Dischi SSD: alleanza per standardizzare le procedure di testing

Dischi SSD: alleanza per standardizzare le procedure di testing

Molte realtà taiwanesi hanno formato un'alleanza che si occuperà di redarre un protocollo per standardizzare le fasi di testing delle unità a stato solido

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Storage
 

Un gruppo di aziende dell'IT, tra cui numerose realtà taiwanesi, hanno formato in tempi recenti un'alleanza con il compito di standardizzare le procedure di testing delle soluzioni di storage a stato solido (SSD - Solid State Disk).

L'alleanza vede tra i membri fondatori Toshiba, A-Data Technology, Transcend Infogrmation, Silicon Power Computer & Communications, ASMedia Technology, CoreSolid Storage, JMicron Technology e Allion Test Labs. A partire dal terzo trimestre dell'anno l'alleanza sarà aperta anche all'eventuale adesione di altre realtà.

Per il mese di luglio è prevista l'introduzione della versione 1.0 del protocollo di testing per i dischi SSD SATA da 2,5 pollici. Il mercato delle soluzioni a stato solido sta rapidamente andando incontro a quella che sarà una crescita particolarmente consistente: per tale motivo si rende già da ora necessaria, con il mercato delle soluzioni SSD ancora giovane, l'introduzione di linee guida che abbiano lo scopo ultimo di tutelare gli interessi del consumatore, mettendo i produttori dei dischi a stato solido nelle condizioni di poter ciascuno indicare specifiche che siano coerentemente confrontabili con quelle indicate dagli avversari.

I membri dell'alleanza sperano inoltre nella futura partecipazione di altri importanti protagonisti del settore, come Hynix Semiconductor, Micron Technology, Samsung Electronics e Intel.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
angel11012 Giugno 2008, 10:14 #1
Sembra una cosa utile, speriamo che funzioni bene e che non facciano gli imbroglioni.
Stech198712 Giugno 2008, 10:24 #2
speremm: uno standard ben definito aiuta di certo il consumatore e lo sviluppo tecnologico, dato che stimola la concorrenza diretta...
scriptors12 Giugno 2008, 10:29 #3
io non vedo l'ora di poter mettere le mani su un SSD da usare come HD per il SO e swap
eta_beta12 Giugno 2008, 11:20 #4
"l'introduzione di linee guida che abbiano lo scopo ultimo di tutelare gli interessi del consumatore, "
mai sentito che un produttore tuteli l' utente


"mettendo i produttori dei dischi a stato solido nelle condizioni di poter ciascuno indicare specifiche che siano coerentemente confrontabili con quelle indicate dagli avversari."
tradotto
da la possibilita di scrivere che vanno a 200M/B anche se vanno a 20M/B
oppure scrivere 100 anni di funzionamento e 1 anno di garanzia

questi accordi servono per le aziende per non pestarsi i piedi

Willy_Pinguino12 Giugno 2008, 14:00 #5
@ eta_beta


concordo in pieno... mai visto aziende consorziarsi per favorire i clienti... c'è sempre il guadagno come fine ultimo. sono aziende con proprietari e azionisti, non ONLUS
GDYuz12 Giugno 2008, 14:39 #6
Willy,
le ONLUS non c'entrano! Le aziende devono far soldi soddisfacendo le esigenze dei clienti; non mettendoglielo di traverso facendo cartello su prezzi, qualità e performance. Non capisco perchè la logica del profitto sia sempre interpretata da alcuni "liberisti"a discapito degli utenti mentre ci sono aziende serie che cercano di avvicinarsi ai clienti in maniera onesta e professionale.
omissamax13 Giugno 2008, 01:51 #7

scusate tanto

Scusate tanto se capita che qualcuno si senta oggetto di prese in giro da parte delle aziende che si ipotizza speculino illecitamente.
tu pensa che anche in questo momento (questo preciso momento) ... mentre scrivo, ho come la sensazione di essere oggetto di un raggiro... già... alzo gli occhi e leggo:
NON E' UNO SCHERZO!!! SEI STATO SELEZIONATO ADESSO !!!
SEI ONLINE AL 13 GIUGNO 2008 ORE 01: 40
PER QUESTA RAGIONE SEI STATO SELEZIONATO COME POTENZIALE CLIENTE VINCITORE DI UNA "MARCA E MODELLO DI AUTOMOBILE"
SEI SELEZIONATO CLICCA QUI: WWW.VINCITORE-SELEZIONATO.IT
COME VINCITORE SELEZIONATO HAI LA POSSIBILITA' DI VINCERE UN'AUTOMOBILE!
... bene... questo è quello che leggo in questo istante su un banner di hardware hupgrade... questo sito. ORA!

sopra la mia testa c'è uno specchietto per le allodole... io non ci casco ma quanti altri ci cliccheranno sopra?
mi sento comunque preso per i fondelli. Ingannato.
è un discorso lungo, troppo. Ma resta il fatto che questo genere di cose, alla lunga, genera da parte di tutti noi uno stato di diffidenza diffuso. E sembra che non ci si protegga mai abbastanza.
Sgt.Joker13 Giugno 2008, 08:51 #8
se si mettono d'accordo per una serie di test "che spaccano" ben venga
Donquijote13 Giugno 2008, 09:03 #9
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/storag...ting_25612.html

...... si occuperà di redarre un protocollo .........
Click sul link per visualizzare la notizia.


Mamma mia!
Redigere!!!
Donquijote13 Giugno 2008, 09:29 #10
Quando ero ragazzino mi dicevano che bisogna "interpretare possibilmente in bene le azioni del prossimo" e quindi questa ntizia mi porterebbe a dire che un gruppo di aziende, agendo con intelligenza strategica, si sono messe d'accordo per fornire dei prodotti che siano tra loro in concorrenza ma facilmente confrontabili perché testati con le stesse metolologie.
Questo lo trovo molto saggio e molto furbo dal punto di vista commerciale..

FURBO?

Questo mi fa ricordare che quando sono diventato più grandicello un nostro politico che, come si dice dalle mie parti, aveva mangiato pane di sette forni,
disse che "a pensar male degli altri si fa peccato ma quasi sempre ci si azzecca"; da ciò mi viene da pensare, in contrasto con quanto detto pria, che forse stanno cercando di mettersi d'accordo per non pestarsi i piedi.
La chiemano alleanza per la standardizzazione del testing ma a me puzza di cartello!
I protocolli li dovrebbero stabilire delle autorità terze per questo genere di cose.
Come si diceva una volta non è l'oste che deve dire che il vino è buono.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^