CompactFlash Association: proposto un nuovo standard di schede con interfaccia seriale

CompactFlash Association: proposto un nuovo standard di schede con interfaccia seriale

Nikon, SanDisk e Sony avanzano la proposta per un nuovo standard per la realizzazione della prossima generazione di schede di memoria

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:01 nel canale Storage
NikonSonySandisk
 

La CompactFlash Association (di seguito CFA) ha annunciato nel corso della giornata di ieri la formazione di un nuovo gruppo di lavoro che si concentrerà sullo sviluppo della prossima generazione di schede di memoria.

In questo contesto Nikon, SanDisk e Sony hanno avanzato la proposta di un nuovo formato allo scopo di rispondere alle necessità dei professionisti di fotografia digitale e ai professionisti di video per i prossimi anni. I membri del CFA hanno aderito al nuovo gruppo di lavoro per considerare la ratifica delle nuove specifiche.

Le applicazioni professionali nel mondo della fotografia e della produzione video richiedono una nuova generazione di schede di memoria con velocità e capacità di alto livello, che consentano di processare file di grosse dimensioni. Lo sviluppo di una nuova scheda ha lo scopo di venire incontro alle future esigenze dei professionisti dell'immagine e del video.

"La fotografia professionale del futuro e le applicazioni video richiederanno schede di memoria con velocità di lettura/srittura elevate. Lo sviluppo di un nuovo standard di schede ad alte prestazioni con interfaccia seriale risponderà alle esigenze dell'industria imaging professionale per gli anni a venire ed apre la porta per nuove entusiasmanti applicazioni" ha dichiarato Shigeto Kanda, presidente del consiglio di amministrazione della CFA.

Le attuali specifiche CF5.0 PATA (parallel-ATA) permettono di raggiungere velocità di trasferimento dati di 133MB al secondo. Sebbene l'interfaccia PATA possa ancora crescere in termini di prestazioni, l'interfaccia seriale può rispondere alle richieste di lungo termine per quanto riguarda le necessità di velocità espresse dai mercati video e DSLR (Digital Single Lens Reflex). La CompactFlash Association ha recentemente aprovato e annunciato le specifiche CF6.0 che consentono di raggiungere una velocità di trasferimento dati di 167MB/s.

Il nuovo gruppo di lavoro della CFA cercherà di stabilire una roadmap per un formato standard di schede con interfaccia seriale in grado di superare la velocità messa a disposizione dalle attuali interfacce di tipo parallelo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tossy30 Novembre 2010, 10:15 #1
Non capisco, ma non basta riprogettare a livello meccanico ad esempio l' USB3 e mantenere lo stesso protocollo?

Insomma se su una SD ci sono 15 contatti, ne fanno una identica a livello meccanico e ci mettono i contatti di una USB3 che viaggia a 480 MByte/sec full duplex.

Boh ....
ARARARARARARA30 Novembre 2010, 10:40 #2
che bello, m siccome si cambia da cf pata a cf con altro standard tanto vale punto primo fare uno standard con una velocità abnorme e un limite di memoria massimo assurdo perchè se no si fa la fine delle sd, SDHC, SDXC tutte rigorosamente illeggibili con vecchi lettori... che palle ogni 2 anni c'è un nuovo standard, le cf sono veloci ma se le cambiano che le cambino in favore di una memoria con un'interfaccia che permetta una velocità assurda stile sata 3 a 6 gb/s e morta li, prestazioni senza compromessi con magari la forma delle attuali cf e il dopio standard ossia attuale + futuro in modo che le attuli schede si possano usare sui nuovi prodotti, anche perchè le cf serie per le reflex hanno prezzi mica da ridere!
avvelenato30 Novembre 2010, 10:52 #3
le cf hanno sempre avuto dalla loro compatibilità nativa con gli hard disk, sarebbe sciocco non continuare sulla strada utilizzando il sata come protocollo d'adozione sostitutivo in confronto del pata.
Non è solo una questione di velocità del protocollo: anche i singoli controllers saranno sicuramente ottimizzati, voglio dire, poter usare circuiteria utilizzata dagli hard disk anziché crearne ex novo ad esempio per USB3, rende le prestazioni reali molto più vicine a quelle teoriche.
coschizza30 Novembre 2010, 10:59 #5
Originariamente inviato da: tossy
Non capisco, ma non basta riprogettare a livello meccanico ad esempio l' USB3 e mantenere lo stesso protocollo?

Insomma se su una SD ci sono 15 contatti, ne fanno una identica a livello meccanico e ci mettono i contatti di una USB3 che viaggia a 480 MByte/sec full duplex.

