Da Toshiba un disco da 2,5 pollici SAS Enterprise da 10.000 giri al minuto

Da Toshiba un disco da 2,5 pollici SAS Enterprise da 10.000 giri al minuto

Toshiba presenta una nuova famiglia di dischi Enterprise con interfaccia SAS e form factor da 2,5 pollici, contraddistinta anche dalle alte prestazioni

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 09:44 nel canale Storage
Toshiba
 

Nuova famiglia di dischi Enterprise da Toshiba, dotati di interfaccia SAS, Serial Attached SCSI, destinata al mondo server. Stiamo parlando della famiglia MBF2600RC, che adotta l'ormai diffuso form factor da 2,5 pollici, adatto all'integrazione all'interno dei blade server, ma non solo.

Tre i dischi che appartengono a questa famiglia prodotto sono differenziati per le capienze di 300GB, 450GB e ben 600GB, raggiunte grazie ad una densità dati per area di 595Mbit/mm2 (384Gbpsi), la più elevata in questo particolare settore. Davvero elevate le prestazioni dichiarate, raggiunte grazie all'adozione di un rotore da 10.000 giri al minuto: si parla infatti di un transfer rate generico di 216MB al secondo, contro i 190MB al secondo della precedente generazione.

Miglioramenti anche nell'ambito del consumo energetico: Toshiba dichiara di aver ridotto del 45% l'impatto energetico rispetto ai prodotti precedentemente in listino, portandolo a soli 2,5W in modalità low power.   L'interfaccia scelta è di tipo SAS, come detto in precedenza, contraddistinta dalla velocità teorica di 6Gbps. Nessuna indicazione, per ora, riguardante i prezzi di questi nuovi dischi. Di seguito una tabella riassuntiva con le principali caratteristiche.

Toshiba

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AceGranger18 Febbraio 2010, 09:55 #1
"si parla infatti di un transfer rate generico di 216MB al secondo, contro i 190MB al secondo della precedente generazione"

seeeee boom.

"generico", praticamente in 1 sola condizione con un file enorme scritto perfettamente in sequenziale.

strano che manchi il dato di 1-1,5 Mb/s dei 4K
sergio9018 Febbraio 2010, 10:01 #2
questi hd si potranno montare anche nei notebook?
wooow18 Febbraio 2010, 10:13 #3
Originariamente inviato da: sergio90
questi hd si potranno montare anche nei notebook?


a parte il discorso che a 10000rpm questi HD scalderanno di brutto e quindi non sono proprio l'ideale rinchiuderli in un notebook
non so se ci sono disponibili notebook dotati di porte SAS perchè:
gli HD SAS possono essere collegati solo ed esclusivamente a porte SAS
solo gli HD Sata sono retrocompatibili e si possono collegare a porte SAS e non viceversa
djfix1318 Febbraio 2010, 10:25 #4
restano cmq sempre una allettante alternativa (anche economica) hai dischi SSD; velocità alte e capacità alte (difetto generico degli SSD attuali).

siamo indietro cmq con la questione velocità paragonando i dischi a tutte le altre parti del pc...c'è molto lavoro da fare e mantenere i prezzi bassi sono investimenti non indifferenti...
coschizza18 Febbraio 2010, 10:26 #5
Originariamente inviato da: sergio90
questi hd si potranno montare anche nei notebook?


no, questi sono dischi da server

comunque sarebbe inutile perche a un prezzo paragonabile trovi un SSD con capacità dimezzata ma con performance di molto superiore a quello che ti darebbero anche un paio di questi mostri in raid

tanto per farti un esempio io in ufficio ho svariati sistemi raid con dischi simili ma alla fine il mio SSD vertex ha prestazioni superiori nell'uso intenso dove non conta solo la velocitò di letture o scrittura sequenziale, e sto parlando di batteria di 8 dischi da 10.000RPM in raid con controller professionali con vari GB di ram e controller SAS a 6Gb

questo non per idre che sia meglio uno dell'altro (nascono per utilizzi diversi) ma per dire che nel caso di un portatile questi dischi non troveranno mai spazio nemmeno se venissero proposti con interfacce sata compatibili
AceGranger18 Febbraio 2010, 10:35 #6
Originariamente inviato da: sergio90
questi hd si potranno montare anche nei notebook?


a parte il discorso SAS, non puoi montarli anche solo per la dimensione, hanno si i dischi a 2,5 pollici ma sono alti 15 mm invece che 9,5 mm come i dischi classici, quindi nella quasi totalita dei portatili non ci stanno
NEON_GENESIS18 Febbraio 2010, 10:53 #7
Originariamente inviato da: wooow
a parte il discorso che a 10000rpm questi HD scalderanno di brutto e quindi non sono proprio l'ideale rinchiuderli in un notebook
non so se ci sono disponibili notebook dotati di porte SAS perchè:
gli HD SAS possono essere collegati solo ed esclusivamente a porte SAS
solo gli HD Sata sono retrocompatibili e si possono collegare a porte SAS e non viceversa


Giusto, ma cmq il collegamento SAS nasce per server e workstation non certo per notebook dove va gia benissimo un Sata1 figuriamocci la sata2.

Originariamente inviato da: AceGranger
"si parla infatti di un transfer rate generico di 216MB al secondo, contro i 190MB al secondo della precedente generazione"

seeeee boom.

