Intel, nuovi SSD serie 750PCIe e 535 SATA, anche M.2

Intel, nuovi SSD serie 750PCIe e 535 SATA, anche M.2

Rilasciate due nuove famiglie di SSD da parte di Intel, sotto il nome di serie 750 e 535. Notevoli le differenze a partire dall'interfaccia, PCIe una e SATA l'altra, ma anche sul fronte form factor

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Storage
Intel
 

Intel ha rilasciato due nuove famiglie di Solid State Drive, molto differenti fra loro. La serie 750 è pensata per sistemi desktop casalinghi di fascia alta ad alte prestazioni così come per le workstation. Siamo di fronte a unità dotate di interfaccia PCIe, che può sfruttare la bandwidth di quattro linee PCIe 3.0, quadruplicando quindi il potenziale in termini di transfer fate rispetto ad unità SATA 6Gbps.

Due sono i formati (Add-in-Card simili alle schede video e 2,5 pollici), così come sono due le capienze, 400GB o 1,2TB. Le prestazioni cambiano molto in base proprio alla capienza, e alla conseguente capacità di saturare al meglio tutte le linee del controller. Il modello da 400GB è infatti accreditato di 2200MB/s in lettura e 900MB/s in scrittura, mentre il modello da 1,2TB si spinge fino a 2400MB/s in lettura e 1200MB/s in scrittura.


(Le proporzioni non sono quelle reali)

Più consumer è invece la seconda serie, adatta anche a sistemi embedded. La famiglia 535 è realizzata nel form factor da 2,5 pollici slim e in quello M.2 da 80mm sfruttando chip a 16nm, con un numero maggiore di tagli a disposizione. Disponibili unità da 120GB, 180GB, 240GB, 360GB per entrambi i formati, mentre con i 2,5 pollici si ha a disposizione anche un 480GB. A livello di prestazioni Intel dichiara per tutti i tagli 540MB/s in lettura e 480/490MB/s in scrittura. Intel non indica i prezzi, mentre la disponibilità dovrebbe essere immediata o comunque a brevissimo termine.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AleLinuxBSD04 Aprile 2015, 11:21 #1
Dunque i prezzi della Intel SSD 750 dovrebbero essere di:
389 dollari per l'unità da 400Gb
1029 dollari per l'unità di maggiore capienza
AleLinuxBSD04 Aprile 2015, 11:35 #2
Intel® SSD 535 Series
I tagli più interessanti, al livello di prestazioni in diversi tipi di utilizzo, mi sembrano dati dalle unità di 180 e 240 gb.

L'unità Intel® SSD 535 Series (120GB, 2.5in SATA 6Gb/s, 16nm, MLC) forse costerà al dettaglio intorno agli 85 dollari.
marchigiano04 Aprile 2015, 15:02 #3
non ho capito se le unità pcie sono avviabili su qualsiasi scheda madre oppure deve avere il bios che permette l'avvio da pcie?
AleLinuxBSD04 Aprile 2015, 18:48 #4
Al momento Intel garantisce la compatibilità per l'avvio solo sulle piattaforme Z77 e X99 con Windows7 a 64bit e successivi.
Ma i vari produttori possono ampliare, questa possibilità.
Therinai04 Aprile 2015, 19:46 #5
mi ricordo che già con il revodrive3 di ocz non c'erano problemi a bootare con piattaforma 775 (magari anche con i revo precedenti, ma non li ho provati), quindi spero non facciano cavolate su questo particolare.
LMCH05 Aprile 2015, 22:13 #6
Originariamente inviato da: Bellaz89
Certo che se si continua di questo andazzo (ovvero velocità sempre più elevate) dovranno inventarsi dei moduli standard da attaccare direttamente su scheda madre tipo quelli delle attuali RAM. Sarebbe anche una soluzione più pulita e veloce rispetto alle attuali e elimerebbe quasi totalmente i cavi dentro un computer.


