Hard disk, miniaturizzazione o ricerca di capienza?

Hard disk, miniaturizzazione o ricerca di capienza?

Ha senso continuare a ridurre le dimesioni dei dischi rigidi o conviene puntare sulla capienza, per venire incontro al sempre impellente desiderio di GB per i propri dati?

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 11:30 nel canale Storage
 

Stando ai risultati ottenuti da diversi analisti del settore storage, i produttori di dischi rigidi non sarebbero intenzionati a procedere con gli studi per miniaturizzare i propri dispositivi.

La scelta appare tutto sommato comprensibile e figlia di attente riflessioni; continuare a ridurre le dimensioni dei piatti mantenendo le stesse capacità richiederebbe sforzi economici troppo ingenti.

Se per quanto riguarda i dischi da 3,5 pollici il problema della miniaturizzazione non è poi così sentito, diverso è il discorso per quanto riguarda i modelli dai 2,5 pollici in giù.

Il settore dei 2,5 pollici è cruciale, essendo questi i dischi normalmente utilizzati nei PC portatili, sempre più richiesti e diffusi. In questo campo la capienza massima raggiunta è attualmente di 100GB, ben al di sotto dei 400GB disponibili sui più recenti dischi da 3,5 pollici.

Tale considerazione serve a ben chiarire quanto una riduzione dei piatti porti a sensibili cali della capienza di un disco, essendo una superficie circolare soggetta ad un dimezzamento dell'area accorciando anche di poco il raggio e la conseguente dimensione dello chassis per conternerlo.

Prova ulteriore risiede nei dischi da 1,8 pollici, tutto sommato nemmeno tanto più piccoli dei 2,5 pollici, ma dotati di capienza massima solo recentemente giunta a 60GB (dischi utilizzati nei PC ultraportatili e nell'iPod, giusto per fare un esempio).

Il vero problema risiede però nella produzione di dischi di dimensioni ancora più ridotte. Per i dischi da 3,5, 2,5 e 1,8 pollici infatti non esistono soluzioni alternative di diversa tecnologia, situazione che pone il settore in uno stato di assoluta tranquillità.

I microdrive da 1 pollice (ma anche quelli da 0,85" di Toshiba) devono fare i conti con le memorie flash sempre più economiche ed enormemente più affidabili. Ecco dunque che ricercare un'ulteriore diminuzione delle dimensioni, con conseguente riduzione delle capienze, risulterebbe un suicidio ecomonico.

Non avrebbe senso infatti produrre un microdrive, magari da 0.5 pollici con capienza da 2GB, per metterlo poi in concorrenza diretta con una memoria statica di pari capienza a prezzi tutto sommato simili: chiunque sceglierebbe la memoria statica.

Ecco dunque che gli annunci raccolti dagli analisti vanno visti in chiave futura come un impegno a perseguire capienze superiori su dischi di formati attuali. Sembra una cosa ovvia, pensando ai dischi da 2,5 e 3,5 pollici, ma ciò costituisce sicuramente una inversione di tendenza per i dischi di piccole dimensioni, tendenza confermata proprio dall'ideazione di dischi come il microdrive di qualche tempo fa.

Obiettivo dei produttori sarà dunque il combattere il sempre più diffuso standard delle memorie flash con l'offerta di dischi da 1 o 0,85 pollici con 8 o 10 GB di capienza entro la fine dell'anno. Per questo periodo infatti nessuna memoria statica potrà contare su un prezzo nemmeno lontanamente comparabile a quello dei microdrive, garantendo dunque un prolungamento della vita di tali apparecchi, la cui crisi palpabile in termini di vendite faceva temere una estinzione a breve termine.

Spunti di riflessione tratti da Cnet

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

99 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sig. Stroboscopico13 Gennaio 2005, 11:50 #1
Sarebbe maggiormente interessante se le future generazioni di HD fossero con prestazioni velocistiche migliori...
Qui stiamo girando sempre attorno allo stesso punto... l'evoluzione è quasi nulla... (anche se effettivamente avere un Tb di dati in un solo hd fa ancora gola a parecchi...)

Se non altro finalmente gli hd sono tornati ad essere decentemente affidabili...

Ciao!
Onda Vagabonda13 Gennaio 2005, 11:56 #2
RICERCA DI AFFIDABILITA'
Ed attenzione alle temperature, perchè gli HD cominciano a scaldare troppo... ormai vanno raffreddati.
Paganetor13 Gennaio 2005, 11:59 #3
personalmente credo che piuttosto di un HD unico da 1 tera ne metterei un paio in raid (con maggiori prestazioni velocistiche, tra l'altro...) a sicurezza siamo lì (ti si rompe quello da 1 tera o uno di quelli che "insieme" fanno un tera e sei col culo per terra uguale... )

personalmente non ho grandi esigenze di spazio: sul PC ho un vecchio HD da 12 giga (per il SO), uno da 40 giga (per i download e l'alchiviazione delle foto... ne faccio tante e sono pure belle grosse) e uno esterno da 120 giga per il backup delle foto e l'archiviazione delle varie cavolate che scarico...

capisco la ricerca della capienza nei dischi per i portatili, ma in un desktop preferisco un case bello grosso, un ali con i controcaXXi e - se serve per ragioni di dissipazione - qualche ventolina in più... soprattutto se il computer va usato per lavoro (per uso amatoriale/gioco non ha senso avere 500 giga...)
bizzu13 Gennaio 2005, 12:01 #4
Che me ne frega di avere hd ancora più capienti se poi si rompono con maggiore facilità? Per avere più spazio posso aggiungere più dischi...
Supponiamo di poter scegliere tra 2 hd da 200gb e uno da 400... che scegliamo? ovviamente i 2 da 200, perché:
-sicuramente il 400 gb ha prestazioni peggiori
-sicuramente il 400 gb è più delicato
-se mi si rompe il 400 gb non mi rimane più niente, se mi si rompe uno da 200 ho ancora la metà dei dati.
Tutto questo escludendo il RAID ovviamente.
Superboy13 Gennaio 2005, 12:02 #5

raffreddamento

Sono anni che ho sotto tuggli gli hd due belle ventole che li tengono a 28° sotto stress, dato che con un uso intenso altrimenti si sputtanano prestissimo!
PS:35 euro per un cassetto in alluminio ben raffreddato sono ben spesi...
Motosauro13 Gennaio 2005, 12:05 #6
Quoto in pieno il signor stroboscopico.
ormai l'unica è farsi un RAID, con quello che però comporta di costi consumi e calore.

LASCO13 Gennaio 2005, 12:08 #7
Dispositivi composti da parti meccaniche in movimento sono forse destinati a scomparire in una 20-ina d'anni. Secondo voi?
Immaginate se le memorie ram fossero dei mini HD, ancora peggio.
Il futuro sono le memorie statiche, fino a quando non faranno pc biomolecolari s'intende.
luckye13 Gennaio 2005, 12:13 #8
Si ma al raddoppiare dei dischi siano o meno in raid raddoppia la probabilità di guasto :-)
soft_karma13 Gennaio 2005, 12:17 #9
Cominciamo a sforare nella fantascienza pura

Cmq non mi dispiacerebbe avere al posto di un HD per il sistema operativo una bella flashona da 6-8 Gb.
trydent13 Gennaio 2005, 12:24 #10
E intanto Hitachi fà il disco da 500 GB in uscita per questa primavera...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^