Sempre più automotive nel futuro di NVIDIA

Sempre più automotive nel futuro di NVIDIA

L'azienda americana conferma il proprio forte interesse per le soluzioni dedicate al mondo delle automobili. Potenza di calcolo e GPU messe a servizio dei guidatori, andando nella direzione di auto in grado di guidare da sole

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Schede Video
TegraQuadroNVIDIATesla
 

Nel corso degli ultimi anni abbiamo avuto modo di osservare i radicali cambiamenti ai quali è andata incontro NVIDIA. L'azienda pone al centro dei propri sviluppi tecnologici le GPU, come è naturale che sia, ma è venuto a cambiare quantomeno in parte l'insieme dei mercati di riferimento nei quali NVIDIA opera.

Se continuano a restare forti i settori del gaming e delle soluzioni professionali, queste ultime tanto nel mondo delle workstation grafiche con la gamma Quadro come in quello del calcolo parallelo con le soluzioni Tesla, si apre nuovo spazio di espansione futura nel mondo delle soluzioni automotive. NVIDIA è da tempo presente in questo ambito con i propri SoC per sistemi mobile, ma due dinamiche spingono l'azienda con maggior vigore verso questo settore: da un lato l'uscita di scena dal mondo dei dispositivi mobile standard, smartphone e tablet; dall'altro le crescenti esigenze in termini di potenza di elaborazione anche dal versante grafico proprie delle automobili di ultima generazione.

Un incontro organizzato nei giorni scorsi con Danny Shapiro, Sr. Director della divisione Automotive in NVIDIA, ha permesso di approfondire questi temi confermando quanto per NVIDIA la presenza nelle automobili del futuro sia vista come un importante canale di sviluppo per le proprie tecnologie. Più che per la progettazione le soluzioni NVIDIA trovano spazio di utilizzo all'interno degli autoveicoli, quali importanti risorse di calcolo che permettono di fornire ausilio attivo alla guida.

nvidia_automotive_1.jpg (69149 bytes)

I virtual cockpit, cioè l'utilizzo di schermi che prendono il posto dei tradizionali cruscotti analogici, rappresentano solo uno dei primi esempi di come la presenza di potenti GPU possa permettere di cambiare l'utilizzo della propria automobile. Il trend è nella direzione della cosiddetta "software defined car", cioè dell'automobile che integri al proprio interno strumenti di calcolo di elevata potenza che possano venir sfruttati in modo differente, con evoluzioni costanti nel tempo, grazie all'utilizzo di software differenti.

nvidia_automotive_2.jpg (46627 bytes)

Molto interessanti le previsioni di NVIDIA per i prossimi anni: indicano uno sviluppo della tecnologia integrata nelle automobili che porterà a dover gestire sino a 20 milioni di pixel distribuiti tra un numero sempre più crescente di schermi, implementati nelle automobili per gli utilizzi più diversi. GPU quindi per gestire le informazioni all'interno delle automobili, ma anche per elaborare cosa accada fuori dall'auto così da rendere più sicuro il nostro viaggio.

Tutto questo è ottenuto attraverso il deep learning, cioè quel processo che permette all'intelligenza artificiale data dal connubio tra hardware e software di fornire supporto attivo alla guida evitando che l'automobilista si possa mettere in condizioni di pericolo. Il passaggio alle automobili che guidano da sole è a questo punto solo una questione di tempo, con l'evoluzione della tecnologia che punta direttamente verso questa direzione. Al momento attuale i sistemi di ausilio alla guida permettono di evitare collisioni con veicoli che ci precedono, e correggere la traiettoria quando questa non segue l'andamento rettilineo della strada. In futuro sarà possibile fare in modo che i sistemi di ausilio possano intervenire non solo con avvisi sonori e agendo sui freni, ma anche utilizzando lo sterzo e l'acceleratore per uscire da situazioni di potenziale pericolo.