Esistono già, ad esempio ci sono le ULLtraDIMM di Sandisk, solo che le flash per ora sono molto più lente della banda di I/O possibile con i DIMM DDR3 e DDR4, le "flash su DIMM" vengono usate su schede madri per server (con molti moduli DIMM disponibili) ma su notebook e dekstop con 2..4 DIMM è molto più conveniente usare slot M.2 PCIe oppure adattatori su slot PCIe.
marchigiano05 Aprile 2015, 23:22 #7
ma già abbandonassero il sata3 per il m.2 che è nettamente più veloce sarebbe un bel passo avanti...
Pier220406 Aprile 2015, 11:56 #8
Originariamente inviato da: marchigiano
ma già abbandonassero il sata3 per il m.2 che è nettamente più veloce sarebbe un bel passo avanti...


Mi sembra che gli SSD su PCIe sono quasi tutti in impostazioni RAID e non è possibile utilizzare il TRIM, almeno quelle che conosco io. Il che vanifica un po la maggior banda del PCIe rispetto al SATA, anche se comunque le prestazioni sono sicuramente maggiori.
Altro fattore negativo di queste schede è il costo a parità di capacità in GB, non capisco perchè costano più del doppio

Oggi è conveniente puntare su un collaudato SSD SATA3 a costi più contenuti ma che garantisce comunque prestazioni superlative, questi pcie quanto sono affidabili? a prescindere dal costo che è troppo alto..
LMCH06 Aprile 2015, 21:42 #9
Originariamente inviato da: Pier2204

Altro fattore negativo di queste schede è il costo a parità di capacità in GB, non capisco perchè costano più del doppio


Le schede M.2 PCIe sono più strette rispetto alle mSATA.
Le mSATA sono 30x50.95 mm
Le M.2 sono 22x30, 22x42, 22x60, 22x80 e 22x110 mm

Quindi le M.2 sono inizialmente più costose da fabbricare
(specialmente per i formati più piccoli, che devono usare chip di memoria a maggior densità per avere la stessa quantità di memoria)
ed i costruttori "ti fanno pagare le prestazioni più elevate".
Piu avanti i prezzi scenderanno, non mi stupirei se tra qualche anno i notebook
usassero solo moduli M.2.

Originariamente inviato da: Pier2204
Oggi è conveniente puntare su un collaudato SSD SATA3 a costi più contenuti ma che garantisce comunque prestazioni superlative, questi pcie quanto sono affidabili? a prescindere dal costo che è troppo alto..


In teoria usano tutti memorie flash più affidabili, ma i loro controller mediamente scaldano di più (i controller, non i chip di flash).

In generale comunque tutte le flash degli SSD hanno una vita utile più ridotta
ed una minore ritenzione dei dati rispetto agli HDD (tutta roba che in larga parte dovrebbe essere gestita dai controller integrati, ma solo fino ad un certo punto).

Insomma minor rischi da sbatacchiamenti e vibrazioni ma vita utile da gestire in modo differente.

E' assai probabile che a chi "maltratta" gli HDD sembreranno mediamente più affidabili, mentre a chi gestisce bene gli HDD e li usa in modo pesante sembreranno meno durevoli (specialmente per il discorso della retenzione dei dati, i vari test di tortura basati su scritture ripetute NON MISURANO il calo progressivo del tempo di ritenzione dei dati nelle celle di memoria).
NickNaylor06 Aprile 2015, 23:29 #10
ma a banda hanno le ram? perchè ho visto una soluzione che arriva in lettura a 4000MB/s ( parlo di roba da 10k, era un 4TB) e in scrittura a 2200MB/s, mi sa che a breve comprarsi un tir di ram non avrà più senso viste le velocità dei dischi.

comunque per la redazione: le pci hanno per linea 8Gb/s mentre le sata 6, se ha 4 linee arriva a 32Gb/ e quindi son più di 5 volte la banda del sata3 e non 4.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^