Microsoft Edge, ecco la nuova funzione che riduce l'uso di RAM e CPU

Microsoft Edge, ecco la nuova funzione che riduce l'uso di RAM e CPU

Microsoft sta studiando nuove soluzioni per ridurre l'impatto di Microsoft Edge sulle risorse di sistema e quindi sull'autonomia dei portatili. La nuova funzionalità sperimentale si chiama "Sleeping tabs" e sembra promettere bene.

di pubblicata il , alle 08:41 nel canale Software
EdgeMicrosoft
 

Da quando Microsoft ha adottato le stesse fondamenta di Google Chrome (Chromium) per Edge, il browser di Windows 10 guadagna nuove funzionalità e miglioramenti a un ritmo superiore al passato. Nelle scorse ore, la casa di Redmond ha svelato "Sleeping tabs", una novità volta a ridurre l'uso della memoria RAM e della CPU da parte del browser. Le Sleeping tabs saranno disponibili presto sui canali Canary e Dev.

Le "schede dormienti" si basano sulla tecnologia di "freezing" di Chromium, una soluzione che mette in pausa le attività in background (pubblicità, javascript, timer degli script, ecc.) di una scheda non in primo piano per minimizzare l'uso di risorse. A differenza delle "Discarded tabs", dove la pagina viene completamente ricaricata, le Sleeping tabs riattivano tutto il contenuto se ci cliccate sopra, come se aveste cliccato la pausa di una canzone.

Per "schede non in primo piano" intendiamo quelle che blocchiamo ad esempio per ascoltare un video su YouTube che non ha bisogno di essere visto, magari mentre leggiamo qualcos'altro in un'altra scheda. Oppure la tab di un social network, o di un servizio di streaming musicale, o semplicemente un articolo che lasciamo in una scheda per leggerlo a distanza di ore.

Di base Microsoft ha impostato che le schede entrino nello stato di "sleep" dopo 2 ore di inattività, ma il tempo può essere modificato. Passando il mouse su una scheda sospesa Edge mostra il messaggio "This tab is sleeping to save resources" (questa scheda sta dormendo per risparmiare risorse) e basterà cliccarci sopra per riattivarla e accedere immediatamente al contenuto.

Microsoft consente di aggiungere determinati siti a una lista all'interno delle Impostazioni per evitare che la rispettive schede entrino in stato sleep. A ogni modo, secondo test interni, la casa di Redmond ha registrato una riduzione media dell'uso della RAM da parte di Edge del 26%. "I nostri test hanno anche mostrato che una normale scheda in background usa il 29% in più della CPU per Edge rispetto alla scheda dormiente. Questi risparmi di risorse dovrebbero portare a una maggiore autonomia sui notebook", aggiunge Microsoft, sottolineando che i risultati variano in base all'hardware e altri parametri.

Per abilitare la funzionalità sperimentale Sleeping Tabs sulle build Canary e Dev (87.0.649.0) è necessario entrare in Edge://flags e attivare le voci "Enable Sleeping Tabs" e "Sleeping Tabs use observed site characteristics heuristics". Dopo aver riavviato Edge basta andare in Impostazioni - Sistema e abilitare la voce Sleeping Tabs.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
giovanni6925 Settembre 2020, 08:49 #1
Questo è davvero interessante!
Ma aspetterò la release ufficiale.
Grazie.
jepessen25 Settembre 2020, 09:58 #2
Non capisco perche' di default e' 2 ore invece di molto meno. Personalmente le avrei messe in sleep dopo 30 secondi.
The_ouroboros25 Settembre 2020, 11:10 #3
Originariamente inviato da: jepessen
Non capisco perche' di default e' 2 ore invece di molto meno. Personalmente le avrei messe in sleep dopo 30 secondi.


30 secondi è troppo poco
pachainti25 Settembre 2020, 18:57 #4
Questa funzionalità è presente da oltre un anno su firefox e 5 anni su chrome.
Estensioni: firefox e chrome.
a4300326 Settembre 2020, 18:03 #5

Microsoft Edge, ecco la nuova funzione che riduce l'uso di RAM e CPU

Questa nuova funzionalità di EDGE (chromium) è attivabile anche in windows 7?
Sono andato nelle flag ma non esistono quella indispensabili da attivare per ottenere lo scopo voluto. Avete notizie a riguardo dato che non riesco a trovare navigando nessuna notizia che dica che sia possibile ma neanche nessuna che dica solo per win 10.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^