"generico", praticamente in 1 sola condizione con un file enorme scritto perfettamente in sequenziale.

strano che manchi il dato di 1-1,5 Mb/s dei 4K


Scusa che te ne fai della velocità in 4k su un disco nato per il raid ( NON RAID 0 ) che serve per storage affidabile di medio/corto periodo o per configurazioni prestanti in ambito server/workstation?

Originariamente inviato da: coschizza
no, questi sono dischi da server

comunque sarebbe inutile perche a un prezzo paragonabile trovi un SSD con capacità dimezzata ma con performance di molto superiore a quello che ti darebbero anche un paio di questi mostri in raid

tanto per farti un esempio io in ufficio ho svariati sistemi raid con dischi simili ma alla fine il mio SSD vertex ha prestazioni superiori nell'uso intenso dove non conta solo la velocitò di letture o scrittura sequenziale, e sto parlando di batteria di 8 dischi da 10.000RPM in raid con controller professionali con vari GB di ram e controller SAS a 6Gb

questo non per idre che sia meglio uno dell'altro (nascono per utilizzi diversi) ma per dire che nel caso di un portatile questi dischi non troveranno mai spazio nemmeno se venissero proposti con interfacce sata compatibili


Sicuramente in ufficio avrai un raid diverso dai soliti 0 e 1, il tuo vertex sicuramente li batte sotto il profilo"avvio di windows" perche per avviare solo il controller raid se ne vanno parecchi secondi, per non parlare della 4k in questi raid da ben 8 dischi che se ne va a farsi benedire, sara sicuramente più prestante nell'uso di applicativi balndi che fanno uso elevato di piccoli file e sara anche piu rapido ad avviare photoshop perchè no, ma in fatto di video editing professionale, rendering, file server, hosting ecc...beh li diciamo che un solo ssd non puo competere, come hai giustamente detto sono ambiti diversi, quindi imparagonabili.
AceGranger18 Febbraio 2010, 11:08 #8
Originariamente inviato da: NEON_GENESIS
Scusa che te ne fai della velocità in 4k su un disco nato per il raid ( NON RAID 0 ) che serve per storage affidabile di medio/corto periodo o per configurazioni prestanti in ambito server/workstation?





se si parla di storage di emergenza ok ma in linea generale dovrai pur accedere ai dati, e mica sono tutti file da millemila Gb, e soprattutto essendo un server non ci accedera 1 sola persona... quel valore è una barzelletta che all'atto pratico non lo vedrai praticamente mai; Il 4K è anche indice del numero di operazioni che puo fare il disco nello stesso tempo, seno perchè mai farli da 10 e 15 K giri al min? quei valori di picco fra un po li raggiungono anche i 7200

Originariamente inviato da: Pegamugh
questa cosa mi incuriosisce, in che ambiti un sistema raid di questo tipo è superiore ad un (o degli) ssd? la prima cosa, ad esempio, è l'affidabilità del raid5. poi cos'altro?


di questo tipo solo e soltanto per tenere dati grossi a cui accedi poco; Gli SSD per la parte a cui accedi molto; neanche con 10 dischi in raid ce la fai a raggiungere gli accesi in contemporanea che permette 1 SSD, pero ovviamente non hai tutto quello spazio, quindi c'è da vedere che destinazione avra il sistema storage;

per la questione consumi poi dipende dal numero di dischi; con molti dischi, con gli SSD hai un buon risparmio di corrente che moltiplicato sui 24/7/365 sono parecchi soldi. su anand c'è un bell'articolo che paragonava le soluzioni SAS con gli SSD.
avvelenato18 Febbraio 2010, 12:05 #9
Originariamente inviato da: AceGranger
neanche con 10 dischi in raid ce la fai a raggiungere gli accesi in contemporanea che permette 1 SSD, pero ovviamente non hai tutto quello spazio, quindi c'è da vedere che destinazione avra il sistema storage;


Non esagerare dai.
Considera che questi dischi sono montati su controller molto evoluti, che hanno svariati mega o anche giga di ram (sensibilmente più veloce di qualsiasi ssd), processori dedicati e una logica di controllo pazzesca, se c'è un motivo per cui non c'è stato un passaggio epocale agli SSD in ambito server/enterprise un motivo ci sarà, al di là del discorso capienza e ammortamento dei costi.



A proposito di costi, se invece il paragone lo fai nel rapporto performance/$, gli ssd rullano alla grande anche in ambito server, specialmente in ambito soho e piccole medie imprese, considerando che non richiedono necessariamente un controller aggiuntivo, si riescono ad ottenere prestazioni da server con hardware quasi consumer.


Il problema sono le capienze, non so quanto possa richiedere una base dati tipica ma immagino che queste centinaia di gigabytes servano tutti.
MadMax of Nine18 Febbraio 2010, 12:21 #10
Sta iniziando ora il passaggio nel settore enterprise di dischi SSD ma le basse capienze e il costo non ne permette ancora una vendita in volumi, una catena di SSD ti satura tranquillamente anche le nuove iscsi da 10gbit... ma costano troppo
Perciò per almeno 2-3 anni svilupperanno questo tipo di dischi.. se non di più.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^