Corsair F40, SF-1200 su un disco di sistema

Corsair F40, SF-1200 su un disco di sistema

L'unità F40 di Corsair è un disco SSD da 40GB indicato come disco di sistema ideale per le soluzioni desktop performanti

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 15:19 nel canale Storage
Corsair
 

Il settore delle unità a stato solido è uno di quelli più attivi negli ultimi tempi: dopo che Intel ha presentato le specifiche delle nuove unità che faranno capolino sul mercato per la fine dell'anno, è stata la volta di SandForce. Anche la nota azienda, divenuta famosa per lo sviluppo dei propri controller, ha mostrato (ne abbiamo parlato in questa notizia) le specifiche dei nuovi SF-2000.

Quando si analizza il mercato delle unità a stato solido proprio SandForce con il controller SF-1200 è riuscita ad andare a cambiare le carte in tavola e ha portato una ventata di novità su questo segmento: le unità sviluppate su questo componente sono capaci di garantire, mediamente, prestazioni degne di nota, e soprattutto gestiscono in modo più che efficiente eventuali cali prestazionali legati all'occupazione progressiva del disco.

Corsair SSD

La graduale diffusione delle memorie a stato solido, legata all'ottimizzazione del processo produttivo ha consentito negli ultimi anni di poter registrare una diminuzione del costo finale per gli utenti: se le unità con tagli da 128GB si assestano ancora su una fascia di prezzo troppo alta se paragonata ai normali hard disk, sono diventate invece molto accessibili le proposte con tagli inferiori ai 60GB.

Questo tipo di soluzioni si rivelano particolarmente indicate in ambito desktop: la possibilità di poter sfruttare una unità SSD quale disco di sistema cui affiancare un hard disk di tipo tradizionale per lo stoccaggio dei dati rappresenta una configurazione particolarmente interessante e soprattutto, in grado di garantire importanti vantaggi prestazionali.

Corsair SSD

In quest'ottica oggi andremo ad osservare Corsair F40, soluzione sviluppata da Corsair e basata su controller SandForce SF-1200 cui sono stati affiancati moduli di memoria per un totale di 40GB. Il prodotto, in competizione diretta con le soluzioni Intel X25-V e SSDNow della serie V di Kingston, rispettivamente da 40 e 30GB, è destinato, come abbiamo osservato in precedenza, a configurazioni desktop. Andiamo ora ad osservare il comportamento dell'unità in fase di testing:

Lettura

Corsair SSD

Corsair SSD

I due grafici mostrano l'andamento della sessione di lettura sequenziale di dati: nella prima immagine il disco è completamente libero, nel secondo caso l'unità è invece stata riempita per il 50% della sua capacità nominale. Interessante notare come le prestazioni fatte registrare a disco completamente vuoto subiscano un lieve decremento una volta occupata parte dell'unità. Si passa così dai 214 MB/s di media ai 190MB/s; incrementa anche il tempo di accesso ai dati, prima di 0,0ms e successivamente salito a 0,2ms. Passiamo ora ad osservare il comportamento in fase di scrittura:

Scrittura

Corsair SSD

Corsair SSD

Anche in questo caso l'elevatissimo livello prestazionale garantito dalla soluzione di Corsair a disco vuoto viene ridimensionato in seguito all'occupazione parziale dell'unità. Il decremento è però sensibilmente più ampio rispetto alla sessione di lettura: nella fase di scrittura il controller è impegnato non solo a leggere bensì a cancellare i vecchi dati in favore dei nuovi, applicando di fatto una ri-scrittura. Si passa così da 202MB/s registrati a disco vuoto ai 138MB/s con il disco occupato al 50%.

Se il decremento prestazionale c'è ed è evidente in entrambi i casi, meno che nella fase di lettura rispetto a quella di scrittura, i valori che l'unità di Corsair è comunque in grado di garantire sono numeri capaci di andare ben oltre quelli di un disco tradizionale. Il costo per questa unità si aggira, euro più euro meno ai 100 euro: un prezzo piuttosto accessibile che consente di andare a migliorare, sensibilmente l'esperienza di un utilizzo dell'utente finale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto15 Ottobre 2010, 15:33 #1

anche se calano di prestazioni

sono sempre meglio di hdd tradizionali.
Ma in confronto con hdd in raid,i benefici sono ancora evidenti o la linea separatrice si fa più sottile???
qualcuno ha qualche dato in proposito?
Redazione????
SwatMaster15 Ottobre 2010, 15:35 #2
Originariamente inviato da: supertigrotto
sono sempre meglio di hdd tradizionali.
Ma in confronto con hdd in raid,i benefici sono ancora evidenti o la linea separatrice si fa più sottile???
qualcuno ha qualche dato in proposito?
Redazione????


