Intel, nuovi SSD serie 311 in occasione del lancio del chipset Z68 Express

Intel, nuovi SSD serie 311 in occasione del lancio del chipset Z68 Express

In abbinamento al nuovo chipset Z68 Express, Intel commercializzerà anche un nuovo SSD, serie 311, al fine di sfruttare la funzionalità Intel Smart Response Technology implementata nel chipset stesso

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 12:32 nel canale Storage
Intel
 

Alle novità che verranno introdotte con il nuovo chipset Intel Z68 Express, fra cui la tecnologia Intel Smart Response di cui abbiamo già parlato in questa news, si aggiunge la presentazione contemporanea di un SSD, sempre di casa Intel, pensato proprio per venire incontro all'utenza che vorrà sfruttare i benefici promessi.

In base a quanto riportato da Vr-Zone, il Solid State Drive di casa Intel apparterrà a una serie denominata 311, nota ad oggi sotto il nome in codice di Larsen Creek. Ricordiamo brevemente che la tecnologia Intel Smart Response promette di sfruttare un eventuale SSD presente nel sistema per archiviarci i dati maggiormente utilizzati, ovviamente in abbinamento a un disco meccanico che svolga le normali funzioni di disco di sistema.

Una sorta di cache dedicata insomma, andando a riprendere il concetto di disco ibrido già visto negli anni e riportato a galla di tanto in tanto. Le cose oggi però sono cambiate ed è possibile pensare a un SSD dedicato, di piccolo taglio e dal prezzo contenuto, che possa affiancare un ben più capiente disco meccanico. Non esistono ad ora dettagli tecnici sul modello 311, se non la capienza contenuta in 20GB. Facile ipotizzare carattetistiche simili al 320 ma con minore memoria on-board.

Il prezzo previsto per Intel SSD 311 è atteso fra i 49,00 e i 59,00 Dollari USA, e permetterà di ospitare l'installazione completa del sistema operativo Microsoft Windows 7. Stando a dati Intel, ovviamente tutti da verificare, l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%.

Resta ora da vedere se il generale scetticismo che ha sempre circondato le soluzioni ibride, potrà essere vinto da una soluzione tutto sommato economica, anche in considerazione del fatto che esistono in commercio SSD  ben più capienti a prezzi abbordabili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
GabrySP28 Aprile 2011, 12:37 #1
"....l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%...."

Migliorare i tempi di caricamento del 350% implica che questi dischi siano delle macchine in grado di viaggiare indietro nel tempo.

Presumo consumi nell'ordine di 1.21 gigowatt
x.vegeth.x28 Aprile 2011, 12:43 #2
Originariamente inviato da: GabrySP
"....l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%...."

Migliorare i tempi di caricamento del 350% implica che questi dischi siano delle macchine in grado di viaggiare indietro nel tempo.

Presumo consumi nell'ordine di 1.21 gigowatt


ma no, significa che impieghi 1/3,5 volte il tempo che impiegavi prima a compiere la stessa operazione. in 3 secondi fai quel che prima facevi in 10,5 secondi.
Ares1728 Aprile 2011, 12:52 #3
Originariamente inviato da: GabrySP
"....l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%...."

Migliorare i tempi di caricamento del 350% implica che questi dischi siano delle macchine in grado di viaggiare indietro nel tempo.

Presumo consumi nell'ordine di 1.21 gigowatt


no comment
illidan200028 Aprile 2011, 12:55 #4
è un po' come fare un hd ibrido manuale. solo che hai due dischi invece di uno
ImperatoreNeo28 Aprile 2011, 12:56 #5
Originariamente inviato da: GabrySP
"....l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%...."

Migliorare i tempi di caricamento del 350% implica che questi dischi siano delle macchine in grado di viaggiare indietro nel tempo.

Presumo consumi nell'ordine di 1.21 gigowatt




Ma è proprio necessario postare?? Non sarebbe meglio rileggere prima di cliccare su INVIA?
devilpera6428 Aprile 2011, 13:00 #6
Siamo sicuri che bastino 20Gb con S.O superaggiornato + drivers? Io credo che forse siano un pò pochini...
rollo8228 Aprile 2011, 13:00 #7
Originariamente inviato da: GabrySP
"....l'abbinamento di tale SSD ad un disco tradizionale permetterà di ridurre i tempi di caricamento di circa il 20%, mentre con alcuni applicativi il beneficio prestazionale salirebbe fino a oltre il 350%...."

Migliorare i tempi di caricamento del 350% implica che questi dischi siano delle macchine in grado di viaggiare indietro nel tempo.

Presumo consumi nell'ordine di 1.21 gigowatt


consumi? si parla di ssd e parli di consumi ???

per tornare alla notizia, penso sia la direzione errata visto che stiamo parlando di desktop. oggi conviene un 60/80/120gb in base alle necessità (ai più l'80gb basta e avanza) per il s.o. e i programmi, mentre lo storage di foto video & co su un meccanico. che senso ha spendere 50€ per questo da 20gb quando con 100€ te ne fai uno da 60 dove installi su tutto e altro che 20% di guadagno!!!
Dumah Brazorf28 Aprile 2011, 13:01 #8
Ci vorrebbe un mount delle cartelle sul secondo disco, con 20gb ci sta appena windows. L'utonto medio non capirebbe di dover installare programmi e salvare i documenti nell'altro disco, si ritroverebbe l'ssd pieno in 10minuti e si lamenterebbe di aver buttato soldi.
No, 20GB sono troppo pochi per un Windows7.
Mparlav28 Aprile 2011, 13:04 #9
Io risparmierei quei 50-60$ per 20Gb di ssd da utilizzare solo in modo "ibrido" su una Z68, e piuttosto valuterei un Intel 320 80Gb che viene 160$, per SO + programmi e gestire il tutto autonomamente e con maggiori prestazioni.

Parte della spesa può essere recuperata prendendo una H67/P67.
coschizza28 Aprile 2011, 13:13 #10
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Ci vorrebbe un mount delle cartelle sul secondo disco, con 20gb ci sta appena windows. L'utonto medio non capirebbe di dover installare programmi e salvare i documenti nell'altro disco, si ritroverebbe l'ssd pieno in 10minuti e si lamenterebbe di aver buttato soldi.
No, 20GB sono troppo pochi per un Windows7.


Non hai capito lo scopo di questo disco.

L'utente non ci installa nulla serve al pc per essere usato come cache in lettura/scrittura in base alle esigenze.

Quindi non è nato per uso come disco singolo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^