Da Seagate i primi dischi enterprise con cifratura

Da Seagate i primi dischi enterprise con cifratura

La nota società americana presenta i primi dischi sviluppati per soluzioni enterprise dotati di Secure Self Encrypting, in grado di garantire maggiore protezioni dei dati contenuti

di pubblicata il , alle 10:29 nel canale Storage
Seagate
 

Seagate annuncia oggi la possibilità di sfruttare la funzionalità SED (Self-Encrypting Drive) anche sul tutta la gamma di hard disk dedicati alla classe enterprise. Savvio 15K.2, Savvio 10K.2, Constellation e Cheetah 15K.7 sono i modelli cui sarà estesa la tecnologia sviluppata da Seagate in grado di garantire una maggiore protezione dei dati.

La possibilità di usufruire di una simile tecnologia consente un nuovo livello di sicurezza per tutte le aziende: se da un lato è vero che avere pieno accesso ai dati presenti sui dischi di un server sia fisicamente difficile, è anche vero che i maggiori pericoli li si può incontrare quando questi componenti vanno in riparazione. Al di fuori del controllo da parte del proprietario, la possibilità di avere un sistema automatico di cifratura mette al sicuro eventuali dati sensibili, facilitando e migliorando il livello di sicurezza dell'intera infrastruttura.

"Self-Encrypting Drive è uno dei metodi più semplici ed efficaci oltre che cost-effective per garantire un certo livello di sicurezza" ha affermato Eric Ouellet, vice presidente d Gartner. "L'utilizzo di SED consente di avere una protezione completa dei dati ed evitare così eventuali brecce nella sicurezza dell'infrastruttura".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
illidan200024 Settembre 2009, 10:56 #1
e i miei vecchi 15k.6 verranno superati...
frankie24 Settembre 2009, 14:02 #2
Boh a senmbra inutile come cosa, anche perchè un server non va in riparazione (penso), è il "riparatore" che arriva al server.

E se togli un disco di questi lo installi su un altro pc riesci a vedere i dati?
GByTe8724 Settembre 2009, 14:23 #3
In effetti, avrò poca esperienza in merito ma non ho mai sentito parlare di dischi da server "in riparazione"

Anche perchè in genere con i contratti di assistenza e supporto i pezzi vengono cambiati e stop
]DaLcA[24 Settembre 2009, 14:38 #4
Originariamente inviato da: GByTe87
Anche perchè in genere con i contratti di assistenza e supporto i pezzi vengono cambiati e stop


E chi ti assicura che nessuno possa leggere ciò che è scritto su quei dischi guasti?
GByTe8724 Settembre 2009, 14:44 #5
Beh, se uno tiene alla sicurezza dei dati tanto da rivolgersi a soluzioni come quella descritta nella news penso che già si azioni rendere illeggibili i dischi guasti

SuperSandro24 Settembre 2009, 16:09 #6
Originariamente inviato da: GByTe87
Beh, se uno tiene alla sicurezza dei dati tanto da rivolgersi a soluzioni come quella descritta nella news penso che già si azioni rendere illeggibili i dischi guasti

...e se dentro ci sono vent'anni di archivi e l'utonto di turno dice "Back-up? Che cos'è un back-up"?(*)

Piuttosto, la procedura per impostare la password è attivabile forse da Bios?

A parte questo, di solito i server sono installati in aziende, che hanno un contratto di manutenzione.
E se non lo hanno, ci sarà certamente un amministratore di sistema che magari dovrebbe restare "separato" dagli altri utenti e soprattutto dai dati che questi gestiscono.
SuperSandro24 Settembre 2009, 16:16 #7
Originariamente inviato da: frankie
Boh a senmbra inutile come cosa, anche perchè un server non va in riparazione (penso), è il "riparatore" che arriva al server.

E se togli un disco di questi lo installi su un altro pc riesci a vedere i dati?


Ovviamente spostando il disco su un altro PC non vedi nulla.

Il "riparatore" - meglio manutentore - deve ovviamente avere accesso ai dati per fare le varie prove, ma non necessariamente a tutti i dati indistintamente.

Probabilmente può aver accesso solo a una parte - per verificare appunto che tutto funzioni a dovere - mentre le cartelle (o le partizioni?) contenenti dati sensibili rimangono inaccessibili durante le operazioni di manutenzione.

Proprio questo particolare mi ha sempre incuriosito: se un disco criptato viene mandato in manutenzione, le uniche alternative che si offrono al laboratorio consistono nel comunicare la password oppure rassegnarsi a far formattare il disco?
!fazz25 Settembre 2009, 11:32 #8
Originariamente inviato da: SuperSandro
Ovviamente spostando il disco su un altro PC non vedi nulla.

Il "riparatore" - meglio manutentore - deve ovviamente avere accesso ai dati per fare le varie prove, ma non necessariamente a tutti i dati indistintamente.

Probabilmente può aver accesso solo a una parte - per verificare appunto che tutto funzioni a dovere - mentre le cartelle (o le partizioni?) contenenti dati sensibili rimangono inaccessibili durante le operazioni di manutenzione.

Proprio questo particolare mi ha sempre incuriosito: se un disco criptato viene mandato in manutenzione, le uniche alternative che si offrono al laboratorio consistono nel comunicare la password oppure rassegnarsi a far formattare il disco?

si, lo scopo è quello, i dati sensibili li cifri, e ovviamente o ti fidi del manutentore oppure ti fai cancellare il disco e il sistemista interno ripristina il bkp quando il disco torna, non è una tragedia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^