Hard disk sei volte più capienti? Basta un po' di sale

Hard disk sei volte più capienti? Basta un po' di sale

Alcuni studiosi di Singapore mettono a punto un sistema per realizzare hard disk con capienze sei volte superiori a quelle attuali. Il segreto è in una tecnica litografica e nella soluzione al cloruro di sodio per fissarla

di pubblicata il , alle 15:44 nel canale Storage
 

CDRinfo riporta una notizia interessante riguardante l'archiviazione dati, che si arricchisce di una nuova tecnologia targata Singapore. Il Dr. Joel Yang (laureato al MIT) dell'Institute of Materials Research and Engineering, è a capo di un progetto ambizioso ma che potrebbe raggiungere la produzione di massa in tempi tutto sommato brevi.

La questione sulla carta è semplice: come fare ad archiviare più dati negli hard disk, visto che l'effetto superparamagnetico è sempre in agguato e che le tecnologie attualmente utilizzate hanno forti limiti? Un problema, se si considera che le unità non possono crescere in dimensioni fisiche, poiché i form factor consolidati non sono per nulla in discussione. Esclusa la via di aggiungere piatti a piacere per raggiungere risoluzioni sempre più elevate, la risposta è la stessa per ogni ricercatore attivo nel campo: aumentare la densità di dati archiviabili.

Si parte da un esempio banale ma chiarificatore: avendo a disposizione una valigia, come fare a portare in viaggio più roba possibile? Semplice: organizzare tutto al meglio e compattarlo il più possibile. Anche in questo caso altre tecnologie hanno dato risposte, ma quella dello studio in questione è più raffinata. Alla base del progetto un nanostruttura del supporto di memorizzazione ottenuto con processi litografici, che permetta di creare delle minuscole superfici che chiameremo "grani" per comodità, ognuna in grado di archiviare un bit di informazione.

Attualmente l'approccio è più grossolano: non c'è grande controllo nella stesura si "grani" sulla superficie del media e ne serve un gruppo di alcune unità per archiviare un solo bit. La tecnologia attuale permette di realizzare singoli grani di soli 8nm, ma ricordiamo che non ne basta solo uno per archiviare un bit. La nuova tecnologia del Dr. Joel Yang permette di realizzare grani da 10nm, ma che basta per l'archiviazione del singolo bit.

La tecnologia è già stata realizzata e sembra funzionare al meglio, raggiungendo capienze di ben 1,9 Terabit per pollice quadro, con l'obiettivo dei 3,3 Terabit/in2 a portata di mano. Quest'ultimo valore è circa 6 volte superiore a quello dei dischi tradizionali ora in commercio, motivo per cui la nuova tecnologia fa ben sperare.

Il segreto sta nell'estrema precisione del processo litografico del media (che crea come delle "cellette" per l'informazione) e soprattutto nel suo fissaggio, ottenuto aggiungendo semplice sale (cloruro di sodio) alle soluzioni già utilizzate nel processo produttivo. Il prossimo passo sarà quello di realizzare grani da 4,5nm, con ulteriore incremento della capienza finale dei potenziali hard disk del futuro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

32 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gutti17 Ottobre 2011, 15:46 #1
Io l'ho sempre saputo che Mary Poppins mentiva
TheMonzOne17 Ottobre 2011, 15:53 #2
Originariamente inviato da: gutti
Io l'ho sempre saputo che Mary Poppins mentiva
Ironia fine quasi quanto il granello di sale da 10nm
predator8717 Ottobre 2011, 15:55 #3
letto il titolo, mi son precipitato in cucina a prendere il sale, magari da 500gb attuali passavo a 3tb

pensavo che la via del disco magnetico, con il tempo venisse abbandonata.. invece...
Floris17 Ottobre 2011, 16:00 #4
Il prossimo disco che comprerò sarà da un petabyte .
omerook17 Ottobre 2011, 16:11 #5
io proverei anche un po di pepe. hai visto mai che aumenta anche la velocità.
sbudellaman17 Ottobre 2011, 16:18 #6
Originariamente inviato da: predator87
pensavo che la via del disco magnetico, con il tempo venisse abbandonata.. invece...


Completamente abbandonata non credo... superata invece si, ma quel giorno è ancora lontano...
cagnaluia17 Ottobre 2011, 16:24 #7
Originariamente inviato da: Floris
Il prossimo disco che comprerò sarà da un petabyte .


...da un petobyte...
Wawacco17 Ottobre 2011, 16:54 #8
Originariamente inviato da: gutti
Io l'ho sempre saputo che Mary Poppins mentiva


Originariamente inviato da: omerook
io proverei anche un po di pepe. hai visto mai che aumenta anche la velocità.


Mi state a fà morì maledetti
SaNdI17 Ottobre 2011, 16:57 #9
Originariamente inviato da: cagnaluia
...da un petobyte...


un smerdata di dati :P

Wonder17 Ottobre 2011, 17:01 #10
Io lo voglio al sale rosa dell'Hymaiala

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^