Schede video contraffatte: la posizione ufficiale di Tul

Schede video contraffatte: la posizione ufficiale di Tul

Tul chiarisce la propria posizione in merito alla vicenda delle schede video contraffatte tramite un comunicato stampa

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:00 nel canale Schede Video
 

Tul Corporation ha rilasciato un comunicato stampa per chiarire la sua posizione in merito alle notizie circolate ieri riguardanti l'esistenza di schede video a marchio PowerColor (marchio detenuto da Tul) commercializzate come schede "Radeon 9600 PRO" ma equipaggiate con chip Radeon 9550.

Di seguito il comunicato ufficiale:

"TAIPEI, TAIWAN (19 October, 2004) – Tul Corporation is hereby declaring that it holds no responsibilities of manufacturing and supplying the forged PowerColor RADEON 9600 PRO graphics cards, found in market earlier this month. Furthermore, Tul has already announced the discontinuation of the product – PowerColor RADEON 9600 PRO 128MB available in 400/600MHz – around Computex Taipei back in June this year.

A few graphics cards, under the PowerColor brand name that contained conflicting ATI processors, were surprisingly found available in a retail store. With the fact that Tul has discontinued the PowerColor RADEON 9600 PRO 128MB in 400/600MHz, which announcement also being posted on Tul’s official website for four months by now, Tul suspects the occurrences of false usages and sales of PowerColor products by unknown parties. Ted Chen, C.E.O. of Tul Corporation, stated, “The forgery act not only jeopardizes Tul’s credibility to its customers and Tul’s relationship to the channels, it also drives the VGA industry to an unhealthy condition.”

To prevent possible forgery in the future, Tul immediately initiated actions that include sending out warnings to its closed partners, posting an important announcement on the website to its end customers, as well as distributing an official statement to the press worldwide. Moreover, Tul is in the process of originating a laser sticker on its upcoming packages so that customers can recognize the genuine PowerColor products upon purchase.

“As unpleasant as the matter is, our precautions are very essential, because we do not allow this kind of concerns happen again,” said Chen. “We strongly suggest customers to purchase the PowerColor products through our certified distributors and channel partners for a maximum protection of their rights and benefits,” concluded Chen."

Con il comunicato Tul Corporation ha dichiarato di non avere alcuna responsabilità nella produzione e distribuzione delle schede PowerColro Radeon 9600PRO, ribadendo che la compagnia ha inoltre sospeso la produzione di tali schede nel mese di Giugno attorno alla settimana del Computex di Taipei. Ted Chen, CEO di Tul, ha dichiarato: "La contraffazione non solo attenta seriamente alla credibilità di Tul per i propri clienti e per le relazioni con i principali canali ma porta il settore delle schede video verso condizioni poco sane.

Per prevenire altre vicende spiacevoli Tul ha immediatamente avviato una iniziativa per contrassegnare i propri prodotti con particolari "laser-sticker" per permettere agli utenti di riconoscere i prodotti PowerColor originali al momento dell'acquisto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pikkoz20 Ottobre 2004, 16:28 #1
Bah tanto volendo anche stì sticker possono venire contraffatti..
marck7720 Ottobre 2004, 16:29 #2
vabbè.. morale della favola: trovatemi una 9550 da comprare al prezzo di un 9550 ma che possa essere trasformata in 9600PRO con lo stesso trucchetto! :-P Delle schede dei russi non me ne frega nulla :-D
*ReSta*20 Ottobre 2004, 17:54 #3
ma in fondo se il chip è della 9550 è = a quello 9600 e va alle stesse frequenze cosa cambia?
thegood8520 Ottobre 2004, 19:17 #4
Originariamente inviato da *ReSta*
ma in fondo se il chip è della 9550 è = a quello 9600 e va alle stesse frequenze cosa cambia?

Che non dovrebbe andare alle stesse frequenze, ma a frequenze molto minori (quasi la metà!!!
Quindi è una schede molto overcloccata di default (sempre che quelle vendute avessero le frequenze della 9600 e non della 9550!!)
Cynese20 Ottobre 2004, 20:51 #5

!!!!!!

A volte dicino che il marchio di un prodotto non vale ma basta la sostanza che è la stessa tipo le schede video!!!!!!!!!!!!invece secondo me il marchio conta abbastanza e si vede anche su queste cose infatti ad es io non comprerò mai e poi mai un prodotto marchiato PW perchè si possono trovare delle sorprese simili...
goblin_mordecai21 Ottobre 2004, 00:20 #6
Mah, io alle marche non ci credo più. La fregatura se ti capita ti capita
Onda Vagabonda21 Ottobre 2004, 08:18 #7
Commento # 4 di : thegood85 pubblicato il 20 Oct 2004, 19:17
quote:
--------------------------------------------------------------------------------
Originariamente inviato da *ReSta*
ma in fondo se il chip è della 9550 è = a quello 9600 e va alle stesse frequenze cosa cambia?
--------------------------------------------------------------------------------

Che non dovrebbe andare alle stesse frequenze, ma a frequenze molto minori (quasi la metà!!!
Quindi è una schede molto overcloccata di default (sempre che quelle vendute avessero le frequenze della 9600 e non della 9550!!)


Tuttavia molti prodotti "nascono" già abbondantemente overcloccati (vedi quei processori che hanno i piedini isolati) pertanto se riesci a spingerti molto con un ulteriore overclock senza un eccessivo overvolt ed un eccessivo surriscaldamento... WHY NOT!!!

Ed inoltre questi stickers saranno pure loro perfettamente copiabili...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^