Nvidia RTX 3000, lo strano dissipatore nasconde un coprocessore?

Nvidia RTX 3000, lo strano dissipatore nasconde un coprocessore?

Lo strano prototipo di dissipatore delle future schede Nvidia ha aperto a varie ipotesi sul design delle nuove schede video. L'ultima in ordine di tempo apre allo spostamento degli RT core dalla GPU a un coprocessore posizionato sul lato opposto del PCB.

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Schede Video
NVIDIAGeForceAmpere
 

Quando non si comprende appieno qualcosa, spesso ci si lancia in ipotesi più o meno verosimili: a volte ci si azzecca, altre volte no. Tra gli argomenti caldi di queste settimane troviamo senza dubbio il prototipo di dissipatore che Nvidia starebbe vagliando per le nuove GeForce RTX 3000. Come riportato nelle scorse ore, probabilmente non è l'unico design in sviluppo, ma certamente il progetto con due ventole, una per lato del PCB, ha aperto molti interrogativi sulle schede.

Peraltro, un altro punto interessante, sembra proprio essere il PCB, con dimensioni contenute e con un finale a "V". Secondo lo Youtuber Coreteks, tale progetto potrebbe nasconderebbe qualcosa di inedito, ossia la presenza da un lato del PCB della GPU, mentre sul lato opposto capeggerebbe un secondo chip, un coprocessore chiamato "trasversal coprocessor". Per questo motivo Nvidia avrebbe posizionato le ventole in tal modo, al fine di raffreddare non un chip, ma due.

Il "trasversal coprocessor", apparso in un brevetto Nvidia del 2018, avrebbe il compito di gestire tutto ciò che compete al rendering del ray tracing. Secondo la fonte, a differenza delle GPU Turing che integrano gli RT core accanto ai CUDA core e ai Tensor core, le nuove GPU Ampere vedrebbero gli RT core separati dal resto della GPU, nel coprocessore posto sull'altro lato del PCB. Il brevetto, insieme alla possibilità di rendere la realizzazione del core grafico più economica e aumentare la resa produttiva, depone a favore di una soluzione simile, il che non vuol dire che sarà applicata necessariamente con le nuove proposte, ma è quantomeno allo studio.

Secondo lo Youtuber, spostare gli RT core su un chip separato aprirebbe inoltre la possibilità alla realizzazione di schede dedicate al ray tracing, per aggiungere tale capacità a sistemi privi di GPU con unità dedicate. Un qualcosa che, in un certo qual modo, ricorderebbe AGEIA con le sue soluzioni PhysX deputate all'accelerazione dei calcoli dedicati alla fisica.

Al momento questa idea ci appare ancora più irreale di quella del coprocessore, ma abbiamo imparato che il mondo dell'hardware è sempre pronto a stupirci, quindi non ci resta che attendere ulteriori indiscrezioni in previsione di un debutto della nuova serie che potrebbe avvenire a settembre.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cignox115 Giugno 2020, 10:50 #1
Vendere schede esplicitamente dedicate al RT potrebbe essere una ottima idea ma SOLO se non lo si fa a scapito di quelle tradizionali: perché abbia successo, RT necessita di una base utente di dimensioni decenti. Non la ottieni se chiedi agli utenti di comprare una scheda ulteriore.
Ma se tu proponi la scheda "RT only" solo per chi fa rendering/previsualizzazione spinta/design etc, ridurresti il costo dell'hw RT, aumenteresti l'interesse dell'industria e chissá, magari arriverá anche un giorno in cui i giochi full RT saranno cosí tanti che qualcuno potrebbe decidere di acquistare direttamente una scheda RT only (se viene sviluppata pensando anche a questa possibilitá, tipo supporto a OGL/DX etc).
WarSide15 Giugno 2020, 10:52 #2
Ha molto senso iniziare a dividere in più chip anche la GPU per ridurre i costi ed aumentare la resa produttiva.

