DataSlide, torna il progetto IBM Millipede per l'archiviazione dati

DataSlide, torna il progetto IBM Millipede per l'archiviazione dati

Riprendendo un prototipo IBM di qualche anno fa, DataSlide è al lavoro su un prototipo di disco rettangolare, al fine di raggiungere prestazioni più elevte sia dei dischi tradizionali che di quelli Solid State

di pubblicata il , alle 12:19 nel canale Storage
IBM
 

Nel marzo del 2005 riportammo una notizia riguardante un progetto ambizioso e curioso al tempo stesso, relativo al settore storage. A questo indirizzo parlammo infatti di un sistema di archiviazione a "piastre" sovrapposte, mutuato dal progetto Millipede di IBM. Giusto per rinfrescarci la mente, tale soluzione di prefiggeva si sovrapporre ad una superficie di silicio una seconda piastra con un numero elevatissimo di "piedini", operanti ognuno come testina di lettura e scrittura.

La conseguenza di questa struttura si traduceva in transfer rate e IOPS molto elevati, poiché a piccoli movimenti della piastra dotata di migliaia di testine corrispondeva una mole di dati letti o scritti in contemporanea enormemente superiore rispetto a quella possibile con una sola testina di lettura, per quanto performante.

Passato qualche anno il progetto ritorna in auge, come risportato da Dailytech. Un'azienda di nome DataSlide è infatti al lavoro su un prototipo che riprende i concetti base di Millipede, proponendosi l'ambizioso traguardo di rendere obsoleti sia i dischi tradizionali che i Solid State Drive. Il prototipo è chiamato Hard Rectangular Disk, o in acronimo HRD. Un progetto brevettato, in grado di garantire risultati nell'ordine dei 160,000 IOPS e 500MB al secondo in lettura/scrittura, il tutto consumando meno di 4W.

DataSlide

HRD prevede l'utilizzo di un attuatore piezoelettrico, che permette alla piastra rettangolare che costituisce il media di archiviazione di mantenersi in movimento. Il prototipo su cui DataSlide è al lavoro prevede che questa superficie di archiviazione (36GB per ora), sia di fatto fra due piastre non mobili in grado di integrare fino a 64 testine ciascuna. Il rettangolo che ospiterà i dati, insomma, sarà l'unico in movimento, mettendo a disposizione entrambe le facce per archiviare dati.

Le tre piastre sono a diretto contatto, motivo per cui è stato adottato fra di esse un lubrificante solido realizzato con carburo metallico sinterizzato, più precisamente carburo di Tantalio (TaC). Difficile dire ora se questo interessante progetto diventerà realtà a breve, ma in base alla fonte i tempi potrebbero essere maturi senza guardare troppo in là nel futuro. Tutta ancora da verificare in ogni caso la possibilità di raggiungere livelli di prezzo compatibili con le tecnologie attualmente esistenti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gerasimone19 Giugno 2009, 12:25 #1
sai che frammentazione dei dati :-D
the_joe19 Giugno 2009, 12:40 #2
Originariamente inviato da: gerasimone
sai che frammentazione dei dati :-D


La frammentazione è un problema se li devi leggere in sequenza come oggi con gli HD tradizionali, se li puoi leggere parallelamente non è più un problema, ma anzi diventa un vantaggio, resta da vedere come verrà implementata la cosa e quali prestazioni avrà, ma la ricerca fa sempre bene in tutti i campi
II ARROWS19 Giugno 2009, 12:57 #3
La "frammentazione" come la vediamo ora non ha senso, perchè é in modo completamente diverso.
Anzi, per leggere un file di grosse dimensioni sarà necessario "frammentarlo" per ottenere prestazioni migliori.
fpg_8719 Giugno 2009, 13:05 #4
A questo punto il vero problema sarà il controller che dovrà gestire la frammentazione dei dati, e il flusso delle 128 testine (64 x lato)...
Danckan19 Giugno 2009, 13:20 #5
Mha no so mi sembra un idea malsana... Ci si era appena riusciti a distaccare da procedure meccaniche per la lettura di dati con gli SSD e ora ritorna alla ribalta un progetto che prevede un "brulicare" di migliaia di testine su una piastra in continuo movimento... Immagino che la possibilità che si rompa qualcosa con tutto quel movimento sia elevatissima... Inoltre le dimensioni richieste per realizzare un apparato di tale complessità meccanica sarebbero notevoli.
gilles1787119 Giugno 2009, 13:40 #6
Secondo me consumerà meno degli ssd ed avrà un'affidabilità superiore.
In fondo abbiamo un oscillazione ciclica del supporto di memorizzazione tra le due serie di testine.
Di meccanico non vedo nè un motorino elettrico, ne ingranaggi o leve per le testine: rumore prossi,o allo zero.
gabi.243719 Giugno 2009, 13:43 #7
Originariamente inviato da: gerasimone
sai che frammentazione dei dati :-D


No non lo so, illuminaci tu oh sapiente.

Ottima idea questa, promette molto bene
BrightSoul19 Giugno 2009, 17:30 #8
Se le 64 testine non si possono muovere in maniera indipendente tra loro, continueranno a scrivere dati in maniera "lineare", e i file saranno ugualmente soggetti a frammentazione.
nudo_conlemani_inTasca19 Giugno 2009, 22:27 #9
Il primo HDD che cammina da solo.. te lo trovi in giro per casa a brucare e pascolare.. noooo.... omg!
Vash198619 Giugno 2009, 22:53 #10
Originariamente inviato da: the_joe
La frammentazione è un problema se li devi leggere in sequenza come oggi con gli HD tradizionali, se li puoi leggere parallelamente non è più un problema, ma anzi diventa un vantaggio, resta da vedere come verrà implementata la cosa e quali prestazioni avrà, ma la ricerca fa sempre bene in tutti i campi


Guarda che un file se è TROPPO frammentato causa un notevole overhead di meta-dati, indipendentemente dal tipo di supporto su cui è memorizzato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^