Hitachi GST presenta i nuovi dischi SAS della serie Ultrastar C10K300

Hitachi GST presenta i nuovi dischi SAS della serie Ultrastar C10K300

Nuova famiglia di dischi SAS Ultrastar C10K300 da HItachi GST, unità da 2,5 pollici destinati al mondo dei server

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 08:26 nel canale Storage
 


Non di soli Solid State Drive vive il mondo dello storage, come testimonia la presentazione da parte di Hitachi Global Storage Technologies (Hitachi GST) di una nuova famiglia di dischi enterprise, indicati dalla sigla Ultrastar C10K300. Siamo di fronte ad un disco dotato di regime di rotazione di 10.000 giri al minuto ed interfaccia SAS 6Gb/s, caratteristiche che collocano il disco lontano dall'ambito desktop ma che ne fanno un ottimo modello per server di vario tipo.

Disponibili nei tagli da 147 GB e 300 GB, i nuovi dischi Ultrastar C10K300 sono caratterizzati da un form factor di 2,5 pollici, più piccolo quindi dei classici 3,5 pollici della casa e simili ai Savvio del concorrente Seagate. Stando a quanto dichiarato da Hitachi GST, l'adozione di un form factor da 2,5 pollici al posto del tradizionale 3,5 pollici comporta ingombri inferiori del 70% e consumi più bassi del 65%, in virtù della miniaturizzazione di tutte le componenti, comprese quelle in movimento.

Grande importanza è stata data alla gestione energetica da parte del disco, al fine di ottenere in ogni condizione di utilizzo i consumi più bassi possibili. La tecnologia integrata è la Advanced Power Management, che permette ai gestori delle infrastrutture IT di scegliere diverse opzioni in base alle necessità e all'utilizzo del disco. Decisamente interessanti i valori in gioco, con 3,4W in idle ed un massimo di 6,4W con disco operativo, ottimi per la categoria.

Il modello da 147GB dispone di un singolo piatto con due testine di lettura/scrittura, mentre tutto raddoppia per il modello da 300GB.  Hitachi GST dichiara valori di 3-3,9 millisecondi per il valore di tempo di accesso medio ai dati, mentre il transfer rate cade in un range compreso fra 143MB/s e 88MB/s, sia in lettura che in scrittura. L'unità è già disponibile in commercio ed invitiamo alla consultazione della pagina ufficiale per maggiori approfondimenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MiKeLezZ25 Marzo 2009, 08:40 #1
Ormai il futuro è tracciato verso i SSD anche lato server
http://it.anandtech.com/IT/showdoc.aspx?i=3532
keglevich25 Marzo 2009, 08:47 #2
mi sfugge il motivo per cui in un server dovrebbero adottare dei dischi di questo tipo??? Gli ssd consumano uguale o meno, sono piu' veloci sia come scrittura/lettura sia come tempi di accesso....forse e' per il prezzo??? Ma dei dischi cosi' non credo costino tanto meno degli ssd, soprattutto perche' a 10k giri....
zago25 Marzo 2009, 09:15 #3
@keglevich
forse per l'affidabilità?
questa è una unita di storage, un ssd della medesima capienza costa minimo il doppio e non da la stessa certezza di affidabilità di un disco scsi per via della minore storia evolutiva
GByTe8725 Marzo 2009, 09:17 #4
Un motivo? La sicurezza.

Questi dischi sono ultracollaudati, cosa che per ora non si può dire degli ssd...
coschizza25 Marzo 2009, 09:18 #5
Originariamente inviato da: keglevich
mi sfugge il motivo per cui in un server dovrebbero adottare dei dischi di questo tipo??? Gli ssd consumano uguale o meno, sono piu' veloci sia come scrittura/lettura sia come tempi di accesso....forse e' per il prezzo??? Ma dei dischi cosi' non credo costino tanto meno degli ssd, soprattutto perche' a 10k giri....


i SSD sono ancora troppo nuovi come tecnologia, sono costosi, non sono ben sfruttati e ottimizzati dai controller in generale, e hanno (motivo principale) un affidabilità ancora tutta da dimostrare cosa che per un server non va affatto bene.

inoltre hanno capacità troppo ridotte se non per utilizzi di nicchiao solo in alcune situazioni particolari come puo essere database di piccole dimensioni con enormi richieste di IO o altro.

ci vorranno anni per scalzare configurazioni standard.
Obelix-it25 Marzo 2009, 09:30 #6
Originariamente inviato da: keglevich
mi sfugge il motivo per cui in un server dovrebbero adottare dei dischi di questo tipo???

Perche' un server applicativo fa migliaia di accessi disco, il che vuol dire, di norma, che il numero di scritture massime per cella di un SSD verrebbe raggiunto in un amen.

Oltretutto, parliamo di sistemiche usano pesantemente RAID, il che diminuisce drasticamente i tempi di accesso ed innalza il thruoghput generale al massimo accettabile *dal controller, non dal disco*.

Quando hai, come nel nostro Mid-range, 36 dischi attaccati ad un paio di controller con 1/2 gb di ram, non sono i dischi il collo di bottiglia ....

Oltretutto, il costo per GB degli SSD e' ancora troppo alto, perfino paragonato ai SAS2.5. Un Intel da 80 GB, l'unico praticamente con prestazioni ragionevoli, costa piu' di 500 euro, un SAS 2.5 da 300 costa meno, anche se lo prendi direttamente da HP/IBM
lucasantu25 Marzo 2009, 09:33 #7
io sul mio pc ho un raid sas e funziona divinamente
GByTe8725 Marzo 2009, 09:36 #8
Originariamente inviato da: lucasantu
io sul mio pc ho un raid sas e funziona divinamente


Ehm... grazie al *beeeeeep*
Marco7125 Marzo 2009, 09:38 #9

E' proprio...

...l'affidabilità sul medio e lungo termine il metro di paragone.
E' molto facile oggi pronosticare un futuro radioso per gli S.S.D...
Stante il diverso sistema di memorizzazione dati basato su circuiti integrati in luogo di superfici a dischi in rotazione utilizzanti materiali che sfruttano in vario modo fenomeni magnetici.
Per gli ormai "vituperati" hard disk "convenzionali" è conosciuta in vario modo e maniera la aspettativa di vita utile e le prestazioni ottenibili.
Degli S.S.D si parla, anche nelle news e sui siti web che trattano componenti per computer quasi esclusivamente a proposito delle loro prestazioni "pure", con un numero scritto in una riga n-sima che riporta un dato che a proposito degli hard disk convenzionali suscita sempre ilarità (o quasi) ma che per gli S.S.D (di oggi) viene preso come metallo di Paracelso: l'M.T.B.F.
E chi da piccolo ad esempio, ha visto Belfagor sa di cosa parlo.
Grazie.

Marco71.
Davis525 Marzo 2009, 09:52 #10
nei server contano molto anche le capacita' di accesso multiplo e simultaneo ai dati... lato che per ora e' carente in molti ssd ed e' molto elevato nei SAS o comunque SCSI...


Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^