Le prime indiscrezioni anche sulle GPU AMD post Hawaii

Le prime indiscrezioni anche sulle GPU AMD post Hawaii

Sempre grazie ad alcuni risultati del benchmark Sandra emergono le prime indiscrezioni, nuovamente non ufficiali, sulle future GPU desktop top di gamma di AMD. Alcuni dati, tuttavia, sono in contraddizione tra di loro

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:41 nel canale Schede Video
AMD
 

Aggiornamento: inserite alcune precisazioni sulla tecnologia di memoria che si presume verrà utilizzata in abbinamento alla scheda Radeon R9 390X.

Dopo le indiscrezioni sulla futura scheda video top di gamma di NVIDIA, modello che potrebbe prendere il nome di GeForce GTX Titan II, è il momento della prossima generazione di GPU AMD per sistemi desktop. In questo caso ci riferiamo alle schede che presumibilmente prenderanno il nome di Radeon R9 390X e Radeon R9 390.

Anche in questo caso il punto di partenza sono due data entry pubblicati sul sito del benchmark Sandra, dai quali emergono risultati di test per due schede video non meglio precisate ma che dalle specifiche potrebbero essere le due nuove proposte top di gamma attese da AMD.

Per Radeon R9 390X i dati indicano una GPU con 4.096 stream processors, raggruppati in 64 compute units, con frequenza di clock di 1 GHz e 4 Gbytes di memoria video con frequenza di clock di 1,25 GHz abbinati a un bus da 4096bit di ampiezza. Un dato di questo tipo implica l'utilizzo di tecnologia di memoria 3D stacked di tipo HBM, High Bandwidth Memory, per la prima volta al debutto su una scheda video del segmento desktop. Grazie a questa tecnologia si ottiene un incremento molto elevato della bandwidth, in quanto quella di ogni singolo modulo memoria viene sommata a quella degli altri.

Un modulo HBM con frequenza di clock di 1 GHz mette a disposizione una bandwidth massima teorica di 128 Gbytes al secondo; con 4 di questi moduli a 1,25 GHz di clock la scheda Radeon R9 390X raggiunge una bandwidth massima teorica di 640 Gbytes al secondo quindi doppia rispetto a quanto messo a disposizione dalla scheda Radeon R9 290X. Il quantitativo di soli 4 Gbytes è del resto un altro dato che conferma la possibilità che venga utilizzata questa tecnologia per la memoria: al momento sono infatti disponibili solo moduli HBM dalla capacitò di 1 Gbyte ciascuno.

Per la proposta Radeon R9 390 troviamo GPU con 3.520 stream processors raggruppati in 44 compute units, accanto ad altre rilevazioni per una versione di GPU con 3.200 stream processors raggruppati in 40 compute units, abbinati in questo caso per alcuni modelli a 3 Gbytes di memoria video.

I dati di stream processors e di numero di compute units riportato non siano congruenti: per Radeon R9 390X con 4.096 SP e 64 CU otteniamo singole CU composte da 64 stream processors. Per Radeon R9 390 un quantitativo di 3.520 stream processors abbinato a 44 CU porterebbe ad avere compute units composte ciascuna da 80 stream processors (e discorso identico vale nella declinazione con 3.200 SP e 40 CU). Considerando come le compute units delle GPU Hawaii adottate dalle schede Radeon R9 290 siano tutte con 64 stream processors ciascuna tendiamo a ritenere che il dato di R9 390 sia errato, pari a 55 CU per 3.520 stream processors.

