NVIDIA: centro di ricerca e sviluppo in Cina

NVIDIA: centro di ricerca e sviluppo in Cina

La compagnia californiana ha deciso di aprire un nuovo centro di ricerca e sviluppo in Cina, intensificando l'interesse nell'are asiatica

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:21 nel canale Schede Video
NVIDIA
 

Oltre all'apertura di un nuovo centro di uffici a Beijing, NVIDIA ha intenzione di realizzare un centro di ricerca e sviluppo nella parte più ad est della Cina che si focalizzerà sullo sviluppo di prodotti consumer. NVIDIA sta prendendo in considerazione alcune località nella provincia di Jiangsu, in particolare Suzhou, Kunshan e Songjiang.

La compagnia ha aperto recentemente una serie di uffici a Beijing che si occuperanno delle vendite promozionali, del customer service e del supporto tecnico per la regione e collaboreranno con gli uffici di NVIDIA e i design center a Shenzhen, Shanghai e Hong Kong.

In Cina sta infatti crescendo la domanda per prodotti consumer, come TV high-definition e Set-Top-Boxes, ad un tasso maggiore rispetto alla domanda relativa ai prodotti PC in senso stretto. La compagnia ha inoltre investito un miliardo di dollari US per il centro di ricerca e sviluppo di Bangalore, occupato nella realizzazione di prodotti portatili e palmari.

Il principale rivale di NVIDIA, ovvero la canadese ATI Technologies, ha intenzione di reclutare circa 600 impiegati per il 2005, la maggior parte dei quali negli uffici presenti nella regione Cinese ed Asia-Pacific e focalizzati sullo sviluppo di processori multimediali per l'impiego in telefoni cellulari, HDTV e STB.

Oltre a NVIDIA e ATI vi sono altre compagnie taiwanesi come VIA Technologies e Silicon Integrated Systems che stanno intensificando gli sforzi nella regione cinese.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

54 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LCol8424 Giugno 2005, 15:34 #1
Aprissero qualcosa qui in italia...
icoborg24 Giugno 2005, 15:36 #2
2020 USA......United States of Asia.
zuLunis24 Giugno 2005, 15:38 #3
va bè con quello che paghi di tasse per un dipendente qui in Italia, paghi lo stipendio a 3 cinesi lì.. ovvio ke non aprono una sega qui Link ad immagine (click per visualizzarla)
zuLunis24 Giugno 2005, 15:39 #4
Originariamente inviato da: icoborg
2020 USA......United States of Asia.

mah io inizio seriamente a preoccuparmi per il futuro per quanto riguarda la sicurezza internazionale.. la Cina inizia sempre più a diventare potente e con il regime ke si ha lì non mi sorprenderei se qualcuno decidesse di fare qualke cappellata... poi boh, sono preoccupazioni personali nn so fino a che punto i paladini della giustizia, ossia gli USA potrebbero aiutare
fek24 Giugno 2005, 15:46 #5
Originariamente inviato da: zuLunis
nn so fino a che punto i paladini della giustizia, ossia gli USA potrebbero aiutare


Freedom isn't free
It costs folks like you and me
And if we don't all chip in
We'll never pay that bill
Freedom isn't free
Freedom costs a buck 'o five
trydent24 Giugno 2005, 16:07 #6
Sarà sempre più necessario conoscere le lingue orientali...oltre l'inglese ovviamente
magilvia24 Giugno 2005, 16:49 #7
nn so fino a che punto i paladini della giustizia, ossia gli USA potrebbero aiutare

Paladini della giustizia ?
L'invasione dell'Iraq senza motivo, la presa per i fondelli non solo del popolo americano, che purtroppo non ha un minimo di spirito critico, ma di tutta la comunità internazionale, le torture nella carceri, la costante e totale violazione della privacy, lo sfruttamento senza remore delle risorse naturali, non ti dicono niente ?
Certo il governo cinese è molto peggio ma gli USA non sono la soluzione, come ampiamente dimostrato. La soluzione è la diffusione pacifica dei valori occidentali da parte di tutte le nazioni liberali...
majin boo24 Giugno 2005, 16:49 #8
Originariamente inviato da: zuLunis
mah io inizio seriamente a preoccuparmi per il futuro per quanto riguarda la sicurezza internazionale.. la Cina inizia sempre più a diventare potente e con il regime ke si ha lì non mi sorprenderei se qualcuno decidesse di fare qualke cappellata... poi boh, sono preoccupazioni personali nn so fino a che punto i paladini della giustizia, ossia gli USA potrebbero aiutare


OT
suvvia...
neanche un colosso come la cina ha nè avrà le capacità e i mezzi per imporre un dominio su scala globale, cosa che contrasterebbe peraltro con la filosofia del libero mercato. comunque i "paladini della giustizia" americani hanno una visione tutta personale sui concetti di "libertà" e per l'appunto "giustizia", termini che generalmente coincidono con la logica di profitto delle multinazionali...non per polemizzare ma solo per puntualizzare..
/OT
zerothehero24 Giugno 2005, 16:50 #9
Originariamente inviato da: trydent
Sarà sempre più necessario conoscere le lingue orientali...oltre l'inglese ovviamente



e nà follia...se mi devo imparare migliaia di ideogrammi del mandarino...piuttosto sono loro che devono imparare l'inglese.
majin boo24 Giugno 2005, 16:51 #10
Originariamente inviato da: magilvia
Paladini della giustizia ?
L'invasione dell'Iraq senza motivo, la presa per i fondelli non solo del popolo americano, che purtroppo non ha un minimo di spirito critico, ma di tutta la comunità internazionale, le torture nella carceri, la costante e totale violazione della privacy, lo sfruttamento senza remore delle risorse naturali, non ti dicono niente ?
Certo il governo cinese è molto peggio ma gli USA non sono la soluzione, come ampiamente dimostrato. La soluzione è la diffusione pacifica dei valori occidentali da parte di tutte le nazioni liberali...

quoto.mi hai preceduto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^