Rambus trascina NVIDIA in tribunale

Rambus trascina NVIDIA in tribunale

Avviata una pratica legale contro il colosso delle schede video per violazione di brevetto. Rambus conferma la propria familierità con le aule di tribunale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:59 nel canale Schede Video
NVIDIARambus
 

Abbiamo spesso parlato di Rambus, azienda californiana specializzata nella progettazione di particolari tecnologie di memoria. Purtroppo ci siamo spesso trovati a parlare delle varie iniziative legali intraprese da Rambus contro altre aziende piuttosto che di novità tecnologiche nel campo memorie.

Non fa eccezione questa volta: Rambus ha infatti deciso di avviare presso la United States District Court for the Northern District of California un'azione legale nei confronti di NVIDIA accusandola di aver infranto una serie di brevetti.

Nella documentazione depositata da Rambus vengono citati una serie di prodotti di NVIDIA provvisti di controller di memoria SDR, DDR, DDR2, DDR3, GDDR e GDDR3 che violerebbero 17 brevetti di proprietà di Rambus. I prodotti citati, che interessano almeno sei diverse linee di prodotto NVIDIA, comprenderebbero chipset, processori grafici, processori multimediali e di comunicazione.

Tom Lavelle, senior vice president e responsabile legale di Rambus, ha dichiarato:

"Per oltre sei anni abbiamo cercato di trovare un punto di convergenza con NVIDA, con un accordo di licenza, ma tutti i nostri sforzi sono stati vani. I prodotti multimediali e grafici richiedono prestazioni di memoria di alto livello e quando NVIDIA porta avanti la propria proposta prodotti, continua a violare i nostri brevetti. Non abbiamo altra scelta che adire alle vie legali per proteggere la nostra proprietà intellettuale e chiedere un equo compenso per l'uso dei nostri brevetti. Abbiamo comunque la speranza di poter continuare a confrontarci con NVIDIA per poter negoziare un patteggiamento.

A questo indirizzo è possibile trovare la documentazione integrale (PDF da 3,1MB) depositata da Rambus.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

53 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
taros8611 Luglio 2008, 11:03 #1
peeeeerò...
Wilfrick11 Luglio 2008, 11:05 #2
siamo alle solite.
Paganetor11 Luglio 2008, 11:08 #3
è il business del periodo: sviluppare delle tecnologie, brevettarle e metterle da parte... quando qualche big le "riscopre" gli si salta al collo e si ottengono una marea di soldi.

oddio, tecnicamente quelli di rambus hanno anche ragione, ma io comincerei a mettere dei "vincoli" sulla brevettabilità: se brevetti qualcosa, devi produrlo oppure cedere/vendere a qualcuno il brevetto entro 12 mesi, altrimenti il brevetto decade...
omega72611 Luglio 2008, 11:10 #4
Secondo me invece a questo giro NVIDIA paga....
MaxArt11 Luglio 2008, 11:16 #5
Mmm, tutto questo può aver avuto origine dalla collaborazione tra NVidia e RamBus per la PS3?
PhoEniX-VooDoo11 Luglio 2008, 11:17 #6
Missa che nei bilanci di Rambus la quota maggiore di entrate è rappresentata da rimborsi in seguito ad azioni legali sui loro caspita di brevetti
papafoxtrot11 Luglio 2008, 11:18 #7
ora nvidia si compra rambus e festa...
bLaCkMeTaL11 Luglio 2008, 11:24 #8
M questa RAMBUS cosa produce/vende? Secondo me è solo un consorzio formato da patent-troll e andrebbero fermati.
taros8611 Luglio 2008, 11:25 #9
Colei che invetò i rebus...
PhoEniX-VooDoo11 Luglio 2008, 11:29 #10
Originariamente inviato da: bLaCkMeTaL
M questa RAMBUS cosa produce/vende? Secondo me è solo un consorzio formato da patent-troll e andrebbero fermati.


http://www.rambus.com/us/products/index.html

io aggiungerei un 6° prodotto: CAUSE LEGALI

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^