Ecco il disco che può contenere dati senza corromperli per un milione di anni

Ecco il disco che può contenere dati senza corromperli per un milione di anni

Un team di scienziati olandesi dell'Università di Twente ha realizzato una tecnologia tramite la quale è possibile immagazzinare i dati per periodi di tempo enormemente elevati

di pubblicata il , alle 16:31 nel canale Storage
 

I dischi magnetici hanno guidato il settore dello storage da più di 50 anni e se da una parte le tecnologie sono migliorate drasticamente per quanto riguarda la densità dei dati e l'efficienza energetica, dall'altra non è mai stato trovato un metodo che riuscisse a mantenere i dati senza corromperli in alcun modo per un periodo più lungo di una decina di anni, in media.

Disco storage resiste per un milione di anni

Ma sembra che grazie ad una nuova tecnologia sviluppata da alcuni ricercatori dell'Università di Twente in Olanda si è trovato un modo per riuscire a contenere i dati in un disco anche per tempistiche superiori al milione di anni. Per riuscire nell'encomiabile intento sono stati compiuti degli studi sui motivi per cui si deteriorano i dati nel tempo. Si è scoperto che per riuscire a fermare l'inevitabile corruzione dei file contenuti su un disco è necessario che ogni singolo bit che compone un determinato dato sia separato dall'altro.

"Il concetto è basato sull'idea che i dati debbano essere immagazzinati in modo tale da essere separati gli uni dagli altri da una barriera energetica. In questo modo, per corrompere i dati convertendo uno 0 in un 1, per esempio, è necessaria una forza energetica tale da superare questa barriera", si legge su Technology Review, che continua: "Alcuni semplici calcoli rivelano che per far sì che i dati rimangano invariati per un milione di anni, la barriera energetica richiesta è di 63KBT, che diventano 70 per arrivare ad un miliardo di anni."

"Si tratta di limiti perfettamente raggiungibili dalle tecnologie attuali", affermano gli esponenti del team olandese, che hanno di fatto prodotto un disco di storage con le caratteristiche sopra elencate. Il risultato è stato un sottile disco in tungsteno (metallo con un elevata temperatura di fusione e basso coefficiente di dilatazione termica) inciso, con finitura protettiva esterna in nitruro di silicio.

Secondo la Legge di Arrhenius, un disco in grado di sopravvivere per un milione di anni in condizioni ideali sarebbe sopravvissuto per circa 1 ora alla temperatura di 172°C. L'esperimento del team olandese si è spinto molto oltre, resistendo fino alla temperatura di 575° prima di perdere parte consistente dei dati contenuti al suo interno.

Una scoperta di questo tipo non è di certo pensata per il mercato consumer, né mai potrà vedere la luce in settori se non decisamente specifici. Un primo risultato potrebbe essere la capacità di conservare la mole di dati attuali all'interno di dischi da destinare alle civiltà future, tuttavia c'è da precisare che la nuova tecnologia può resistere nel corso degli anni in condizioni ottimali, e non sotto vessazioni estreme come ad esempio calamità naturali estremamente consistenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ferro7523 Ottobre 2013, 16:46 #1
In pratica li hanno incisi nella pietra... il miglioramento rispetto a 5000 anni fa risiede solo nella densità dei dati
mirkonorroz23 Ottobre 2013, 17:02 #2
Bene! Lo verificheremo tra un milione e qualche anno
paulgazza23 Ottobre 2013, 17:15 #3
Qualcuno sa quanto durano invece i dati su un disco fisso sconnesso dal pc e riposto in un cassetto, prima di corrompersi causa smagnetizzazione?
NomenOmen6923 Ottobre 2013, 17:26 #4

1.000.000 di anni ...

ahahah, ci sono diverse incognite ...
1) la specie umana ci sarà ancora?
2) la tecnologia per leggere tali aggeggi ci sarà anche all'ora, o dovrà essere fatto anche un sistema in grado di durare così tanti anni? (per sistema intendo comprensivo di eventuale software)
3) la lingua (presumo inglese , o olandese) ... esisterà ancora fra un milione di anni?
4) ... non è che lo lasciamo sulla terra e fra un milione di anni siamo tutti su Marte?
77fabio23 Ottobre 2013, 17:46 #5
Tra un milione di anni nemmeno mi ricorderò più dove l'avrò lasciato...
ziozetti23 Ottobre 2013, 17:46 #6
Pensate quanto sarebbe avere la certezza che non si siano corrotti i dati su quel vecchio hard disk... ESDI!
cino123 Ottobre 2013, 18:43 #7
Dalla mia esperieza ho imparato che molto raramente i dati vengono corrotti causa guasti su disco e ancora più raramente si lasciano dishi inutilizzati per 10 anni contenenti dati importanti, molto spesso sono gli utenti il vero problema!

Secondo me invece un disco di questo tipo ha più senso di esistere per scatole nere o applicazioni militari. Li si che potrebbero essere soggetti a urti o rimanere inattivi per lunghi periodi di tempo.
Rommie23 Ottobre 2013, 19:30 #8

Si si... Gia sentito....

Lo avevano detto anche per i cd, ora la meta' quelli che hanno 10 anni non si leggono piu

Scusate mi girano perche' si e' rotto un 3Tb green comprato meno di un anno fa
AleLinuxBSD23 Ottobre 2013, 19:51 #9
Chissà se esisterà più la razza umana all'epoca, cioè se si sarà autodistrutta oppure sarà regredita ad uno stadio primitivo, quindi incapace di accedere ai dati memorizzati in un simile dispositivo.
Comunque non penso che occorrerebbe attendere così tanto, è banalmente sufficiente un semplice problema di compatibilità di formato per rendere del tutto vani i dati memorizzati in formato elettronico ... alla faccia dei presunti standard che di standard hanno solo il nome ... stravolti spesso e volentieri per motivi di natura commerciale.
Grizlod®23 Ottobre 2013, 19:57 #10
IMO, più che dalle calamità naturali, dovrebbero preoccuparsi di 'calamità umane'

Esempio, incendi (altro che 570 C° e/o radioattività...

Notare in questo .pdf della NASA, dove viene testato un processore AMD Llano, scrollando la pagina vi sono immagini dove l'HDD è schermato da panetti di piombo:

http://nepp.nasa.gov/workshops/etw2...t%20Results.pdf

Cmq Kodak già aveva prodotto CD/DVD, adoperando l'oro, che durano (a loro dire) centinaia d'anni...i DVD sono etichettati per un secolo:

http://www.kmgdigitalinc.com/premiu...servation-discs

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^