Non possiamo quindi fare grandi deduzioni alla luce di questi dati, se non ipotizzare quello che per molti versi è scontato: le schede Radeon di prossima generazione sono attese ad un sensibile balzo in avanti in termini prestazionali rispetto alle soluzioni Radeon R9 290 attualmente in commercio, ottenuto principalmente attraverso un aumento nel numero di stream processors. Da auspicare che questo sia abbinato ad un incremento dell'efficienza energetica, vero limite delle proposte Hawaii al momento sul mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
acerbo12 Novembre 2014, 09:48 #1
edit
^Robbie^12 Novembre 2014, 10:44 #2
Se le specifiche dovessero essere confermate, si dimostrerebbero dei bei mostriciattoli
Tatsuya12 Novembre 2014, 10:48 #3
Interessante, speriamo di vedere presto queste soluzioni in modo da capire in che modo amd vuole tenere testa\superare quei mostri serie 9 di nvidia, sia lato prestazioni sia consumi
ironman7212 Novembre 2014, 10:49 #4
Dal sistema aio di dissipazione ....e' gia' un mezzo flop... per temp e consumi..
http://www.overclock3d.net/gfx/arti...2062602110l.jpg
MadMax of Nine12 Novembre 2014, 10:51 #5
Potrebbe significare una potenziale R9 M395X per il refresh del iMac 5K, cosa molto interessante visto che a 5K serve molta potenza...
Lights_n_roses12 Novembre 2014, 11:12 #6
dubito che saranno sconvolgenti visto che probabilmente saranno ancora a 28 nm, notizia di stamani su fudzilla pare che sia AMD che NVIDIA abbiamo abbandonato la possibilità dei 20nm perché le rese dei wafer sono troppo poco elevate.
ciccio357p12 Novembre 2014, 13:26 #7
Originariamente inviato da: MadMax of Nine
Potrebbe significare una potenziale R9 M395X per il refresh del iMac 5K, cosa molto interessante visto che a 5K serve molta potenza...


Il problema non è la potenza l'attuale r9 m295x sarebbe anche sufficiente se non fosse che dai primi test in rete ,si nota che dopo pochi secondi di un gioco o rendering 3d la temp arriva a superare i 105 gradi e di conseguenza si declocca con evidenti cali prestazionali....
Somma la AMD deve necessariamente abbassare i consumi e le temperature se vuole competere con nvidia.......
ironman7212 Novembre 2014, 13:28 #8
Originariamente inviato da: ciccio357p
Il problema non è la potenza l'attuale r9 m295x sarebbe anche sufficiente se non fosse che dai primi test in rete ,si nota che dopo pochi secondi di un gioco o rendering 3d la temp arriva a superare i 105 gradi e di conseguenza si declocca con evidenti cali prestazionali....
Somma la AMD deve necessariamente abbassare i consumi e le temperature se vuole competere con nvidia.......


E dal dissipatore ibrido la vedo dura...r9 390x naturalmente
Ale55andr012 Novembre 2014, 14:13 #9
"ottenuto principalmente attraverso un aumento nel numero di stream processors. Da auspicare che questo sia abbinato ad un incremento dell'efficienza energetica, vero limite delle proposte Hawaii al momento sul mercato."



il nocciolo sta tutto li: dal poco che emerge niente nuova architettura, ma gcn 1.x "all'infinito" scalando verso l'alto le unità elaborative. Di conseguenza, solo un nuovo pp potrebbe migliorare la situazione consumi/calore...ma i nuovi pp li utilizzerà anche nvidia con maxwell, già di suo molto efficente... AMD è il caso si dii una svegliata. L'unica nota positiva, è che forse IN PARTE (cioè oltre al fatto di non aver nulla di davvero nuovo da proporre), il mantenimento di gcn è dovuto al fatto che i titoli next gen nascono per sfruttare tale hardware, e mostrano quindi ottime performance su tale architettura senza la necessità di particolari sponsorizzazioni/ mazzette
I titoli ubisoft, a prescindere dagli sponsor, confido invece che continuino a esser programmati da cani, vedendo AC Unity
Max_R12 Novembre 2014, 14:47 #10
Se non c'è una vera e propria architettura mi sa che passo anche questo giro. Mi spiace perchè dopo la prematura morte della mia 6970 sono tornato alla 5870 che non mi garantisce quella fluidità che avevo prima. Magari con un calo dei prezzi di listino mi accaparro una 290 anche se ero parecchio speranzoso per la nuova serie.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^