Nomi, configurazioni e prestazioni: nuove voci sulle GPU Intel Arc Alchemist

Nomi, configurazioni e prestazioni: nuove voci sulle GPU Intel Arc Alchemist

Tre modelli e due GPU costituirebbero la prima generazione di schede video desktop destinate al gaming di Intel, in arrivo nei primi mesi del 2022. Tra voci sulle configurazioni e le prestazioni, spunta anche un indizio sul possibile nome delle nuove proposte.

di pubblicata il , alle 08:11 nel canale Schede Video
IntelArcAlchemist
 

Anche se mancano ancora molti mesi al debutto, circolano nuove indiscrezioni sulla serie di schede video desktop Arc "Alchemist" che segnerà il ritorno di Intel nel mondo delle GPU ad alte prestazioni destinate al mercato gaming. Le voci di corridoio diffuse dallo youtuber Moore Law is Dead (MLID) si concentrano sulla lineup e le sue prestazioni, confermando buona parte dei rumor circolati nelle ultime settimane.

Intel dovrebbe presentare almeno tre modelli desktop caratterizzati da 512, 384 e 128 Execution Unit (EU). Il modello top di gamma da 512 EU (otto Render Slice con 4 Xe-Core ciascuno portano ad avere un totale di 512 Vector/Matrix Engine dato che ogni Xe-Core ne contiene 16) avrebbe prestazioni tra la GeForce RTX 3060 Ti e la RTX 3070 Ti, in modo simile a quanto indicato da una precedente slide. La vicinanza a una o l'altra scheda NVIDIA dipenderà ovviamente dai driver e dai giochi, ma per ora sembra che la RTX 3080 e schede superiori siano fuori portata.

Intel affiancherà alla GPU Alchemist più potente 16 GB di memoria GDDR6 a 16 Gbps su bus a 256 bit, anche se non è da escludere che Intel possa presentare una variante con chip a 18 Gbps. Per quanto riguarda la GPU, in rete si parla di un'area di 396 mm2 e una frequenza operativa tra 2,2 e 2,5 GHz. Quanto al TDP, la scheda dovrebbe stare sotto i 235W e presentarsi sul mercato con due connettori di alimentazione, uno a 8 pin e uno a 6 pin.

La scheda con GPU "castrata" a 384 EU dovrebbe essere associata a 8 GB di memoria GDDR6 su bus a 192/256 bit (non è ancora chiaro). Stando a MLID, Intel avrebbe anche testato una variante con 448 EU, ma al momento tale configurazione sembrerebbe essere stata scartata oppure sarà usata nel settore notebook, dove dovremmo vedere più varietà nelle configurazioni. Questo modello di scheda video Intel Arc offrire prestazioni tra la RTX 3060 e la RTX 3060 Ti.

Leggi anche: Intel Arc Alchemist, con Xe-Core e XeSS è sfida a Nvidia e AMD sulle GPU gaming

Infine, Intel dovrebbe introdurre una seconda GPU destinata al mercato entry level, equipaggiata nella sua massima espressione con 128 EU. Non si tratterà di una scheda video gaming nel vero senso della parola visto che dovrebbe avere prestazioni tra la GTX 1650 e la GTX 1650 SUPER (ma con supporto hardware al ray tracing, seppur di dubbia utilità). La GPU dovrebbe operare anche in questo caso tra 2,2 e 2,5 GHz ed essere affiancata da 8/4 GB di memoria GDDR6 su bus a 64 bit.

Parallelamente, il leaker @momomo_us ha intercettato alcuni documenti in cui Intel sembra svelare la nomenclatura delle sue future schede video desktop. Sembra che le soluzioni Alchemist arriveranno sul mercato con il nome commerciale "Arc aXXX", dove la "a" starà per Alchemist e le "X" per una cifra numerica progressiva che dovrebbe trasmettere il livello prestazionale di ogni modello. Ne consegue che, qualora Intel dovesse continuare a seguire questo schema, le future GPU Battlemage, Celestial e Druid dovrebbero chiamarsi rispettivamente Arc bXXX, Arc cXXX e Arc dXXX.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ninja75027 Settembre 2021, 08:47 #1
come già detto il successo sarà dato dalla disponibilità

e potrebbe essere paradossalmente più interessante la entry in fascia 250€ piuttosto che quelle che andranno a sovrapporsi alle perf 3070
bonzoxxx27 Settembre 2021, 09:09 #2
Concordo, disponibilità e aggiungerei supporto driver
Gyammy8527 Settembre 2021, 10:15 #3
Originariamente inviato da: ninja750
come già detto il successo sarà dato dalla disponibilità

e potrebbe essere paradossalmente più interessante la entry in fascia 250€ piuttosto che quelle che andranno a sovrapporsi alle perf 3070


Non vedo come Intel entri in un mercato dai prezzi fuori controllo mantenendo i prezzi bassi per un non meglio precisato amore verso l'utenza, ma anche se fosse, a 250 euro avremmo probabilmente una scheda che va come le schede da 250 euro di tre anni fa, non danno la top a 250 euro, soltanto quello porterebbe ad un ribasso dei prezzi globali
Gringo [ITF]27 Settembre 2021, 10:16 #4
Mi piace sentire la frase "Supporto Driver"....
... Intel ha un suo tools che controlla il suo Hardware e devo dire che il mio Surface Pro 4 ha avuto almeno una 30 ina di aggiornamenti driver dal tool intel contro i 5 che avrebbe avuto da Microsoft, Intel paradossalmente fa più aggiornamenti della stessa Microsoft, quindi è l'ultimo dei problemi, il problema reale è solo uno.

