Approvato il brevetto del file system FAT di Microsoft

Approvato il brevetto del file system FAT di Microsoft

Microsoft potrebbe chiedere royalty per l'utilizzo del file system FAT

di pubblicata il , alle 11:58 nel canale Storage
Microsoft
 

Hardware Upgrade, nell'estate del 2004, riportava una notizia riguardante l'iniziativa di Microsoft di voler richiedere royalty a chiunque utilizzasse il file system FAT, in ragione della proprietà intellettuale, opposta in sede legale ad un consorzio che ne rivendicava la libertà di utilizzo.

Non si è saputo più nulla della vicenda, ma l'esito è facilmente intuibile in seguito all'ufficializzazione del brevetto (aggiornato), come riportato in questa pagina.

Prima di lanciare anatemi è bene chiarire che Microsoft nel lontano 1976 effettivamente inventò il file system FAT, poi universalmente utilizzato nei più svariati ambiti. L'iniziativa dunque è concettualmente giusta. Certo, l'eventuale rivendicazione di un compenso in seguito ad una diffusione incredibile di schede memoria e altro ancora basate su file system FAT appare quindi un modo poco simpatico e gratuito di guadagnare molti soldi, che poco giova in termini di simpatia per il marchio.

Vi è da dire che finora una sola azienda, Lexar, ha provveduto a versare a Microsoft il dovuto, e non si ha notizia di provvedimenti giudiziari a carico degli insolventi.

Ricordiamoci che le aziende hanno come scopo quello di fare utili, e che difficilmente una qualsiasi altra azienda non approfitterebbe dell'opportunità. Le royalty chieste alle aziende ammontano a 0.25 dollari a pezzo per le schede memoria e fino ad un massimo di 250.000 dollari USA forfettario per azienda. I prezzi dunque non dovrebbero subire aumenti visibili.

Rimane sicuramente l'amaro in bocca per la richiesta postuma di un balzello su prodotti da tempo considerati (anche se a torto) liberi da ogni proprietà intelettuale.

Ulteriori informazioni direttamente sul sito Microsoft.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

270 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rob-roy11 Gennaio 2006, 12:02 #1
Spero questo non causi un aumento pauroso del prezzo delle memorie flash...
Paganetor11 Gennaio 2006, 12:05 #2
come giustamente dici tu, il concetto è corretto... anche gli 0.25 dollari a scheda sono veramente irrisori per l'utente finale...

ti dirò, preferisco questa "tassa" a quella della siae sui supporti... almeno questa ha un senso!

i 250.000 dollari forfettari a cosa sono riferiti? ai costruttori di schede? perchè si parla di circa 1 milione di schede coperte dalla tassa e sarebbe interessante capire se è un forfait annuale (???) o pagati quelli poi uno può produrre tutto quello che vuole...

in questo caso, mi piacerebbe anche sapere quante sono potenzialmente le aziende che producono questi componenti per capire quanti forfait da 250.000 dollari riceverebbe microsoft...
DevilsAdvocate11 Gennaio 2006, 12:05 #3
A quando lettori mp3 e memorie di massa basati su ext2 / ext3 oppure altri
filesystem realmente liberi?
Se queste royalities fossero state chieste fin dall'inizio probabilmente adesso
nessun dispositivo userebbe FAT ma una delle alternative "free", invece con questa
mossa MS ha aspettato prima il consolidarsi dello standard e ora prende "al laccio"
i produttori.

