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rutto19 Luglio 2006, 18:04 #1
troppo in la, troppo in la

cmq ora che le memorie statiche costano sui 30 euro al giga (almeno questo e' il prezzo delle chiavette che si trovano in giro), un hd da 10 giga sui 250 euro potrebbe anche essere interessante...
docvale19 Luglio 2006, 18:11 #2
quoto.
se ne erano visti dei prototipi in una fiera recensita in questo forum, ora però non ricordo quale
Rubberick19 Luglio 2006, 18:13 #3
Infatti gia' ora non ne possiamo + se vedete l'80 % degli utenti smanettoni che usa sistemi raid non lo fa certo per sicurezza dei dati ma e' solamente in cerca di prestazioni + elevate.

Abbiamo processori in grado di macinare veramente tanto gia' adesso... tuttavia tutti gli sforzi nel settore cpu/ram cominciano a diventare +ttosto inutili se non si ha un sistema di storage adeguato...

E' un'assurdo che si vede ora... tanto per dirne una con un 4400+ si hanno grossi rallentamenti nei caricamenti del menu avvio... (colpa si, del fesso che l'ha programmato senza mettere una cachettina che lo contenesse... pero'..)

Ma questo era l'esempio + stupido del mondo... i boot time sono ancora molto lenti.. un avvio con molti servizi da lanciare puo' impiegare qualche minuto...
Gibbus19 Luglio 2006, 18:13 #4
Originariamente inviato da: rutto
troppo in la, troppo in la

cmq ora che le memorie statiche costano sui 30 euro al giga (almeno questo e' il prezzo delle chiavette che si trovano in giro), un hd da 10 giga sui 250 euro potrebbe anche essere interessante...

In linea di massima concordo, anche se c'è da dire che i chip utilizzati per gli hard dik "solidi" hanno una velocità di lettura/scrittura ben più elevata (e quindi più idonea all'uso di un hard disk) rispetto alle chiavi usb, quindi anche più costosi...
djeasy19 Luglio 2006, 18:41 #5
Ma nessuno pensa che le memoria statiche hanno cmq pochi cicli di letttura scrittura rispetto ai dischi magnetici???

Voi penserete, ma 1000 1000000 di volte è tanto... invece secondo me se uso un intero disco flash con OS e dati, fai molto veloce secondo me a rovinare queste memoria...

Certo quando usciranno a pieno regime saranno molto migliorate, e anke tutt'oggi sono molto affidabili... ma nn le ritengo tali da sostituire al 100$ i disci.

Correggetemi se sbaglio..
Rubberick19 Luglio 2006, 19:04 #6
Anche solo dei dischi con associato un 4 gb di memoria flash e una size anche solo di 160 gb sarebbero eccezionali per quanto la vedo io...

Del resto se gia' la flash si facesse carico di tutto lo swap, core-os (ma anche tutto dai) e una buona % di tutte le app + usate sarebbe + che ottima come cosa..
jappilas19 Luglio 2006, 19:09 #7
Originariamente inviato da: djeasy
Ma nessuno pensa che le memoria statiche hanno cmq pochi cicli di letttura scrittura rispetto ai dischi magnetici???

Voi penserete, ma 1000 1000000 di volte è tanto... invece secondo me se uso un intero disco flash con OS e dati, fai molto veloce secondo me a rovinare queste memoria...

Correggetemi se sbaglio..

infatti l' uso migliore dovrebbe essere installarvi una tantum sistema operativo e applicazioni per renderne immediata l' apertura, più che usare un disco a stato solido per i documenti o comunque per file aggiornati molto spesso
(sicuramente da evitare che su di esso sia diretta la paginazione e il logging del kernel )
GiovanniGTS19 Luglio 2006, 19:32 #8
Originariamente inviato da: jappilas
(sicuramente da evitare che su di esso sia diretta la paginazione e il logging del kernel )


praticamente ciò significherebbe perdere il 90% del vantaggio che tali dischi potrebbero comportare

al momento la soluzione che vedo piu' performante è mettere il file di paging su un iRAM, altro che memorie flash!
Wilfrick19 Luglio 2006, 19:37 #9
Centomila volte meglio un disco di normali ram alimentate a parte con batteria tampone ricaricabile, non solo di 12 ore però! Ma ne abbiamo già parlato...scusate...
jappilas19 Luglio 2006, 19:42 #10
Originariamente inviato da: GiovanniGTS
praticamente ciò significherebbe perdere il 90% del vantaggio che tali dischi potrebbero comportare

che avere una memoria "a stato solido" (notare che riferendosi ai dispositivi di storage "senza parti in movimento" il termine "statico" è usato un attimo impropriamente, statiche sarebbero le ram che non hanno bisogno di refresh, ma vabbè in senso lato, sia fortemente auspicabile per superare i limiti di affidabilità e prestazioni dei dischi rigidi , è fuori discussione
ma su una memoria flash non ci metti il file di paginazione, punto
(per quanto "scattered" siano gli accessi alle singole celle, se queste hanno un limite fisiologiche di un milione di scritture, prima o poi verrà raggiunto e la cella , bruciata)
come tu stesso tiri fuori una riga dopo, esistono altre soluzioni che non hanno le limitazioni intrinseche delle memorie flash ...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^