Mtron, ecco i dischi Solid State Disk più veloci del momento

Mtron, ecco i dischi Solid State Disk più veloci del momento

Si va delineando il terreno di scontro dei dischi Solid State, con i produttori impegnati a realizzare dischi sempre più veloci

di pubblicata il , alle 10:48 nel canale Storage
 

Notevole l'interesse manifestato dall'utenza più appassionata per i dischi Solid State, ovvero quelli realizzati utilizzando chip NAND Flash per archiviare dati, al posto dei consueti dischi a piatti rotanti. Evidenti i benefici in termini di affidabilità, in considerazione dell'assenza di parti in movimento, così come quelli sotto il profilo prestazionale riguardanti il tempo di accesso ai dati medio.

Omettendo il prezzo, due sono le mancanze che queste unità lamentano nei confronti dei dischi tradizionali, ovvero capienza e transfer-rate. Se il primo problema è esclusivamente legato ad una questione di prezzo dei chip, la seconda è sempre stata di natura prettamente tecnica. Ebbene, è di questi giorni l'annuncio da parte di Mtron di aver realizzato unità Solid State decisamente performanti sotto tutti i punti di vista, transfer rate compreso, come riporta Dailytech.

Il produttore sud-coreano dichiara per le proprie unità da 2,5 e 3,5 pollici un transfer rate di ben 120 MB al secondo in lettura e 90 MB al secondo in scrittura, superando quindi, sulla carta, i modelli tradizionali, soprattutto per quanto riguarda quelli da 2,5". Una novità davvero importante, in quanto è ora possibile affermare che le unità Solid State, nelle loro ultime declinazioni, sono di fatto superiori in termini di prestazioni e affidabilità ai dischi tradizionali.

Rimane dunque ora la sola barriera del prezzo, in considerazione del fatto che la capienza dei dischi Solid State è destinata a crescere. Proprio a questo riguardo Mtron stupisce ulteriormente dichiarando per imminente la realizzazione di una unità da 1,8 pollici da 128 GB.

Pur mancando indicazioni sul prezzo delle unità, quel che si sa è che appariranno sugli scaffali entro la fine dell'anno ed entreranno in concorrenza con i modelli di SanDisk, Samsung e Adtron, accreditati però di di velocità sensibilmente inferiori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Bisont04 Settembre 2007, 10:50 #1
ce lo vedrei troppo bene su un macbook pro da 17"....
freeeak04 Settembre 2007, 11:00 #2
bhe ora potrebbero far scendere i prezzi di quelli piu "lenti".
Manwë04 Settembre 2007, 11:01 #3
avanti così
ma dove fanno la competizione se non li compra nessuno?
.Kougaiji.04 Settembre 2007, 11:02 #4
tempo un anno e mezzo e si diffonderanon a macchia d'olio.
Paganetor04 Settembre 2007, 11:05 #5
ok avere un ottimo transfer rate, ma difficilmente si può ragionare solo su questo valore puro e semplice (a meno di trovarsi un disco vuoto o poco frammentato)... nel momento in cui le testine di un disco classico devono saltare da una parte all'altra i SSD (anche i modelli con transfer rate più basso) stravincono
neonato04 Settembre 2007, 11:06 #6
prezzo circa $1500

nn so se vale la pena al momento. Io aspetto un bel po.
Bongio204 Settembre 2007, 11:08 #7
Nel caso di dischi ssd con un basso transfer si può optare x un RAID-0 che in questo caso diventa molto utile...
vitux04 Settembre 2007, 11:09 #8
dai dai pompate il mercato di SSD!!!! LO VOGLIOOOOOOOOOOO!!!!
Fx04 Settembre 2007, 11:10 #9
non penso che l'utenza media del macbook pro faccia parte della schiera degli enthusiast, tant'è che apple non la prevede manco come opzione quella degli SSD (a differenza di altri, tra cui ad es. dell)

inciso a parte, domanda: ma per ottenere robusti transfer rate con dischi allo stato solido non è sufficiente fare una sorta di RAID interno? è vero che insieme alle performance si moltiplica anche l'inaffidabilità, ma fino ad un certo punto... mi spiego: in un RAID in stripe basta che parta un solo nodo per perdere tutta la catena. poniamo il caso che dentro un SSD da 32 GB ci siano 8 chip da 2 GB... è molto più probabile, a quanto ne so io, che si deteriori la capacità della memoria flash di archiviare in modo affidabile i dati piuttosto che si frigga un chip intero dal nulla (oltre il fatto che dubito che in ogni caso, anche solo con un chip rotto, tu possa recuperare qualcosa, a differenza di una catena di dischi non in RAID)...

spero che si capisca quel che intendo =)
vitux04 Settembre 2007, 11:13 #10
ma che ti sei fumato di prima mattina?!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^