Halos CatDrive, hard disk esterno evoluto: multi utente, condiviso, smart e sicuro

Halos CatDrive, hard disk esterno evoluto: multi utente, condiviso, smart e sicuro

Disponibile al pre-ordine sulla piattaforma Indiegogo, ha già superato la soglia di 20.000 $ fissata per il suo finanziamento, risultato a sostegno del successo che può ottenere ad esempio come soluzione utile all'interno di una rete domestica

di Carlo Pisani pubblicata il , alle 08:41 nel canale Storage
 

Halos AI Inc. ha presentato il suo prodotto di punta CatDrive il quale si presenta come un hard disk esterno facilmente installabile che punta a sostituire i servizi di cloud, basato su interfacce user friendly, standard Gigabit Ethernet e funzioni dedicate per garantire un'archiviazione dei dati organizzata e soprattutto sicura, senza particolari configurazioni.

Disponibile al pre-ordine sulla piattaforma Indiegogo, ha già superato la soglia di 20.000 $ fissata per il suo finanziamento, risultato a sostegno del successo che può ottenere ad esempio come soluzione utile all'interno di una rete domestica, dove ognuno ha bisogno del proprio spazio di archiviazione personale, ma senza escludere la possibilità di accedere in molti agli stessi documenti o contenuti multimediali.

Oltre a funzioni come l'archiviazione centralizzata in locale e l'accesso da remoto, CatDrive mette a disposizione vari livelli di accesso, basati su singoli account con relativi spazi privati o piattaforme condivise tra più persone registrate.

Per quanto riguarda la parte hardware, CatDrive è basato su un processore dual-core Marvell, porta Gigabit Ethernet per una connessione veloce e stabile alla rete dati locale e per il momento disponibile solo con un HDD da 2,5" con capacità da 1TB già installato.

Oltre alla parte hardware ed alla struttura di design, il CatDrive si distingue in maniera particolare per un'interfaccia utente veramente basilare ma impostata per garantire una sicura configurazione ed utilizzo del dispositivo, tre i passaggi che Halos indica per rendere operativo il proprio sistema:

  • Collegare CatDrive al router e alla presa di corrente
  • Scaricare l'applicazione CatDrive da Google Play o App Store
  • Ricerca CatDrive tramite l'applicazione sulla stessa WLAN

Il grosso della gestione dei file, eseguita la procedura sopra indicata, avverrà tramite l'interfaccia dell'applicazione, che da un lato può rappresentare un limite, ma dall'altra parte garantisce un livello di sicurezza più alto.

Detto questo CatDrive, non rappresenta una soluzione definitiva per lo stoccaggio dei dati di tutti i giorni, però sicuramente saprà farsi apprezzare soprattutto in ambiente consumer grazie al suo facile utilizzo, il prezzo di listino è di 169 $ ed attualmente, sfruttando la fase di preordine, lo si può acquistare scontato fino al 41%; per maggiori immagini ed informazioni vi invitiamo a visitare la pagina dedicata al prodotto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nudge23 Novembre 2017, 08:50 #1
Vabbè è un NAS con Unix...cos'altro?
ragen-fio23 Novembre 2017, 10:29 #2
C'è scritto Cat nel nome, e visto che internet è al 99% composto da materiale sui gatti, è sempre un bel richiamo.
Dumah Brazorf23 Novembre 2017, 12:05 #3
Un disco da 2,5"?
Proprio una soluzione da fighetti eh...
Zenida23 Novembre 2017, 20:28 #4
Originariamente inviato da: nudge
Vabbè è un NAS con Unix...cos'altro?

già...
Originariamente inviato da: Dumah Brazorf
Un disco da 2,5"?
Proprio una soluzione da fighetti eh...


a questo punto tanto vale metterci un SSD, non sarà un NAS concepito per la sicurezza dei dati, ma almeno lo sarebbe per la condivisione.

un 2,5" meccanico non sfrutterebbe minimamente la LAN gigabit, figuriamoci le performance con 2-3 utenti che trasferiscono in contemporanea.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^