2011, l'anno degli hard disk da 4TB secondo gli analisti

2011, l'anno degli hard disk da 4TB secondo gli analisti

Stando alle previsioni, apparentemente facili in questo caso, il 2011 sarà l'anno in cui faranno la comparsa i primi dischi da 4TB

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 08:41 nel canale Storage
 

I produttori di hard disk tradizionali dovrebbero presentare le prime soluzioni con capienza da 4TB nel corso del 2011, in base alle previsioni di alcuni analisti di settore riportate da Xbitlabs. Certo, si tratta di una previsione tutto sommato facile, poiché attualmente è possibile acquistare modelli da 3TB, tanto da far pensare ad una evoluzione naturale dei modelli. Eppure non è così semplice.

Per realizzare unità da 4TB occorre superare scegliere due strade differenti: creare nuovi piatti in modo da superare, e di molto, la densità dati per area di 530Gb/inch2, oppure usare 5 piatti realizzati con la tecnologia attuale. Entrambe le strade fanno nascere problemi. Il primo di tipo tecnologico, poiché i dischi da 4TB dovranno in qualche modo avere un prezzo proporzionale ai modelli attuali, cosa non facile se non producendo in grandi volumi piatti più densi. Il secondo è puramente pratico, in quando usare più piatti del normale porta inevitabilmente a pensare a un design delle unità decisamente differente, per non parlare del maggior consumo e della riduzione dell'affidabilità (più piatti, più testine, più componenti possono rompersi).

Gli analisti in ogni caso concordano nel dire che la tecnologia Perpendicular Recording verrà portata ancora oltre rispetto ai traguardi odierni, permettendo così di realizzare hard disk da 4TB nel formato da 3,5 pollici, 1,5-2TB in quello da 2,5 e fino a 1TB per i modelli da 1,8. Questi modelli però saranno realizzati con una tecnologia prossima al suo fino corsa, motivo per cui negli anni a venire ne verranno adottate altre, capaci di portare la densità dati per area oltre i limiti odierni.

Fra queste una delle più probabili sarà l'adozione massiccia della Shingle Writing, che permetterà la sovrapposizione di informazioni in alcune aree normalmente esclusive per ciascun dato, replicando concettualmente la disposizione delle tegole di un tetto. Una soluzione che trova già qualche applicazione, ma si tratta si casi sporadici a causa dell'impatto prestazionale, un problema che deve ancora essere superato e relega tale tecnologia all'adozione in dischi esterni molto capienti. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7703 Dicembre 2010, 08:53 #1
MAH..
si sono ragginte densità mostruose, spero però che resti fisso il fattore di sicurezza dei dati scritti.

quando sento di queste super teconologie per hdd la mia paura è sempre quella dell'errore o della stabilità nel tempo del dato scritto..
Paganetor03 Dicembre 2010, 09:11 #2
c'è da dire che la dimensione media dei file archiviati si è ingrandita parecchio: se unavolta c'erano dischi da 1 giga con moltissimi file da 100 kb, oggi ci sono dischi da 1 tera con file da 100 mega. Teoricamente, quindi, in caso di guasto perderesti lo stesso numero di file