Quando AMD introdusse il design a chiplet, davo quasi per scontato che avrebbero usato lo stesso approccio anche con le gpu, invece non mi sembra ci sia nulla del genere all'orizzonte
al13515 Giugno 2020, 10:59 #3
si famo come le schede physix chi se le scorda ....
inutili
nickname8815 Giugno 2020, 11:01 #4
Originariamente inviato da: al135
si famo come le schede physix chi se le scorda ....
inutili
Basta che escono
cronos199015 Giugno 2020, 11:04 #5
Originariamente inviato da: al135
si famo come le schede physix chi se le scorda ....
inutili
Direi che l'esempio non è calzante. Il Physx sono di fatto istruzioni software (tant'è che se non avevi una GPU Nvidia potevi usarlo, seppure malissimo, con la CPU). Qui parliamo di una forte implementazione hardware.
al13515 Giugno 2020, 11:24 #6
Originariamente inviato da: cronos1990
Direi che l'esempio non è calzante. Il Physx sono di fatto istruzioni software (tant'è che se non avevi una GPU Nvidia potevi usarlo, seppure malissimo, con la CPU). Qui parliamo di una forte implementazione hardware.


ma se il rtx si puo' usare anche sulle amd (sempre di mexxx)... non credo... tutto si puo' fare, ovvio che se c'è un reparto hardware dedicato è meglio
AkiraFudo15 Giugno 2020, 11:29 #7
Originariamente inviato da: cronos1990
Direi che l'esempio non è calzante. Il Physx sono di fatto istruzioni software (tant'è che se non avevi una GPU Nvidia potevi usarlo, seppure malissimo, con la CPU). Qui parliamo di una forte implementazione hardware.


ma all'inizio dovevi avere la scheda dedicata PPU AGEIA Physx. Poi AGEIA è appunto fallita ed è stata rilevata da nVidia, diventando cuda physx.
CrapaDiLegno15 Giugno 2020, 11:33 #8
Nel disegno del brevetto il Traversal Coprocessor è all'interno della GPU stessa, non fuori.
E c'è un semplice motivo: gli RT core addetti appunto all'attraversamento degli alberi binari devono collaborare a stretto giro con le unità di calcolo degli shader (vedere le doppia frecce da e verso le unità shader, da Turing in poi con anche funzioni per il calcolo della geometria).
Portare fuori una unità di calcolo così "profonda" è il contrario di quanto si sia fatto da quando di sviluppano processori ovvero portare tutto il possibile dentro.

L'aumento di efficienza e prestazioni è un ordine di grandezza superiore.
cronos199015 Giugno 2020, 11:38 #9
Originariamente inviato da: al135
ma se il rtx si puo' usare anche sulle amd (sempre di mexxx)... non credo... tutto si puo' fare, ovvio che se c'è un reparto hardware dedicato è meglio
Perchè l'RTX è gestito dalle API presenti nelle DX12, ovvio che non esiste solo l'hardware.

Ma c'è un motivo per cui un motore fisico (che sia Physx o Havok) non è mai stato gestito tramite hardware dedicato, mentre la stessa AMD che tu citi sta comunque introducendo delle GPU che possiedono componenti hardware specifici. Certo, a meno di clamorose smentite. Non è questione di meglio o meno, quanto di fattibile o meno. L'RT, ora come ora, non lo è senza hardware dedicato.

Tra l'altro stiamo mettendo a confronto due cose che centrano poco tra loro. Il Physx era un patetico tentativo di Nvidia di imporre uno standard proprietario e "chiuso" sul mercato per favorire la vendita delle sue schede (tant'è che le stesse istruzioni che fornivano per farlo funzionare con la CPU erano volutamente castrate). Quando tra l'altro c'era già lo stesso Havok che funziona benissimo.
Il RT invece è un sistema che impatta direttamente sulla grafica e non si tratta di una tecnologia Nvidia uscita dal cilindro per vendere una manciata di schede in più, ma una precisa tecnica di rendering dell'illuminazione (con tutto quello che ne consegue) che esiste da 50 anni.

Che vorrebbe essere il sistema naturale da adottare per chiunque ma che non è stato possibile per via delle richieste troppo esose, che solo in questi ultimissimi anni si riescono ad avere per poterle poi applicare ai videogiochi.
fraussantin15 Giugno 2020, 11:42 #10
Ma sarà per raffreddare eventuali moduli di memoria posteriori?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^