IBM Millipede, 125 GB nello spazio di un francobollo

IBM Millipede, 125 GB nello spazio di un francobollo

IBM ha presentato al CeBIT di Hannover un prototipo di una nuova tecnologia di storage, in grado di ospitare fino a 125 GB di dati su una superficie grossa quanto una SD card

di pubblicata il , alle 11:26 nel canale Storage
IBM
 

Il CeBIT 2005 di Hannover è stata l'occasione per IBM di presentare un primo prototipo del sistema di archiviazione figlio del progetto Millipede. Il prototipo funzionante può essere considerato, di fatto, una delle possibili soluzioni di archiviazione del futuro, in ragione della mostruosa quantità di dati archiviabili in uno spazio ridottissimo: 1000 Gbit, ovvero 125 GB nello spazio di un francobollo.

Il nome Millipede non è stato generato da una fantasia perversa: il sistema utilizza infatti fino a 4000 "tips", che per comodità chiameremo testine, in una zona quadrata di di 6,4 millimetri di lato. La grande quantità di "zampette" quindi accomuna il prototipo di IBM al più celebre diplopode.

Il progetto MEMS ( acronimo di Micro Electrical Mechanical System), di cui il prototipo Millipede fa parte, è seguito dai Research Laboratory con sede a Zurigo di IBM (con a capo il premio nobel Gerd Binnig) e dal gruppo Almaden Research Center, con sede in California a San José.

Per riassumere semplicemente il funzionamento del Millipede, possiamo immaginare due superfici sovrapposte. Quella inferiore costituisce il media di archiviazione, un composto polimerico su substrato di silicio, mentre la parte superiore è costituita da una piattaforma con moltissimi "tips" di lettura e scrittura, piattaforma in grado di nuoversi nelle due direzioni superficiali per coprire tutta la superficie del media.

Siamo fondamentalmente di fronte ad una tecnologia di base molto simile a quella delle schede perforate, tutto ovviamente riportato nel mondo dell'infinitamente piccolo e del tecnologicamente avanzatissimo.

Le applicazioni pratiche dell'ipotetica versione commerciale del Millipede andrebbero a coprire le esigenze attualmente soddisfatte dalle memorie flash, con tutte le applicazioni ad esse collegate, come telefoni cellulari, fotocamere digitali, videocamere, lettori audio-video portatili ecc.

Sicuramente tale tecnologia non sarà disponibile a breve: c'è chi parla di 2 anni, chi di 5. Ciò che è certo è che la tecnologia c'è ed è funzionante; non resta che contenere i costi e portarla alla portata di tutti.

Fonti: Physorg, IBM

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie15 Marzo 2005, 11:30 #1
:o

Ma quindi è "statica" oppure una memoria "dinamica" come i quei pachidermi degli HD???

e la resistenza? se ti cade?
Alessandro Bordin15 Marzo 2005, 11:37 #2
Eh... ne sapremo di più a breve, spero!
Wonder15 Marzo 2005, 11:47 #3
E la vocità di trasferimento??? E' fondamentale!
Dumah Brazorf15 Marzo 2005, 11:51 #4
Cioè una parte scorre sull'altra? Come? A che velocità? E l'attrito?
Affascinante.
Athlon15 Marzo 2005, 11:51 #5
Qui
http://www.zurich.ibm.com/st/mems/millipede.html

i particolari di funzionamento ...


in pratica e' un fogliettino di plastica che viene "punzonato" con delle punte calde.

PEr scrivere si scalda la punta , si colpisce la plastica e si fa raffreddare la punta , quando si leva la punta rimane un buco nella plastica

Per leggere si scalda leggeremnte la punta ... se c'e' un buco la punta si raffredda prima perche' c'e' tanto contatto tra plastica e punta .. se invece non c'e' un buco la punta rimane calda.


Per cancellare si scalda la punta , la si mette dentro al buco e la si tira fuori lentamente tenendola calda , l'elasticita' della plastica riporta la superficie in piano chiudendo il buco.
MiKeLezZ15 Marzo 2005, 11:56 #6
Incredibile.. Speriamo davvero in qualcosa di nuovo e rivoluzionario in questo settore
Genesio15 Marzo 2005, 11:59 #7
iNCREDIBILE...incredibile anche come una tecnologia già pronta ci metta anni per essere in negozio.
CiccoMan15 Marzo 2005, 12:02 #8
Originariamente inviato da Athlon
Qui
http://www.zurich.ibm.com/st/mems/millipede.html

i particolari di funzionamento ...


in pratica e' un fogliettino di plastica che viene "punzonato" con delle punte calde.

PEr scrivere si scalda la punta , si colpisce la plastica e si fa raffreddare la punta , quando si leva la punta rimane un buco nella plastica

Per leggere si scalda leggeremnte la punta ... se c'e' un buco la punta si raffredda prima perche' c'e' tanto contatto tra plastica e punta .. se invece non c'e' un buco la punta rimane calda.


Per cancellare si scalda la punta , la si mette dentro al buco e la si tira fuori lentamente tenendola calda , l'elasticita' della plastica riporta la superficie in piano chiudendo il buco.



alla luce di ciò direi che il numero di scritture e letture che può essere fatto dovrebbe essere abbastanza limitato... cioè, non è che a forza di bucherellare lo strato plastico si stauri!

e cmq suppongo che le velocità siano abbastanza basse...

staremo avedere
Kanon15 Marzo 2005, 12:04 #9
Un hard disk che non gira
Fondamentalmente tutta l'archiviazione di ieri e oggi (escluse le flash) girano: il cd gira, le bobine girano, gli hd girano, e mi girano i co***oni che ancora nessuno abbia proposto qualcosa di alternativo
Questo millipede ha il sentore di svolta storica perché... non gira
FAM15 Marzo 2005, 12:09 #10
Si però è meccanico pure lui... mi puzza sulla durata e resistenza, come sulla velocità.

Comunque credo che per i Microdrive si avvicinino temi durissimi.

Ma per dare il lancio agli HD non mi pare adeguato...
nulla di nuovo sul fronte MRAM?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^