Boh ....


non ha senso usare il protocollo dell'usb3 su un collegamento che non ha nulla a che vedere con quello e che ha anche scopi diversi. Ogni collegamento ha uno scopo e ogni scopo deve avere un tipo di protocollo adeguato a farlo funzionare al meglio altrimenti fai solo confuszione e per far parlare 2 periferiche usi protocollo che sono nati per far parlare altri tipi di periferiche.
coschizza30 Novembre 2010, 11:05 #6
Originariamente inviato da: ARARARARARARA
che bello, m siccome si cambia da cf pata a cf con altro standard tanto vale punto primo fare uno standard con una velocità abnorme e un limite di memoria massimo assurdo perchè se no si fa la


Quello che chiedi è impossibile da fare perche è come se chiedessi di fare oggi cpu 128 core a 10GHZ con SSD da 100TB perche cosi non devi cambiare il pc in continuazione e ti dura piu anni.

La ricerca e sviluppo è un processo continuo tu chiedi di fare un prodotto oggi con tecnologie che non esistono e poi andare tutti in letargo o in pensione perche bisogna farmare lo sviluppo e quindi un azienda produce un prodotto e poi chiude perche deve fernasi.

Capisco benissimo quello che intendi dire nel tuo post ma devi comrendere che l'informatica se si fosse evoluta seguendo il tuo ragionamento probbabilmente oggi non sarebbe arrivata nemmeno al livello che avevamo il scorso decennio con un mercato degli addetti ai lavori microscopico rispetto a quello di oggi.
Phoenix128zx30 Novembre 2010, 11:08 #7
E non ha senso adottare subito il protocollo più veloce esistente (in commercio) ovvero S-Ata 3.0. Meglio fare uscire in 9 anni 3 protocolli diversi così ogni 3 anni sarai costretto a cambiare schede e fotocamera. E' così che si campa nel mondo dell'elettronica
coschizza30 Novembre 2010, 11:16 #8
Originariamente inviato da: Phoenix128zx
E non ha senso adottare subito il protocollo più veloce esistente (in commercio) ovvero S-Ata 3.0. Meglio fare uscire in 9 anni 3 protocolli diversi così ogni 3 anni sarai costretto a cambiare schede e fotocamera. E' così che si campa nel mondo dell'elettronica


Anche se usi il protocollo piu veloce tra 3 anni sara comunque superato dopo 3 lento e dopo altri 3 inutilizzabile per i prodotti dell'epoca.

Quindi aggiornarlo regolarmente è la cosa piu logica anche perche nessuno ti obbliga a cambiare nulla se non ti serva un prodotto nuovo.

Tu potresti avere una CF con velocità infinita quindi ipoteticamente utilizzabile per sempre ma anche in questo caso probbabilmente tra 3 anni avra una capacità troppo piccola per quello che ti serve e dopo 3 sarebbe ormai inutile. Quindi avresti investito per avere una CF adeguata per sempre e avresti speso un capitale ma poi non ti sarebbe servito a nulla.
ARARARARARARA30 Novembre 2010, 11:23 #9
Originariamente inviato da: coschizza
Quello che chiedi è impossibile da fare perche è come se chiedessi di fare oggi cpu 128 core a 10GHZ con SSD da 100TB perche cosi non devi cambiare il pc in continuazione e ti dura piu anni.

La ricerca e sviluppo è un processo continuo tu chiedi di fare un prodotto oggi con tecnologie che non esistono e poi andare tutti in letargo o in pensione perche bisogna farmare lo sviluppo e quindi un azienda produce un prodotto e poi chiude perche deve fernasi.

Capisco benissimo quello che intendi dire nel tuo post ma devi comrendere che l'informatica se si fosse evoluta seguendo il tuo ragionamento probbabilmente oggi non sarebbe arrivata nemmeno al livello che avevamo il scorso decennio con un mercato degli addetti ai lavori microscopico rispetto a quello di oggi.


Si ma se mi fanno la cf con interfaccia sata 1 o 2 e non sata 3 c'è da essere dei cretini! E la retrocompatibilità secondo me è importante soprattutto nei primi 2-3 anni dall'uscita del nuovo standard bisogna dotare ad esempio le reflex di tutte e due le circuiterie sata e pata altrimenti chi ha speso centinaia di € in schede si prende un paletto non ti dico dove! Io ho solo 26 gb (16+8+1+1) di CF ma sono già 130€ di memorie e c'è chi ne ha molte molte di più!
izutsu30 Novembre 2010, 11:46 #10
Oh, ok che è noioso cliccare su un link... ma se qualcuno si prendesse la briga di farlo scoprirebbe che le CF SATA esistono già e si chiamano CFast... http://compactflash.org/product-types/cfast-cards/

Transcend le ha a catalogo http://www.transcend.nl/Press/index...&PrsNo=2121

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^