Io col mio raid0 ho 320mb/s di picco in lettura, con una media di 240mb/s.
Purtroppo ciò che frega gli hdd tradizionali sono i tempi d'accesso: 13.1ms per quanto mi riguarda.
TheThane15 Ottobre 2010, 15:58 #3
Quindi presumo vertex2 si comporta uguale?
killer97815 Ottobre 2010, 16:01 #4
Negli ultimi anni ho cambiato di tutto all'interno del mio case, passando da CPU single core/2 core/4 core , AMD/Intel, Vga di ogni tipo , Raid, Raid/Raptor ecc... e l'aumento di prestazione che ho notato è stato sempre risicato , a volte è capitato di chiedermi (parlo dell'uso giornaliero tralasciando i giochi) ma chi me lo ha fatto fare , ma credetemi passando il SYS da un HD meccanico (Velociraptor 150gb) ad un SSD (Team Group Exreem 60gb) è cambiato tutto, avvio quasi istantaneo, apertura dei prog/cartelle/video ecc.. tutto + instantaneo, un balzo in avanti incredibile

Peccato che costano un botto e lo uso solo per il SYS spero in futuro prox di poterne usufruire anche per i giochi che occupano un casino di GB
banaz15 Ottobre 2010, 16:03 #5
Originariamente inviato da: SwatMaster
Io col mio raid0 ho 320mb/s di picco in lettura, con una media di 240mb/s.
Purtroppo ciò che frega gli hdd tradizionali sono i tempi d'accesso: 13.1ms per quanto mi riguarda.


si ma quelli sono dati sequenziali, prova a fare un bench con atto o con cristal vedi che valori ti escono nel 4kb random e sequenziale...

nemmeno 10vr in raid0 eguagliano le prestazioni di un ssd con sf-1200 sono su due mondi completamente diversi..non si può comparare gli hd meccanici con gli ssd
ZonaDopa15 Ottobre 2010, 16:03 #6
Meglio un corsair f80 o un intel g2 80 ? Il corsair ha il trim automatico ?
SwatMaster15 Ottobre 2010, 16:08 #7
Originariamente inviato da: banaz
si ma quelli sono dati sequenziali, prova a fare un bench con atto o con cristal vedi che valori ti escono nel 4kb random e sequenziale...

nemmeno 10vr in raid0 eguagliano le prestazioni di un ssd con sf-1200 sono su due mondi completamente diversi..non si può comparare gli hd meccanici con gli ssd


Boh, guarda... Io ho fatto solo un giro di bench in lettura con HD Tune 2.55 con blocchi da 128k appena messo il raid, solo per vedere come andava.
Poi chissefrega di bench vari
killer97815 Ottobre 2010, 16:21 #8
Il raid con HD meccanico va bene finche non crei partizioni, in quest'ultimo caso quel po che guadagni lo perdi quando devi trasferire qualche file da una partizione o l'altra oppure se i giochi sono inseriti in una partizione differente dal SYS , a volte si perde invece di guadagnare, mentre con sti giocattoli il raid (che non serve) non ha nessuna controindicazioni
SwatMaster15 Ottobre 2010, 16:23 #9
Originariamente inviato da: killer978
Il raid con HD meccanico va bene finche non crei partizioni, in quest'ultimo caso quel po che guadagni lo perdi quando devi trasferire qualche file da una partizione o l'altra oppure se i giochi sono inseriti in una partizione differente dal SYS , a volte si perde invece di guadagnare, mentre con sti giocattoli il raid (che non serve) non ha nessuna controindicazioni


Costassero un po' meno e avessero capienze decenti...
fabio.xs15 Ottobre 2010, 16:32 #10
La differenza di prestazioni che si ha tra disco vuoto e disco pieno dipende dal controller utilizzato?
Anche gli intel ed i kingston ne soffrono nella stessa misura?
Per la Redazione:
A quando una bella prova comparativa in tal senso?
Sia sulla differenza di prestazioni tra pieno e vuoto come lettura/scrittura sequenziale che sui 4k
Questa si che sarebbe un utile prova comparativa!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^