Layout custom per le future schede video Abit con chip ATI

Layout custom per le future schede video Abit con chip ATI

Il produttore taiwanese, noto per i propri prodotti specifici per tweakers e appassionati, si prepara a introdurre nuove schede video ATI basate su proprio layout custom

di pubblicata il , alle 09:51 nel canale Schede Video
ATI
 

Abit, noto produttore di schede madri e schede video taiwanese, ha da alcuni mesi avviato un rapporto produttivo con ATI per la produzione di schede video della famiglia Radeon.

Al pari della stragrande maggioranza dei partner ATI, i prodotti Abit attualmente in commercio sono basati su reference design ATI, schede prodotte da Sapphire per pressoché tutti i produttori di schede video basate su chip ATI.

Questa politica produttiva rende di fatto tutte le schede Radeon disponibili sul mercato identiche tra di loro, con l'eccezione solo di alcuni prodotti costruiti da MSI per il proprio cliente europeo Medion, nonché per le schede Powercolor (ora nota con il nome di TUL) costruite dalla taiwanese Foxconn.

Abit avvierà la produzione di una propria nuova famiglia di schede video basate su chip ATI Radeon, dotate di layout custom sviluppato dalla stessa Abit. Questo permetterà di avere, con la prossima generazione di soluzioni video, un layout maggiormente differenziato tra le varie schede, per una maggiore disponibilità di prodotti sul mercato.

E' presumibile che anche MSI, produttore che a partire dalle prossime settimane avvierà la produzione ufficiale di proprie schede video Radeon, possa presentare modelli che si differenziano dal reference design ATI, adottato dalla maggior parte degli altri produttori.

Fonte: The Inquirer.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Feanortg06 Aprile 2004, 09:54 #1
Bene! Speriamo che questa politica porti ad un miglioramento sia prestazionale, sia in termini di dissipazione di calore e di silenziosità delle nuove schede, spingendo la concorrenza a migliorare
zerothehero06 Aprile 2004, 10:03 #2
ecco almeno ora avrà un senso dire: prendi questa marca o l'altra...almeno eviterò ogni volta di ridere quando una persona dice: ma questa è una hercules...mica una 3d club (quando poi sono identiche...)...la possibilità di differenziare il layout poi favorirà le case distributrici dal momento che il prezzo al ribasso finirà di diventare l'unico discrimine tra una scheda e un'altra....
permaloso06 Aprile 2004, 10:19 #3
strano che questi produttori adottino questa politica dopo che hercules proprio a causa del suo volersi differenziare dalle"reference"è stata costretta dai costi troppo elevati ad abbandonarla...
il conte06 Aprile 2004, 10:24 #4
Io sapevo che Hercules aveva abbandonato nn per i costi, ma proprio perchè ATI nn permettava più di differenziare, come mai avrà cambiato idea (la ATI, intendo)?
Jena7306 Aprile 2004, 10:58 #5
beh anche ora c'è differenza tra una marca e l'altra... ci sono schede ati che hanno memorie che salgono di più, dissipatori più performanti, costruzione tecnica migliore in definitiva. Quando ai tempi ho comprato la mia gigabyte 9700 pro era decisamente migliore a livello di qualità di una sapphire...
Ora le differenze saranno più evidenti fortunatamente!
lucio6806 Aprile 2004, 11:37 #6
E' forse possibile che la "liberalizzazione" del layout delle schede da parte di Ati per i propri partner sia dovuto al "ritorno" di Ati sul mercato europeo con il proprio marchio, e non solo per le AIW.
Il ragionamento, soprattutto per utenti non troppo attenti o sensibili alle eventuali migliorie apportate da altri brand, potrebbe essere "E' meglio built by che powered by" cioè se è Ati che l'ha brevettate, saranno sicuramente migliori. Per mantenere partnership importanti una strada potrebbe essere proprio quella dello svincolare i partner dalla reference board
-(Lovin'Angel)-06 Aprile 2004, 11:51 #7

Ma mi sa ..mica tanto.

Originariamente inviato da zerothehero
ecco almeno ora avrà un senso dire: prendi questa marca o l'altra...almeno eviterò ogni volta di ridere quando una persona dice: ma questa è una hercules...mica una 3d club (quando poi sono identiche...)...la possibilità di differenziare il layout poi favorirà le case distributrici dal momento che il prezzo al ribasso finirà di diventare l'unico discrimine tra una scheda e un'altra....



Caro 0theHero...
Non è mica tanto vero che le hercules sono = alle 3d Club o altri manifact-producer;
sai che la scheda video, come tutta la componentistica del Pc(in genere) è fatta da tanti pezzettini no..?
IC+ componenti a discreti(R,L,C ecc...) e il prodotto complessivo e le sue prestazioni "nel tempo" dipendono da questi fattori, nonchè la durata del tuo acquisto!

Quindi se assembli una scheda video con componenti di 2° o peggio ancora ..3° scelta la tua SVGA non si sa perchè :" muore a sorpresa!"

Poi vai a vedere e scopri: i condensatori di filtro sono andati, è partito un regolatore di tensione, un integrato si è bruciato...ecc ecc..
Quindi quando asseblano una periferica-> LA QUALITA' dei suoi conponenti c'entra... e come!
Ecco perchè Hercules costa di più ed ha una "bontà" maggiore dei suoi prodotti rispetto alla concorrenza... anche se una porzione del costo è dovuta(ovviam.) anche al Brand.

Cmq. il problema non si pone più, Hercules ha dato forfait.. ti puoi tenere stretta stretta la tua 3D Club... capirai che emozione!
atomo3706 Aprile 2004, 12:00 #8
Credo che abit abbia tutte le carte in regola per dare del reale valore aggiunto all'architettura ati
Non vedo l'ora di vedere cosa si inventeranno!
atomo3706 Aprile 2004, 12:08 #9
x lovin'angel
non sono d'accordo con il tuo commento, Hercules da società europea che è non aveva nessuna possibilità di rimanere competitiva in un mercato fatto di "squali" cinesi e taiwanesi, specialmente considerando che i prodotti (le schede video ATI) erano praticamente tutte uguali.
Per quanto riguarda gli assemblatori di schede ati, non è che possano permettersi di andare a mettere componenti non affidabili sulle schede anche perchè devono sottostare ad uno stretto controllo da parte di ATI.
Tanto è vero che nessuno ha rilevato difettosità più o meno elevate di qualche particolare costruttore.
Io per esempio ho visto in giro moltissime (economicissime) Shappire che non hanno mai dato un problema, e tra le altre cose vengono anche molto "strapazzate" (tra mod ed overclock).
lucio6806 Aprile 2004, 12:26 #10
Sapphire ha goduto del fatto di essere partner di riferimento di Ati negli ultimi anni, tanto che girando per i negozi le Sap si trovano sempre, contrariamente ad altri marchi. Poi anche la qualità dei suoi prodotti è aumentata (o forse si è standardizzata).
Comunque nel prezzo al pubblico, oltre al brand, conta la dotazione accessoria fornita con la scheda.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^