Come detto, quindi, il passaggio verso sistemi di guida senza pilota è una chiara evoluzione verso lo sviluppo futuro ma ci si può domandare quale sia a questo riguardo la volontà dei costruttori di automobili. Guidare è molto spesso una necessità, ma in alcuni casi può trasformarsi in divertimento per chi si mette dietro al volante. Ed ecco quindi che, secondo Shapiro, l'evoluzione futura sarà fatta di un mix tra guida automatizzata e non: la prima interverrà quando il percorso, il traffico e le condizioni richiedano questo con un ritorno alla guida tradizionale con il pilota a governare direttamente il mezzo quando la guida sia più un piacere che una necessità.

Il mondo delle automobili è sempre più caratterizzato da un aspetto visuale, ben evidente sia per l'esposizione delle informazioni tra cruscotto e sistemi di intrattenimento sia per l'utilizzo di un numero sempre più elevato di videocamere che forniscano informazioni quale ausilio alla guida. Quanto rapidamente questo porterà ad un mondo dove le automobili potranno anche andare da sole in piena sicurezza non è dato saperlo, ma è evidente come il ruolo delle GPU per calcolo parallelo sia fondamentale in questo settore tanto quanto lo sia diventato negli scorsi anni per il mondo dei dispositivi mobile, e prima ancora per quello dei PC tradizionali. Ed è anche in questo settore che NVIDIA vuole continuare ad essere presente e sviluppare proprie tecnologie.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno12 Giugno 2015, 20:47 #1
da un lato l'uscita di scena dal mondo dei dispositivi mobile standard, smartphone e tablet;

Dal mondo smartphone sì, ma da quello tablet non mi sembra che si sia proprio ritirata: i loro ultimi SoC sono montati nei tablet HTC e Xiaomi, oltre che nei loro stessi prodotti.
Vedremo che destino avrà l'X1 quando sarà prodotto a 14nm.
gerko13 Giugno 2015, 00:15 #2
umm, auto informatizzate, connesse ad internet, probabili virus. E se un virus causa un'incidente, l'assicurazione paga? Sono andato troppo avanti con la fantasia?
Non basterà più il meccanico.
corvazo13 Giugno 2015, 09:56 #3
Il fallimento del modem è stato un boccone amaro almeno 300 milioni di dollari andati nel cesso se non erro... ma sulle macchine Nvidia ci sta già da più di un anno ormai e non penso sia un flop se continuano in quella direzione...

sarebbe interessante che hwupgrade facesse una recensione su una di queste tecnologie NVidia che pochi sanno cosa sia
fankilo13 Giugno 2015, 10:24 #4
Nvidia esiste da più di qualche anno nel settore automotive,
in particolare per quanto riguarda l infotainment....radio,navigatore per intenderci.
Per i quadri di bordo i chip Nvidia costano troppo e vengono usati solo x prodotti di fascia alta, quando sono richieste prestazioni grafiche 3D al top. Quello visualizzato in foto è il quadro della Audi TT prodotto da Bosch e dietro monta un dissipatore enorme con tanto di ventolina....non è proprio comune per il settore
bobafetthotmail13 Giugno 2015, 18:35 #5
Originariamente inviato da: gerko
umm, auto informatizzate, connesse ad internet, probabili virus. E se un virus causa un'incidente, l'assicurazione paga? Sono andato troppo avanti con la fantasia?
Non basterà più il meccanico.
Se dimostrano che il virus è entrato perchè l'utente è una capra (come avviene nel 99% dei casi attualmente), e se non è un caso isolato è abbastanza palese che è un virus, allora sono cavoli del cliente.

Ma basta che il computer di bordo non sia collegato con le porzioni multimediali del sistema (gestite da un altro computer di bordo, o un "tablet di bordo", e il problema si argina abbastanza bene.
amd-novello13 Giugno 2015, 20:44 #6
Originariamente inviato da: fankilo
prodotto da Bosch e dietro monta un dissipatore enorme con tanto di ventolina....


e la madonna
perché non usano le schede degli smartphone ?
LMCH13 Giugno 2015, 22:52 #7
Originariamente inviato da: amd-novello
e la madonna
perché non usano le schede degli smartphone ?


Differenti specifiche, cominciando con le temperature di esercizio, resistenza agli shock meccanici, ecc.
Tieni presente che l'elettronica deve esser ancora pienamente operativa a 85 gradi celsius di temperatura.
amd-novello13 Giugno 2015, 23:08 #8
ah è vero, altro settore

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^