viceversa il costo dei supporti è sceso moltissimo, per cui non vedo percè un utente non possa avere un banale disco esterno per i backup (non parliamo di quelli che ne fanno un uno pro o semi-pro: lì mi rifiuto di credere che ci sia gente che pensa di "stare tranquillo" con una sola copia del proprio materiale).
axel_8303 Dicembre 2010, 09:33 #3
Anche io ho sempre avuto il terrore che dischi con maggiore densità potessero nascondere qualche insidia dal punto di vista della sicurezza dei dati. Fortunatamente nel corso degli anni le mie preoccupazioni si sono sempre rivelate infondate. Spero che anche questo passaggio sarà indolore.
Penso già ad un bel RAID 5 con 6 dischi...
benderchetioffender03 Dicembre 2010, 10:11 #4
meh, finchè la tecnologia rimane, con i dovuti adeguamenti, al tipo "piatti", secondo me i problemi di sicurezza nel tempo non ci sono: è un tipo di tecnologia che ormai ha piu di vent'anni, diciamo che è ultrarodata, e recentemente anche hd che i tool mi danno per "vecchi" mi funzionano ancora (e io li uso come backup ridondante di terza&quarta copia ) insomma se trattati bene son cose che valgon tutti i soldi spesi (il piu vecchio avrà 12 anni)
semmai le preoccupazioni sono per tutte le nuove forme di hd: i perpendicular e gli ssd, son relativamente giovani e sinceramente li vedo fuori luogo se non hai un "tradizionale" per backup
Paganetor03 Dicembre 2010, 11:06 #5
oggi come oggi dischi "tradizionali" e SSD possono tranquillamente convivere: i primi hanno un ottimo rapporto prezzo/capienza e prestazioni accettabili, i secondi sono ottimi dal punto di vista della velocità ma non del prezzo... un parco dischi "ibrido" installato in un PC rimane conveniente e pratico per chi può (e vuole) spendere qualche euro in più per avere velocità (SSD) e ridondanza (un paio di dischi convenzionali belli capienti)
Mparlav03 Dicembre 2010, 11:11 #6
Personalmente le mie priorità per gli hdd sono diventate, minori consumo e rumore possibile, e per questo apprezzo i modelli da 5200/5900 giri in commercio, ed il minor numero di piatti/testine, perchè statisticamente hanno minori probabilità di rottura.
Adesso siamo a 667/750 Gb a piatto, se presto arrivano anche quelli da 1Tb a piatto, tanto meglio
Progmatrix03 Dicembre 2010, 12:41 #7
4 , 5 o 6 TB chi se ne frega! Voglio vedere quando verrà abbandonata questa tecnologia ,per dare pienamente spazio ai SSD!
avvelenato03 Dicembre 2010, 13:21 #8
Attualmente le tecnologie più promettenti sono il patterned media e la scrittura assistita dal calore (hamr), e pare che entrambe abbiano il potenziale di portare a due ordini di grandezza le dimensioni attuali dei dischi, quindi 300tb.

ergo, qualche news fa ho scommesso che dischi da 30tb in poi sarebbero stati tutti ssd, in quanto la crescita esponenziale delle memorie a stato solido contro quella lineare e tentennante dei dischi tradizionali: è vero che di sicuro nella vita c'è solo la morte e le tasse, però se tanto mi dà tanto mi sa che la scommessa la perdo, meno male che non ho scommesso soldi!

comunque vedremo, è anche vero che senza almeno una killer application in grado di diffondere la necessità d'uso di dischi tanto capienti, non ci saranno tutti quegli investimenti in ricerca che serviranno per trasformare un limite teorico in un'applicazione pratica... oggi giorno c'è molta più necessità di velocità che di capienza, nei dischi.
FroZen03 Dicembre 2010, 14:13 #9
Io sono strafelice del mio WD Green da 2TB costato ben 77€

L'anno prossimo se ne aggiungono 3 e avrò a basso prezzo circa 3,5TB puliti di spazio ridondati in RAID 10 con una fault tollerance di due dischi sulle due coppie, ovvero dovrei essere quanto meno sicuro.......d'altronde backuppare 3tb non è così semplice ...
marchigiano03 Dicembre 2010, 14:15 #10
Originariamente inviato da: Progmatrix
4 , 5 o 6 TB chi se ne frega! Voglio vedere quando verrà abbandonata questa tecnologia ,per dare pienamente spazio ai SSD!


quando gli ssd saranno convenienti?

Originariamente inviato da: avvelenato
Attualmente le tecnologie più promettenti sono il patterned media e la scrittura assistita dal calore (hamr), e pare che entrambe abbiano il potenziale di portare a due ordini di grandezza le dimensioni attuali dei dischi, quindi 300tb.

ergo, qualche news fa ho scommesso che dischi da 30tb in poi sarebbero stati tutti ssd, in quanto la crescita esponenziale delle memorie a stato solido contro quella lineare e tentennante dei dischi tradizionali: è vero che di sicuro nella vita c'è solo la morte e le tasse, però se tanto mi dà tanto mi sa che la scommessa la perdo, meno male che non ho scommesso soldi!

comunque vedremo, è anche vero che senza almeno una killer application in grado di diffondere la necessità d'uso di dischi tanto capienti, non ci saranno tutti quegli investimenti in ricerca che serviranno per trasformare un limite teorico in un'applicazione pratica... oggi giorno c'è molta più necessità di velocità che di capienza, nei dischi.


infatti se leggi anche la news sui 25nm di micron pare che sti ssd non miglioreranno in modo esponenziale come credevamo prima...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^