Speriamo che questi ultimi (i produttori) si ricordino di questo episodio prima di
adottare altri standards "unpatented" di Microsoft.....
Spectrum7glr11 Gennaio 2006, 12:06 #4
Originariamente inviato da: rob-roy
Spero questo non causi un aumento pauroso del prezzo delle memorie flash...


bè se lo causerà non credo che dipenderà dai 0.25$ per pezzo richiesti da MS (oltretutto suscettibili di "abbassamento" visto il tetto massimo fissato)...al di là dell'operazione discutibile se ci saranno effettivamente aumenti sarà solo per una volontà speculatrice di chi produce memorie: è bene tenerlo presente.
Spectrum7glr11 Gennaio 2006, 12:09 #5
Originariamente inviato da: Paganetor
come giustamente dici tu, il concetto è corretto... anche gli 0.25 dollari a scheda sono veramente irrisori per l'utente finale...

ti dirò, preferisco questa "tassa" a quella della siae sui supporti... almeno questa ha un senso!

i 250.000 dollari forfettari a cosa sono riferiti? ai costruttori di schede? perchè si parla di circa 1 milione di schede coperte dalla tassa e sarebbe interessante capire se è un forfait annuale (???) o pagati quelli poi uno può produrre tutto quello che vuole...

in questo caso, mi piacerebbe anche sapere quante sono potenzialmente le aziende che producono questi componenti per capire quanti forfait da 250.000 dollari riceverebbe microsoft...



potrebbe essere un "fino a concorrenza di"...cioè si paga in relazione al numero di schede prodotte fino a concorrenza di 250.000 verdoni.
DevilsAdvocate11 Gennaio 2006, 12:10 #6
Originariamente inviato da: Spectrum7glr
bè se lo causerà non credo che dipenderà dai 0.25$ per pezzo richiesti da MS (oltretutto suscettibili di "abbassamento" visto il tetto massimo fissato)...se ci saranno sarà solo per una volontà speculatrice di chi produce memorie: è bene tenerlo presente.


Ehm..... l'aumento di prezzo ci sara' di sicuro,e visto che il prezzo alla produzione e'
quello che aumenta, probabilmente l'aumento all'utente finale sara' superiore agli 0,25$
dato che dovra' passare dalla catena importatori/distributori/magazzini/negozi.....
Si spera che comunque l'aumento resti su quell'ordine di grandezza (1 euro o giu di li')....
Spectrum7glr11 Gennaio 2006, 12:12 #7
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Ehm..... l'aumento di prezzo ci sara' di sicuro,e visto che il prezzo alla produzione e'
quello che aumenta, probabilmente l'aumento all'utente finale sara' superiore agli 0,25$
dato che dovra' passare dalla catena importatori/distributori/magazzini/negozi.....
Si spera che comunque l'aumento resti su quell'ordine di grandezza (1 euro o giu di li')....


appunto 1€ non credo che sia una cosa insopportabile...il mio discorso è che di più sarebbe speculazione pura e semplice non giustificata da costi reali.
In ogni caso visto che l'ordine di grandezza dei pezzi prodotti dalle aziende che operano nel settore è sicuramente di molto superiore al milione direi che le ricadute reali sulla singola scheda dovrebbero essere una frazione di quegli 0.25$...già 1€ in più sarebbe forse troppo come prezzo finale al dettaglio per poterlo giustificare con questo balzello.
jiadin11 Gennaio 2006, 12:13 #8
si credo anche io sarà su in 1€ o giù di li l'aumento... è poco quindi non ci sarà da lamentarsi.. certo per microsoft non sarà una cosa indifferente..!
pipozzolo11 Gennaio 2006, 12:14 #9
Ma siamo davvero sicuri che debba pagare chi costruisce la memoria flash?
Io una flash la posso formattare come mi pare... così come un dischetto o un hd.

E ' più probabile che siano i produttori di dispositivi (es macchine fotografiche, lettori mp3 etc etc) che di fatto utilizzano il file system a dover pagare, visto che implementano la gestione del FS FAT brevettato da MS.
Fx11 Gennaio 2006, 12:18 #10
ma è già sicuro che MS li chieda? detiene un botto di brevetti, ma per la maggior parte li tiene lì a far niente...

edit: anche perchè per un'azienda che fattura 50 miliardi di $ l'anno non penso che siano quei 2/3 milioni di $ in più che le cambiano la vita... secondo me ha un valore più strategico che economico

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^