Corsair spiega il passaggio dai 34 ai 25 nanometri negli SSD

Corsair spiega il passaggio dai 34 ai 25 nanometri negli SSD

Corsair prova ad evidenziare alcuni dei problemi incontrati durante la transizione dai 34 ai 25 nanometri

di pubblicata il , alle 10:23 nel canale Storage
Corsair
 

La questione del passaggio di processo produttivo, dai 34 ai 25 nanometri, è una questione che sta colpendo da vicino OCZ. La nota azienda, da tempo concentrata sullo sviluppo di hard disk a stato solido, ha provato a rendere la transizione invisibile agli utenti, introducendo sul mercato le prime soluzioni SSD con moduli NAND Flash a 25 nanometri.

La questione è stata affrontata con questa notizia dedicata: gli utenti si sono ovviamente accorti del cambiamento, non solo analizzando le prestazioni, ma anche controllando la capacità effettiva del disco. OCZ è così stata costretta a trovare una soluzione al problema.

Corsair è il secondo produttore che affronta ora la transizione verso i 25 nanometri. Il passaggio dai 34 ai 25 nanometri rappresenta un passo importante per andare a ridurre i costi con cui le unità SSD saranno commercializzate sul mercato. Come abbiamo avuto modo di segnalare in precedenza i 25 nanometri non comportano solo vantaggi ma anche importanti effetti collaterali.

A conti fatti le unità SSD con moduli NAND Flash da 25 nanometri necessitano di un maggior spazio dedicato per l'over-provisioning, al fine di garantire la medesima longevità delle unità a 34 nanometri. Ecco allora che un hard disk da 120GB con moduli da 25 nanometri avrà una capacità nominale inferiore rispetto ad uno prodotto con moduli da 34 nanometri.

Corsair, consapevole degli effetti collaterali di tale passaggio, cerca di rendere la transizione meno problematica, garantendo una corretta comunicazione. Secondo quando affermato dall'azienda sul sito ufficiale, il passaggio ai nuovi chip di memoria comporta un deterioramento prestazionale nell'ordine del 3-4%.

Jared Peck, Marketing Manager del prodotto per Corsair ha spiegato che "per riuscire ad informare i nostri clienti nel miglior modo possibile, cambieremo i numeri dei modelli alle nostre unità sviluppate a 25 nanometri modificando anche la capacità nominale. A titolo di esempio, infatti, un disco che era venduto come da 120GB se prodotto con memorie a 34 nanometri sarà ora presentato come da 115GB. Tutti i dischi della serie Force che saranno sviluppati con moduli di memoria a 25 nanometri saranno caratterizzati dal suffisso -A, in modo da renderli facilmente ricononoscibili dall'utente finale".

La nuova serie Force sarà commercializzata a partire dalla fine del mese: i modelli F115-A e F80-A saranno caratterizzata da un costo rispettivamente di 215 e 160 dollari americani.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

85 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kratos021 Febbraio 2011, 10:31 #1
almeno loro non hanno nascosto nulla! Primo
Mparlav21 Febbraio 2011, 10:31 #2
Ottima operazione trasparenza di Corsair: l'importante è che sia chiaro cosa si va' a comprare.
Ma certo la precedente figuraccia di OCZ avrà messo in "allarme" tutti i produttori: con quello che è accaduto sarebbe davvero stupido commettere lo stesso errore, non di meno, mi aspetto che tra la dozzina di prodotti nand 25 + Sandforce di prossima uscita, che qualcun'altro faccia il furbo.

Occhi aperti
xxxxxxxx21 Febbraio 2011, 10:34 #3
Originariamente inviato da: Mparlav
Ottima operazione trasparenza di Corsair: l'importante è che sia chiaro cosa si va' a comprare.
Ma certo la precedente figuraccia di OCZ avrà messo in "allarme" tutti i produttori: con quello che è accaduto sarebbe davvero stupido commettere lo stesso errore, non di meno, mi aspetto che tra la dozzina di prodotti nand 25 + Sandforce di prossima uscita, che qualcun'altro faccia il furbo.

Occhi aperti


Xchè cosa è successo?

Quindi abbassano il prezzo ma andremmo ad avere meno prestazioni anche se minimi?
Paganetor21 Febbraio 2011, 10:37 #4
il passaggio di tecnologia comporta una riduzione della capacità? che li vendano come modelli da 100 giga anzichè 120, non come modelli da 120 con capacità ridotta "perchè se no non possiamo garantire la medesima affidabilità"...

Io non la vedo come una cosa positiva, tutt'altro!
gi0v321 Febbraio 2011, 10:38 #5
per la redazione

i modelli F115-A e F80-A saranno caratterizzata da un costo rispettivamente di 215 e 80 dollari americani.


credo che il costo di F80-A sia 180 dollari e non 80, se no me ne compro 4

ps scherzi a parte, se usciranno ssd con controller sandforce 2000 e memorie da 34 nm li comprerò, ma viste le premesse i 25 nm credo che li salterò a piè pari

pps i modelli corsair citati nell'articolo sono già in vendita in germania e anche in qualche shop italiano
Stig8921 Febbraio 2011, 10:41 #6
f80-a a 80$? ne compro direttamente un pacco
gd350turbo21 Febbraio 2011, 10:42 #7
Più si rimpicciolisce più cala l'affidabilità e la durata...
Tecnologia perdente...

Aspetto il prossimo grazie !
Gibbus21 Febbraio 2011, 10:45 #8
IMHO intel lo sapeva, ecco perché giustamente almeno per ora continua a proporre i 34 nm. Comunque, Corsair ha fatto bene ad indicare la capacità vera.

Io ho messo gli occhi sugli intel Elmcrest da 120 GB a 34 nm di cui aspetto l'uscita e sopratutto il prezzo in euro...
blackshard21 Febbraio 2011, 10:46 #9
Originariamente inviato da: gd350turbo
Più si rimpicciolisce più cala l'affidabilità e la durata...
Tecnologia perdente...

Aspetto il prossimo grazie !


Che sarà ancora più piccolo, ancor meno affidabile e ancor meno durevole.
lucky8521 Febbraio 2011, 10:46 #10
sarà stato un errore,costera 180 dollari.cmq dato che il passaggio è fatto per contenere i costi come mai i prezzi sono cosi alti???

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^