PCI Express x16: a che punto siamo?

PCI Express x16: a che punto siamo?

Le prime piattaforme per il nuovo standard PCI Express debutteranno il prossimo mese di Aprile su processori Intel Pentium 4. Quali prodotti video sfrutteranno il nuovo standard?

di pubblicata il , alle 18:15 nel canale Schede Video
Intel
 
L'architettura PCI Express è stata uno dei temi principali che sono stati analizzati nel corso dell'Hardware Upgrade Technical Workshop, tenutosi a Milano lo scorso Sabato 24 Gennaio. Nel corso dell'evento è stata approfondita l'analisi tecnica di PCI Express, con particolare riferimento alle implementazioni native o con bridge.

Come noto a tutti gli appassionati, sia nVidia che ATI presenteranno nei prossimi mesi nuovi prodotti video top della gamma, dotati di supporto a pixel e vertex shader 3.0 e capaci, almeno stando alle aspettative, di porre nuovi limiti sia prestazionali che, soprattutto, visivi nel campo della grafica 3D dei videogames.

Mancano al momento caratteristiche tecniche dei due nuovi progetti, nomi in codice NV40 per nVidia e R420 per ATI, ma quello che ci si potrà attendere da entrambi i prodotti sarà sicuramente un nuovo livello di realismo nella grafica 3D. La speranza di tutti gli appassionati è che, progressivamente, questo aumentato realismo e coinvolgimento venga reso disponibile non solo nei demo tecnologici dei produttori, ma soprattutto nei videogame in commercio.

Resta da capire che tipo d'interfaccia di connessione le due nuove architetture nVidia e ATI utilizzeranno, se quella AGP oppure quella PCI Express. Quest'ultima, infatti, verrà ufficialmente introdotta da Intel con la prossima generazione di schede madri per processori Pentium 4, attese al debutto nel mese di Aprile.

Sia nVidia che ATI, stando alle informazioni attualmente disponibili, hanno in sviluppo soluzioni PCI Express di tipo nativo. nVidia ha presentato alcune settimane fa, al CES di Las Vegas, un chip bridge da PCI Express a AGP, soluzione che permetterà al produttore californiano di utilizzare la propria attuale generazione di chip video, pensati per interfaccia AGP, su schede video PCI Express, senza la necessità di modificare in alcun modo il chip video stesso.

L'approccio di ATI è viceversa molto più diretto: il produttore canadese non prevede d'introdurre soluzioni video PCI Express basate su l'utilizzo di bridge, ma sta sviluppando nuove soluzioni video PCI Express native. Questo, ovviamente, richiede del tempo e al momento mancano dettagli su quando ATI avrà disponibili le proprie schede video PCI Express.

Per questo motivo, non vedremo in commercio l'attuale generazione di schede video ATI con connessione PCI Express, sempre a patto che ATI non scelga d'introdurre nei prossimi mesi un proprio chip bridge al pari di nVidia.

L'approccio nVidia, d'altro canto, permetterà al produttore americano di avere disponibili pressoché da subito soluzioni video PCI Express sfruttando il proprio bridge, mentre non appena il mercato richiederà soluzioni PCI Express native in volumi, nVidia potrà introdurre in volumi i propri chip PCI Express nativi.

L'utilizzo di un bridge da PCI Express a AGP 8x, è bene ricordarlo, permette di sfruttare da subito i chip video attualmente in commercio, tutti pensati per interfaccia AGP, in abbinamento a piattaforme PCI Express. D'altro canto il bridge non permette di sfruttare tutta la bandwidth massima teorica a disposizione dei sistemi PCI Express nativi, introducendo della latenza addizionale rispetto ad un approccio senza bridge.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

61 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
massidifi26 Gennaio 2004, 19:38 #1
Secondo me la soluzione con bridge sarà leggermente più lenta della soluzione AGP...questo passaggio con conseguente latenze mi puzza...Vedremo
lasa26 Gennaio 2004, 19:42 #2
Mi sa tanto che non resta altro che aspettare...se non altro finalmente ci sarà qualche bella novità su cui discutere.....
Ginopilot26 Gennaio 2004, 19:50 #3
Ma a cosa serve pci-express 16x se gia' agp8x va uguale a agp4x e praticamente uguale a agp2x?
Dim3nsionZer026 Gennaio 2004, 20:06 #4
scusate ma che differenza c'è tra pci-express e pci-x di apple?? so che il pci-x è l'erede del pci (ha più banda) mentre per l'express si parla solo di schede video...
franky300026 Gennaio 2004, 20:31 #5
Senza nulla toglierre al PCI-Express, secondo me , attualmente non servirà a molto(almeno in campo video, vedi il passaggio tra i vari AGP 2X, 4X...!!)se non a far spendere soldi a ki non avendo una buona cultura informatica( non ki legge siti come questi!! ;-> pensa nome nuovo = prodotto migliore!! ciao
Marci26 Gennaio 2004, 20:43 #6
non so se eravate presenti al workshop, ma una delle principali migliorie apportate dal PCi-Express era la simmetria della banda che era 4Gb sia verso che dalla scheda video mentre l'AGP ha 2Gb verso la scheda e 150Mb dalla scheda.
Poi si vedrà.
Byezz
phobos0426 Gennaio 2004, 20:56 #7

pci express non serve?

Stiamo per assistere al più importante upgrade degli ultimi 10 anni.Vedrete se ci saranno vantaggi con tale soluzione!
hemmenthal26 Gennaio 2004, 20:59 #8

ancora una volta meglio ATI

conviene passare direttamente al PCI express nativo, soprattutto per le nostre tasche
Ginopilot26 Gennaio 2004, 21:05 #9
Quali vantaggi? A parte quelli teorici ovviamente. A me sa tanto di pacco anche piu' grande del sata. Almeno quello ha il vantaggio di utilizzare cavi meno ingombranti.
OverClocK79®26 Gennaio 2004, 21:15 #10
speriamo sistemino anke il discorso di alimentazione della skeda video
nn se ne può + di sti molex

BYEZZZZZZZZZZZZZZ

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^