Arrivano in commercio i nuovi SSD WD Blue 3D e SanDisk Ultra 3D

Arrivano in commercio i nuovi SSD WD Blue 3D e SanDisk Ultra 3D

Allargamento di gamma per WD in campo SSD, che detiene anche il marchio SanDisk, con la presentazione delle nuove unità WD Blue 3D e SanDisk Ultra 3D, di fatto unità identiche ma destinata a canali distributivi differenti a seconda dei mercati

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Storage
Western DigitalSandisk
 

Western Digital è stata praticamente l'ultima azienda di prima grandezza nel settore storage a presentare soluzioni SSD con il proprio marchio. Dagli anni '90 l'azienda produce hard disk meccanici (anche oggi, ovviamente), motivo per cui si è sempre concentrata su questo tipo di unità, mettendosi alla finestra durante la presentazione delle prime unità SSD per il grande pubblico. Non molto tempo fa qualcuno ai piani alti ha deciso che era ora di entrare anche in quel mercato ma passando dalla porta principale, acquisendo quindi nel maggio 2016 una delle aziende più attive nel settore, SanDisk.

Oggi vediamo i frutti maturi di quell'accordo, con la presentazione di linee SSD con marchio WD, poco importa se poi si tratta di unità sviluppate dal gruppo SanDisk e rimarchiate. Già, poiché a questo stiamo assistendo: linee di SSD identiche ma commercializzate con due brand diversi, WD e SanDisk. E' il caso delle nuove unità WD Blue 3D e SanDisk Ultra 3D, che portano in dote i nuovi chip 3D BiCS Flash NAND. Sono chip più economici da produrre e caratterizzati da una struttura multi strato; tutti i produttori si stanno adeguando a questa tendenza e probabilmente la quasi totalità degli SSD del futuro sarà prodotta utilizzando questo tipo di chip.

Si tratta di unità SATA 6Gbps, con prestazioni nell'ordine dei 550MB/s e 525MB/s circa in lettura e scrittura. Per ora abbiamo i prezzi in Dollari USA riportati da Techpowerup: WD Blue 3D 250GB ($89); WD Blue 3D 500GB ($149,99), WD Blue 3D 1TB ($279,99). Importante: le unità WD sono disponibili sia con form factor 2,5 pollici 7mm di spessore, sia M.2 2280. Prezzi dei modelli SanDisk: SanDisk Ultra 3D 250GB ($99.99), Ultra 3D 500GB ($164,99), Ultra 3D 1TB ($279,99) and Ultra 3D 2TB ($549,99, arriverà più avanti ora non è disponibile).

Perché dischi identici hanno prezzi diversi? Come abbiamo anticipato sono destinati a canali differenti e molto faranno gli accordi in fase di trattativa con i fornitori e i distributori. Per dirla in altre parole: WD ha sempre operato con certi clienti, SanDisk con altri perché ha sempre prodotto dispositivi differenti. Non è per nulla da escludere che fra non molto vedremo le unità con prezzi decisamente differenti da quelli indicativi riportati, senza che per forza siano i SanDisk a costare di più. Meglio aspettare e tenere gli occhi aperti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Alessio.1639029 Luglio 2017, 11:16 #1
Si conferma sempre più reale il non voler più immettere sul mercato tagli minori, vedi 120/128Gb.
Posso capire i dischi da 60 in giù, ma io con 120 per il S.O. ad oggi ci sto larghissimo.

MikDic29 Luglio 2017, 13:17 #2
Per far durare l'SSD, lo spazio deve essere sovradimensionato con molto spazio libero (si consiglia almeno il 30%), cosi le scrittura vengono distribuite dai moderni algoritmi su tutte le celle. Per il SO questo concetto è ancor maggiore per le tantissitme scritture di files temporanei che si fanno, Esempio, se si avesse solo il 10% libero di 100GB, cioè solo 10GB, tutti i file temporanei verrebbero scritti in quelle celle, con la certezza che lo si manda in default in tempi relativamente brevi.
bongo7429 Luglio 2017, 14:30 #3
dipende, se un 60GB mi dura 4anni (5ore al di) e mi è costato 45euro ha "fatto il suo"
SkyLinx29 Luglio 2017, 18:08 #4
A che serve continuare con nuovi modelli per SATA III visto che hanno ormai raggiunto i limiti di velocita' di quel protocollo? L'SSD (NVMe) che ho nel mio computer e' vecchio di un anno e fa 2.5GB/sec... e ce ne sono di nuovi adesso ancora piu' veloci.
MiKeLezZ29 Luglio 2017, 23:00 #5
Originariamente inviato da: SkyLinx
A che serve continuare con nuovi modelli per SATA III visto che hanno ormai raggiunto i limiti di velocita' di quel protocollo? L'SSD (NVMe) che ho nel mio computer e' vecchio di un anno e fa 2.5GB/sec... e ce ne sono di nuovi adesso ancora piu' veloci.
tutta quella velocità non serve a nulla, sono altri i fattori prestazionali
theboy30 Luglio 2017, 00:12 #6
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
tutta quella velocità non serve a nulla, sono altri i fattori prestazionali

non è la velocità ad essere utile prestazionalmente? che altro? oltre alla stabilità ovviamente
Donagh30 Luglio 2017, 02:17 #7
Originariamente inviato da: theboy
non è la velocità ad essere utile prestazionalmente? che altro? oltre alla stabilità ovviamente


non era il tempo di accesso-latenza? che è drasticamente differente da un hard disk? tipo mbo 20-40 volte...
questo influisce tutta una reattività di sistemi
roccia123430 Luglio 2017, 11:31 #8
Originariamente inviato da: Donagh
non era il tempo di accesso-latenza? che è drasticamente differente da un hard disk? tipo mbo 20-40 volte...
questo influisce tutta una reattività di sistemi


Concordo....

Mi chiedo poi a che serva, oggi, andare oltre i 500MB/s in lettura/scrittura offerti da sata 3 su un sistema domestico. Oltre che nei benchmark, dove si vede la differenza?
Si parla di leggere/scrivere un intero SSD da 500GB in circa 15 minuti, o installare un gioco/programma da 50gb in 1 minuto e mezzo (al netto di altre eventuali limitazioni).
SkyLinx30 Luglio 2017, 11:39 #9
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
tutta quella velocità non serve a nulla, sono altri i fattori prestazionali


Serve eccome in molti casi, e.g. video editing
giovanni6930 Luglio 2017, 16:08 #10
Originariamente inviato da: MikDic
Per far durare l'SSD, lo spazio deve essere sovradimensionato con molto spazio libero (si consiglia almeno il 30%), cosi le scrittura vengono distribuite dai moderni algoritmi su tutte le celle. Per il SO questo concetto è ancor maggiore per le tantissitme scritture di files temporanei che si fanno, Esempio, se si avesse solo il 10% libero di 100GB, cioè solo 10GB, tutti i file temporanei verrebbero scritti in quelle celle, con la certezza che lo si manda in default in tempi relativamente brevi.

Dipende: ho un SSD da 480 GB da un anno e 9 mesi, 14 TB scritti, ha meno di 40 GB di spazio libero (quindi 8%) e va perfettamente bene, uso multiplo di VM, con wear leveling normale, ecc e chi mi ha fatto i calcoli di vita residua parla di ...50 anni. Opps dimenticavo: è un modello enterprise

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^