DISPONIBILITA VS PREZZO

E se ci teniamo 25/30 $ sotto l'equivalente fascia AMD / NVIDIA siamo già messi male, poi aver aperto ai PARTNERS non farà altro che abassare la disponibilità e aprire tutto ai miners che già trepidano di provarle visti i consumi ridotti.
Saturn27 Settembre 2021, 10:18 #5
Fosse vero, fosse vero, che Intel riesca a infilarsi nel mercato delle schede video !!!
bonzoxxx27 Settembre 2021, 10:22 #6
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
Mi piace sentire la frase "Supporto Driver"....
... Intel ha un suo tools che controlla il suo Hardware e devo dire che il mio Surface Pro 4 ha avuto almeno una 30 ina di aggiornamenti driver dal tool intel contro i 5 che avrebbe avuto da Microsoft, Intel paradossalmente fa più aggiornamenti della stessa Microsoft, quindi è l'ultimo dei problemi, il problema reale è solo uno.

DISPONIBILITA VS PREZZO

E se ci teniamo 25/30 $ sotto l'equivalente fascia AMD / NVIDIA siamo già messi male, poi aver aperto ai PARTNERS non farà altro che abassare la disponibilità e aprire tutto ai miners che già trepidano di provarle visti i consumi ridotti.


Non credo si piazzerà troppo sotto ai concorrenti..
le_mie_parole27 Settembre 2021, 10:23 #7
se fosse vero sarebbe una perdita di tempo per intel, o tirano fuori qualcosa che si distingue nettamente dalle proposte amd/nvidia o non dureranno, tdp folli, specifiche castrate e performance risibili per fasce di prezzo assurde non stanno in piedi, a meno qualcuno che non si inventerà un altro modo per fermare l'economia mondiale, dureranno il tempo appunto dall'attuale crisi
Gyammy8527 Settembre 2021, 10:23 #8
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
Mi piace sentire la frase "Supporto Driver"....
... Intel ha un suo tools che controlla il suo Hardware e devo dire che il mio Surface Pro 4 ha avuto almeno una 30 ina di aggiornamenti driver dal tool intel contro i 5 che avrebbe avuto da Microsoft, Intel paradossalmente fa più aggiornamenti della stessa Microsoft, quindi è l'ultimo dei problemi, il problema reale è solo uno.

DISPONIBILITA VS PREZZO

E se ci teniamo 25/30 $ sotto l'equivalente fascia AMD / NVIDIA siamo già messi male, poi aver aperto ai PARTNERS non farà altro che abassare la disponibilità e aprire tutto ai miners che già trepidano di provarle visti i consumi ridotti.


Si ma se si buttano sul gaming sfidando le discrete amd e nvidia devono darti un driver che sfrutti l'hardware per bene, non si tratta di far andare qualche giochino a bassi frame, la più potente integrata che hanno la uhd750 non vede manco col binocolo la più lenta apu amd ryzen del 2017
nickmot27 Settembre 2021, 10:33 #9
Originariamente inviato da: Gyammy85
Si ma se si buttano sul gaming sfidando le discrete amd e nvidia devono darti un driver che sfrutti l'hardware per bene, non si tratta di far andare qualche giochino a bassi frame, la più potente integrata che hanno la uhd750 non vede manco col binocolo la più lenta apu amd ryzen del 2017


Guarda, con le ultime integrate (le XE) il discorso é cambiato.
Almeno sui notebook offrono prestazioni abbasatanza simili, anzi la Iris Xe si mangia la Vega 6 integrata del mio 4600H.
Gringo [ITF]27 Settembre 2021, 10:42 #10
uhd750 non vede manco col binocolo la più lenta apu amd ryzen del 2017


Tutto si vedrà nel 1Q del 2022, la serie 11xxx di Intel per quanto presente va considerata OLD-GEN, tutto si giocherà con gli Alder Lake S e T e le loro versioni per portatili, che inizieranno si spera ad essere disponibili a Ottobre / Novembre, data che Microsoft non ha voluto aspettare, mi ritardi di 18 mesi un Surface e poi ci sbatti la serie 11xxx poco prima dell'ingresso della 12xxx.... SCAFFALE.

Quindi si giocherà tra GPU Xe della Serie 12xxx e le ARC Axxx se non soddisferanno ci sarà da ridere, comunque i prezzi non sembrano male, di solito il TOP veniva sempre venduto a 999$ .... ora siamo sui 699$ ... servirebbero comunque almeno 150$ di differenza perchè uno opti per la Arc A512 .... piuttosto che una Testata RTX3070...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^